Sciopero dell’8 marzo indetto di sindacati di base

“Contro la violenza maschile sulle donne e i femminicidi; contro ogni discriminazione di genere e contro le molestie nei luoghi di lavoro" Sciopero dell'8 marzo “contro la violenza maschile sulle donne e i femminicidi; contro ogni discriminazione di genere e contro le molestie nei luoghi di lavoro; contro la precarietà e la privatizzazione del welfare; contro l'obiezione di coscienza nei servizi sanitari pubblici e a difesa della Legge 194, per il potenziamento della reta nazionale dei consultori; contro il disegno di legge Pillon su separazione ed affido". Queste le motivazioni dei sindacati di base Usi (Unione Sindacale Italiana), Cobas (Confederazione dei Comitati di Base), Usb (Unione Sindacale di Base). A queste sigle si aggiunge nella sola Regione Lazio anche la Cgil

8 marzo, 24 ore di sciopero dei trasporti. Le fasce di garanzia di Anm

A Napoli è previsto un corteo organizzato dal comitato Non una di meno, partenza da Piazza dante alle ore 18 In occasione della Giornata internazionale della donna, domani giovedì 8 marzo, è stato indetto uno sciopero generale che riguarderà anche i dipendenti nei settori dei trasporti. Interessati allo sciopero Trenitalia, Italo e Trenord, Alitalia e Blue Panorama e dei mezzi pubblici. Lo sciopero è stato durerà 24 ore; ad aderire molte sigle sindacali, tra cui USB, l’USI Lavoro Privato, Cobas, CUB trasporti, Cgil, Cisl e Uil. Ha dimensioni internazionali, ed è promosso in 70 paesi in tutto il mondo da movimenti femministi come forma di protesta contro ogni forma di discriminazione di genere. A Napoli è previsto un corteo organizzato dal comitato Non una di meno, partenza prevista

L’8 Marzo sciopero femminista contro la violenza economica, la precarietà e le discriminazioni

Il 6 marzo alle ore 11 presso la Galleria Principe di Napoli si farà il lancio dello sciopero, corteo e delle varie manifestazioni che ci saranno nella giornata dell’8 nella città partenopea L'8 Marzo, come una marea, si attraverseranno le strade di Napoli partendo da Piazza Dante alle ore 18 per sfociare nella Galleria Principe dove numerosi artisti Napoletani si esibiranno in concerto. Alcuni nomi: Dolores Melodia, Libera Velo, La Bandarotta, La Boutique Chantante, Ardesia, Valentina Tesorone, Refole ‘e Viento, Marco Messina ELEM-Godere Operaio e altre/i. Saranno presenti alcuni degli artisti e artiste che si esibiranno nella serata dell’8 marzo con pillole di performance unplugged. Per l’occasione, sulla scia di Roma e Bologna, abbiamo deciso di rinominare e risignificare simbolicamente la Galleria Principe, intitolandola a una femminista antifascista antirazzista campana. Il prossimo 8 marzo la marea femminista tornerà nelle

Caserta, mostra d’arte contemporanea “Rosa senza spine”

Inaugurazione 8 marzo, ore 17, Biblioteca comunale "A. Ruggiero" Caserta - Il Comune di Caserta, la Pro Loco, VerbumlandiArt, MoviMenti e Ars Supra Partes propongono per il giorno dedicato alla donna una mostra d’arte contemporanea dal titolo “Rosa senza spine”. L’evento gode del patrocinio dell’Amministrazione comunale di Caserta, del Consolato onorario dell'Uzbekistan per la Campania e il Molise, dell’Associazione Genitori Italiani della Provincia di Caserta, della Fidapa "Calazia" di Maddaloni, dell’Unione Regioni Storiche Europee, di Albatros Magazine e di Liberalibri. La manifestazione si avvale di Annabella Ciardiello quale addetto stampa. L’esposizione, organizzata ed allestita da Ottavia Patrizia Santo, sarà presentata dal critico d'Arte ing. Carlo Roberto Sciascia, Presidente della Pro Loco di Caserta. L’inaugurazione dell’evento è prevista per mercoledì 8 marzo, alle ore 17:00,

Femminicidio: la rivoluzione silenziosa Zapatos Rojos a San Sebastiano al Vesuvio

L’8 marzo in piazza Capasso la tragedia delle donne messicane per dire ‘no’ alla violenza Sono oltre 160 le paia di scarpe che mercoledì 8 marzo, a partire dalle 9:30, saranno posizionate in piazza Raffaele Capasso per Zapatos Rojos / Scarpette Rosse, il progetto d’arte pubblica di Elina Chauvet che, dalla cittadina messicana di Ciudad Juarez, farà tappa a San Sebastiano al Vesuvio (Napoli). Il progetto-denuncia, che assume la forma di un’installazione composta da scarpe rosse femminili per puntare il dito contro il femminicidio e la violenza di genere, è promosso dall’amministrazione comunale su iniziativa dell’Assessorato alla Cultura ed alla Pubblica Istruzione e si realizza in collaborazione con la rete civica formata dai due istituti di istruzione superiore ‘Gaetano Salvemini’ e ‘Salvatore Di Giacomo’, il centro

