Allarme pantera nel Beneventano, sbranate 2 pecore

A Torrecuso da giorni è caccia al felino Benevento, 1 maggio - Due pecore sono state rinvenute sbranate nelle campagne di Torrecuso, in provincia di Benevento, dove da giorni si è alla ricerca di un grosso felino, forse una pantera, avvistato e denunciato da più persone. A darne notizia è stato il sindaco Angelino Iannella, che già la scorsa settimana aveva affisso all'albo pretorio un avviso con il quale allertava la cittadinanza della presenza del grosso felino e i carabinieri della Forestale. "In contrada San Libero di Torrecuso, per gli amanti dei gatti, - scrive su fb il sindaco, forse per rispondere ironicamente a chi non crede - ci sono due pecore sbranate, il maschio all'interno del recinto, chiuso, e la femmina

Mascherine, è allarme inquinamento: “Ecco come smaltirle”

Malinconico, direttore IPCB-CNR: “Conferirle in sicurezza nei termovalorizzatori” “Le mascherine che utilizziamo per contrastare il Coronavirus, attualmente vendute come monouso e dunque non riutilizzabili né lavabili, devono assolutamente essere conferite in sicurezza sia per gli operatori che procedono alla raccolta che per chi gestisce il destino finale del prodotto. Attualmente l’unica soluzione possibile per il loro smaltimento è l’inserimento da parte dei cittadini in comuni sacchetti di polietilene, quelli più economici in commercio. Quindi, in un secondo momento, le mascherine dovranno essere destinate non alle discariche, bensì a termovalorizzatori o termodistruttori”. Lo ha detto Mario Malinconico, direttore di ricerca dell'Istituto per polimeri, compositi e biomateriali del Cnr e presidente Atia-Iswa, nel corso del webinar “Approccio sistemico al riciclo delle materie prime