Attentato a Parigi, Papa Francesco: “Utilizzare il nome di Dio per giustificare la strada della violenza e dell’odio è una bestemmia”

Dopo l'Angelus di questa domenica, Papa Francesco ha riespresso il suo cordoglio e la sua vicinanza alla Francia, accusando e condannando le "barbarie" di venerdì sera a Parigi "Desidero esprimere il mio dolore per gli attacchi terroristici che nella tarda serata di venerdì hanno insanguinato la Francia, causando numerose vittime. Al Presidente della Repubblica Francese e a tutti i cittadini porgo l’espressione del mio più profondo cordoglio. Sono vicino in particolare ai familiari di quanti hanno perso la vita e ai feriti". Sono queste le parole di Papa Francesco pronunciate oggi in Piazza San Pietro dopo l'Angelus domenicale in riferimento ai fatti di Parigi. Bergoglio, che già ieri aveva commentato gli attentati nella città francese dichiarandoli come fatti "non umani", anche oggi

Angus Deaton, Premio Nobel per l’Economia 2015 per i suoi studi su consumi, povertà e welfare

Lo scozzese, docente di Economia e Affari Internazionali negli Stati Uniti alla prestigiosa Princeton University dal 1983, è stato insignito del riconoscimento per i suoi studi su consumi, povertà e welfare. Nel 2009 scoprì che la soglia della felicità è a quota 75mila dollari Stoccolma, 12 ottobre -  Il Premio Nobel 2015 per l'Economia è stato assegnato allo scozzese Angus Deaton per i suoi studi sui consumi, povertà e welfare. Nato ad Edimburgo nel 1945, Deaton è attualmente professore di Economia e Affari Internazionali alla Woodrow Wilson School of Public and International Affairs (WWS) e al Dipartimento di Economia a Princeton. Ha studiato al Fettes College di Edinburgh, poi all’Università di Cambridge, dov'è stato ricercatore sotto la guida di Richard Stone e di Terry

Nobel per la Pace 2015 alla democrazia tunisina: premiato il “Quartetto nazionale per il dialogo”

È stato assegnato al Quartetto per il dialogo nazionale tunisino il premio Nobel per la Pace 2015 "per il suo contributo decisivo alla costruzione di una democrazia pluralista in Tunisia dopo la rivoluzione dei Gelsomini del 2011". Superata la concorrenza dei più conosciuti Angela Merkel, Papa Francesco e l’agenzia Onu per i rifugiati Oslo, 9 ottobre - È stato assegnato al Quartetto per il dialogo nazionale tunisino il premio Nobel per la Pace 2015  "per il suo contributo decisivo alla costruzione di una democrazia pluralistica nel Paese, sulla scia della Rivoluzione del Gelsomino del 2011". Questa la motivazione del Comitato norvegese dei Nobel da Oslo durante l’annuncio. Nella motivazione si legge inoltre: "Il Quartetto è riuscito a creare un processo politico pacifico in un momento in cui la

Svetlana Alexievich, premio Nobel per la letteratura 2015

Scrittrice e saggista, metà ucraina e metà bielorussa, ha vinto il prestigioso riconoscimento per la sua "opera polifonica, un monumento al coraggio e al dolore della contemporaneità". Dedica il premio alla Bielorussia, "schiacciata dalla storia" e non risparmia uno critica al presidente russo Putin Stoccolma, 9 ottobre - Il premio Nobel 2015 per la Letteratura è stato assegnato alla scrittrice e giornalista bielorussa Svetlana Aleksievic. L’Accademia Reale Svedese l’ha scelta per la "sua polifonica scrittura nel raccontare un monumento alla sofferenza e al coraggio dei nostri tempi". "Fantastico è stato il suo primo commento" - ha detto Sara Danius, neo segretario permanente dell’Accademia. Poi, in una breve telefonata con lil network Stv ha ringraziato la Svezia perché "comprende il dolore russo". Far raccontare

Nobel per la Fisica 2015 a Tataaki Kajita e Arthur McDonald per la scoperta della massa dei nutrini

Annunciati a Stoccolma i vincitori del premio Nobel per la fisica, assegnato dal 1901: sono gli scienziati Takaaki Kajita e Arthur B. McDonald, premiati per le scoperte relative alle particelle più sfuggenti dell'universo, i neutrini. Il giapponese Takaaki Kajita lavora nell'esperimento Superkamiokande dell'università di Tokyo, ed il canadese Arthur B. McDonald fa parte dell'esperimento Sudbury Neutrino Observatory Collaboration e lavora nella Queen's University di Kingston Stoccolma, 6 ottobre - Dopo che ieri è stato assegnato il premio Nobel alla medicina 2015 a tre scienziati che hanno studiato nuove cure per i parassiti e la malaria, oggi è stato il turno della fisica, l'ambito titolo è stato assegnato al giapponese Takaaki Kajita e al canadese Arthur B. McDonald per le loro scoperte sulle oscillazioni della

