Elezioni Regionali, “Mai più la Terra Dei Fuochi” sceglie di sostenere Caldoro

Espulso dal M5S l'attivista Angelo Ferrillo si schiera con il governatore uscente, dopo la tentazione di una corsa in solitaria. E sul web in molti criticano duramente la scelta del blogger. Ma lui si difende: “Caldoro qualcosa ha fatto” Aveva provato la corsa in solitaria Angelo Ferrillo, con il suo movimento “Mai più la Terra dei Fuochi”. Entrato nell'agone politico e spogliatosi dai panni di attivista per vestire quelli di candidato presidente alla Regione Campania, Ferrillo dopo essere stato espulso dal Movimento Cinque Stelle per aver contestato le regole del gioco a cui aveva deciso di partecipare, ha annunciato nel corso di una conferenza stampa, che “Mai più la Terra dei Fuochi” appoggerà il governatore uscente Stefano Caldoro. “La nostra è una

Terra dei Fuochi: i comitati si dividono le piazze. Si comincia con la 2^ Mobilitazione Generale. Seguirà a Bagnoli, Stop Biocidio contro lo Sblocca Italia

Il 25 a Piazza Dante la prima manifestazione in calendario è la “2^ Mobilitazione Generale”. La coalizione sociale Stop Biocidio sarà in piazza il 7 novembre a Bagnoli contro il decreto Sblocca Italia Napoli, 23 ottobre — Non manca di certo il veleno in Terra dei Fuochi e non si limita solo all’inquinamento dell’ambiente, ma è radicato tra gli animi di chi invece congiuntamente dovrebbe impegnarsi a difesa del proprio territorio. La spaccatura tra i differenti comitati in difesa di Terra dei Fuochi è sempre più evidente e a dimostrarlo sono essenzialmente le mobilitazioni di massa che si susseguiranno nei prossimi giorni ed organizzate in modo disgiunto ed autonomo e non senza polemiche ed accuse dall’uno e dall’altro fronte. Già a luglio la situazione era apparsa