Pompei Scavi: 8 marzo, ingresso gratuito per le donne. Torna la statua della Venere in bikini, apertura straordinaria Domus

Omaggio alle donne con ingresso gratuito anche nei siti archeologici di Oplontis, Boscoreale e Stabiae nella giornata dell’8 marzo A Pompei un grande ritorno per celebrare la festa della donna. La bella statua della Venere in bikini, oggi conservata al Museo archeologico di Napoli (MANN), ritorna per un giorno nel suo luogo di originaria collocazione e ritrovamento, la domus omonima che dal pregiato manufatto prese nome. Un’iniziativa fortemente voluta dalla Soprintendenza Pompei in accordo con il MANN, che oltre a ribadire il forte legame che lega oggi le due Istituzioni, ne rammenta anche il diretto e storico collegamento dall’epoca borbonica. La casa della Venere in Bikini, dove sarà ricollocata la statua, sarà visitabile, in via eccezionale, per la giornata dell'8 marzo. Subito dopo,

#NonUnaDiMeno: 8 marzo Giornata Internazionale della Donna, è “Sciopero globale”

Un 8 marzo di lotta, la Rete Non Una Di Meno Napoli e Campania aderisce in concomitanza al movimento nazionale, allo sciopero globale in occasione della Giornata internazionale della Donna insieme ad altri 40 Paesi nel mondo L’8 marzo tornerà a essere un momento di mobilitazione femminista attraverso lo strumento dello sciopero generale, indetto ad oggi dalle sigle sindacali: Usi, Slai Cobas per il sindacato di Classe, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc Cgil, per garantire un’astensione reale dal lavoro produttivo e riproduttivo e il coinvolgimento delle donne dentro e fuori i luoghi i lavoro. Il movimento è nato in maniera assolutamente spontanea e virale in tutta la penisola, non veste bandiere politiche e vi aderiscono donne e uomini di ogni età e provenienza. Non Una Di Meno,

Lettera al Direttore, scritta e recitata da Tina Piccolo in occasione della Festa al Circolo PD di Bagnoli.

Tina Piccolo (ambasciatrice della poesia italiana nel mondo - esperta del linguaggio creativo). Sono arrabbiata, sono arrabbiatissima, ma poi sono anche languida, svenevole... Dicono che sono nata da una tua costola? E tu te ne vanti! Talvolta poi me ne dici di tutti i colori e inveisci contro l'evento biblico... ma senza di me che avresti fatto? Ti ho partorito, uomo, ti partorisco ancora, ti allatto, ti insegno tante cose:sono tua sorella.tua madre, tua amante, tua compagna. E tu? Mi hai tenuta schiava, chiamandomi "angelo del focolare"...bella roba! Lavare, stirare, pulire, rammendare, curarti come un bambino viziato, impaurito al primo innalzarsi di temperatura corporea, banale... E io? A partorire, a sopportare le sofferenze del ciclo femminile, a dire "Sto bene"anche se la

8 Marzo 2012. Poesia, musica e tanto divertimento al Circolo PD di Bagnoli.

Grande successo per la Giornata Internazionale della Donna con una serata al Circolo Pd di Bagnoli all'impronta della buona musica, della poesia e della recitazione. Promossa da Pasquale Vespa, Direttore di NapoliTime e segretario protempore del PD locale, la serata ha visto la partecipazione di tantissimi artisti che hanno voluto dimostrare come anche nei luoghi della politica è possibile incontrarsi e parlare di polis ma con un'impronta culturale, all'insegna del buon umore. Agli artisti presenti, il tenore Giuseppe Scognamiglio, il cantante Antonio Onorato, i poeti Dora Della Corte, Rosaria Cerino, ed Antonio Pascucci, si sono uniti la professoressa Margherita  Russolillo, la soprano Antonella De Pasquale e Caterina Pennacchio, membri del PD bagnolese, che hanno dato con poesie ed il canto, il loro contributo

8 Marzo 2012, Giornata Internazionale della Donna. Non sono tutte Rose e Fiori.

In una giornata dedicata alle donne come quella dell’8 marzo, ancora oggi siamo ben lontani dall’eguaglianza tra donne e uomini in molti campi, tra i quali lavoro, politica, istituzioni. Da decenni se ne parla, dal lontano 1968 con la presa di coscienza femminile, ma a tutt’oggi i passi che si sono fatti non hanno apportato quei frutti sperati, difatti la presenza femminile è ancora esigua nei posti chiave del nostro paese. Il governo che è stato appena messo da parte per far largo ad uno tecnico, aveva riportato a galla un’antica concezione della donna, apprezzandola al solo fine di riposizionarla orizzontalmente, e concedendole limitati poteri politici dietro un nulla-osta che passa per camere segrete. Le statistiche, che lasciamo a chi ne fa largo