Alessandro Siani al Gaslini di Genova per donare un sorriso ed una speranza ai piccoli degenti

Inaugurato alla presenza del vicepresidente della Regione Liguria Sonia Viale lo strumento donato da Siani per gli interventi di cardiochirurgia del Gaslini Genova, 11 settembre - Alessandro Siani si è intrattenuto tutto il pomeriggio nei reparti per portare un sorriso ai piccoli degenti dell’ospedale pediatrico genovese. "I bambini i genitori e i medici sono come cuore anima e mente, io da oggi vorrei essere per loro almeno un abbraccio" lo ha detto oggi  l’attore e regista Alessandro Siani in occasione dell’inaugurazione dello strumento donato alla Cardiochirurgia dell’Istituto Gaslini. E di abbracci ne ha distribuito tantissimi a bimbi, genitori e nonni, portando non solo un sorriso, ma vicinanza e comprensione in alcuni dei reparti più impegnativi dell’ospedale pediatrico genovese. Dal piccolo paziente oncologico

Violenza sulle donne, non bastano le campagne choc. “Occorre un cambiamento culturale a partire dalla scuole”

Secondo Simona Vitale, counselor e docente, il femminicidio non si previene con manifesti choc, ma con l'educazione al rispetto verso l'altro Simona Vitale, 38 anni, docente di Sociologia presso l'università Federico II e Suor Orsola Benincasa, studia da anni le relazioni tra  i sessi ed analizza i casi sempre più frequenti di violenza, fino alle conseguenze più terribili. Secondo la studiosa napoletana, le donne tendono spesso a giustificare i comportamenti aggressivi degli uomini, ignorando i primi segnali, per poi arrivare a situazioni estreme: ''La strada giusta consiste nel rispettare anzitutto se stessi, nel saper riconoscere i primi segnali e nel combatterli. Anche cambiando partner, se necessario". Altro errore che le donne compiono spesso: "Credere nell''Io ti cambierò, le altre non ci sono riuscite ma il mio

Chi è Nello Trocchia, il giornalista (senza scorta) minacciato dalla camorra

Per le sue inchieste scomode sulla mafia, Trocchia è stato minacciato da un boss in carcere. Nelle intercettazioni, il camorrista parlando con il fratello, dice: “Al giornalista devo spaccargli il cranio” Nello Trocchia è un giornalista de Il Fatto Quotidiano, del programma Tv La Gabbia in onda sull'emittente La7 e del mensile l'Espresso. Nato a Nola nel 1982, è autore di numerose inchieste sulla mafia e in particolare sul clan dei Casalesi e sui loro affari nel settore dei rifiuti. Recentemente, è stato minacciato da un boss finito in carcere proprio a causa di una sua inchiesta. Durante un'intercettazione datata 10 giugno scorso, si sente il camorrista telefonare al fratello e dire: “Al giornalista devo spaccargli il cranio”. Pur essendo passati

Muore in un incidente stradale John Nash, genio della matematica e premio Nobel per l’economia

Il mondo perde una delle menti più geniali del nostro secolo. Con i suoi studi matematici aveva rivoluzionato il campo dell'economia Ha perso la vita in un incidente stradale in New Jersey il grande matematico John Nash. Il premio Nobel per l’economia, che per anni aveva sofferto di schizofrenia, è scomparso nella giornata di sabato. “A Beautiful Mind” il film che ha raccontato la sua straordinaria vita. Il genio della matematica, riferisce Abc news, si trovava a bordo di un taxi insieme alla moglie Alicia Larde, anch'essa deceduta nell’impatto. L’autista, nel tentativo di effettuare un sorpasso, ha perso il controllo dell’auto scagliandosi contro il guard rail. A dichiararlo è stato il sergente della polizia Gregory William, che ha poi aggiunto che Nash,

Addio Francesco Rosi. Il mondo del cinema italiano perde una stella, Napoli un altro suo figlio illustre

Roberto Saviano lo definisce il "vecchio leone" e di lui esalta "la schiettezza, il rigore, la passione e l'umanità" https://www.youtube.com/watch?v=rElghPCI8m4 Francesco Rosi, il padre di “Le mani sulla città”, lascia con dolore il mondo del cinema. È morto a Roma, nella sua casa - studio a Via Gregoriana, all’età di 92 anni. Con lui per l’ultimo saluto la figlia Carolina, attrice, e i suoi più cari amici, i suoi colleghi Marco Tullio Giordano, Roberto Andò e Giuseppe Tornatore, il suo “discepolo”. Una cerimonia civile lunedì a Roma, alla Casa del Cinema, per il suo ultimo ricordo. Si spegne cosi, nel silenzio, dopo una lunga vita dedita al cinema, all’arte di rappresentare sullo schermo la vita, di “farla rivivere”, come diceva lui stesso. Un

Pino Daniele e i mille colori di Napoli: un ricordo del grande artista che ha saputo emozionare il mondo con la sua musica

Napoli ti saluta Pino, con "Napule è". Flash Mob a Piazza del Plebiscito alle 20,45. Saremo lì in piazza, per cantare insieme e salutare il cantautore, il menestrello, il poeta, l'uomo che ha portato “Napule” nel mondo https://www.youtube.com/watch?v=UGo6ivsaUhk Grande dolore nel mondo della musica. Grande dolore tra i vicoli della sua amata città, quella “Napule è mille culure” ritratta nelle sue canzoni. I cittadini partenopei piangono la scomparsa di un artista senza pari, volato in cielo troppo presto. Un cantante dal timbro inconfondibile, un poeta che con le sue parole ha fatto emozionare migliaia di persone, un musicista capace di far parlare la sua chitarra. L’amore per Napoli, lo sguardo di chi, pur essendo andato via, non ha dimenticato le sue radici, portando con

Samantha Cristoforetti, dall’Accademia Aereonautica di Pozzuoli allo spazio

Si realizza il sogno di quando era bambina all'insegna della scienza. “Nutrizione e salute” il tema portante della missione Il suo nome è Samantha Cristoforetti ed è la prima donna italiana nello spazio. È partita domenica 23 alle ore 22.01 (ora italiana) dal cosmodromo di Bajkonour in Kazakistan. Dopo 6 ore circa e un viaggio tranquillo a bordo della Soyuz TMA-15M, finalmente è arrivata alla Stazione spaziale internazionale. “È andato tutto benissimo, abbiamo visto immagini spettacolari, la prima alba e le stelle”, queste le prime parole appena giunta in orbita. La mamma, in collegamento da Mosca, le ha chiesto: “Lo spazio è come te lo aspettavi?”. “Molto meglio!”, ha risposto Samantha entusiasta. Era tutta la vita che la Cristoforetti si preparava per andare

E’ morto Andrea Baroni, l’ufficiale-gentiluomo della storica trasmissione “Che tempo fa”. Il ricordo dell’Aeronautica Militare

Il popolare Ufficiale dell’ AM e volto noto RAI si è spento a Roma all’età di 97 anni E’ morto ieri a Roma il Generale Andrea Baroni. Ufficiale Meteo tra i più popolari dell’Aeronautica Militare e noto al grande pubblico per aver condotto per molti anni la storica rubrica televisiva RAI Che tempo fa, alternandosi con il suo grande amico e collega Edmondo Bernacca. Marchigiano di nascita (era nato a Fabriano, AN il 14 febbraio 1917) e romano di adozione, conseguì il diploma di perito industriale. Arruolatosi  nel 1939 nell’allora Regia Aeronautica e vinto il concorso in servizio permanente effettivo per il ruolo del Genio Aeronautico, partecipò al secondo conflitto mondiale in ausilio alle truppe schierate sul fronte nord-africano, fornendo  supporto meteo

Mafalda, l’eterna bimba arrabbiata compie 50 anni ma non li dimostra

Il compleanno della bimba ribelle viene celebrato in tutto il mondo Mafalda, la bimba di spirito ribelle dalle domande disarmanti e dalle amare riflessioni, preoccupata per la pace e per i diritti umani, compie 50 anni, ma l'idea di integrarsi con il mondo degli adulti non le piace proprio. Il personaggio dei fumetti più amato da piccoli e grandi nasce il 29 settembre 1964, anno in cui viene pubblicata la prima striscia di fumetti,  disegnata dall'argentino Joaquín Lavado, in arte Quino. Il 15 marzo 1965, Mafalda appare quotidianamente sulle pagine del El Mundo di Buenos Aires. Alcune settimane dopo nascono i personaggi di Manolito, Susanita e Felipe. Alla fine del 1966 vengono pubblicate, in una raccolta, le vignette già uscite sui quotidiani, e senza molta