Inaugurazione anno giudiziario, il Pg Riello: no all’antimafia di facciata

No alla sola antimafia delle fiaccolate e ai perbenismi di facciata "La vera antimafia sta all'antimafia delle sole fiaccolate e dei proclami come l'agricoltura sta all'agriturismo: quest'ultimo costituisce la versione turistica, patinata e, in definitiva, fasulla dell'agricoltura". Lo ha detto il procuratore generale presso la Corte di Appello di Napoli, Luigi Riello, all'inaugurazione dell'anno giudiziario. Per sconfiggere i fenomeni delittuosi, a parere di Riello, è necessario comunque "che scatti quella rivoluzione culturale di cui tanto si parla. Non abbiamo bisogno di perbenismi di facciata, di anatemi roboanti, ma di profonda consapevolezza della gravità della situazione". Poi uno sguardo alla città e alle sue due anime, quella legale è quella illegale: "La presunta città legittima condanna quella illegittima quale fonte di disagio e

“Stese” della camorra, de Magistris: “Bisogna chiedere allo Stato di interromperle”

Il sindaco di Napoli: “Non fu sufficiente la risposta dell’Esercito, lo abbiamo detto un anno fa, nonostante le dichiarazioni roboanti dell’allora ministro dell’Interno”. Il Procuratore generale Riello: “Sottrarre i minori alle famiglie in cui li si induce e insegna a delinquere” Napoli, 28 gennaio – “Allo Stato bisogna chiedere di interrompere le 'stese' (la pratica degli spari all'impazzata, ndr). Da tantissimo tempo chiedo più mezzi, risorse umane e materiali al Governo centrale. Non fu sufficiente la risposta dell'Esercito, lo abbiamo detto un anno fa, nonostante le dichiarazioni roboanti dell'allora ministro dell'Interno (Angelino Alfano, ndr)”. Lo ha affermato a margine dell'inaugurazione dell'anno giudiziario, tenutasi oggi a Castel Capuano, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. “Noi – ha aggiunto il sindaco – stiamo

Dopo Ercolano, una nuova tegola sul Pd Napoli: il caso Giugliano. Poziello rinviato a giudizio

Pd nella bufera per un nuovo caso giudiziario, e Renzi penserebbe al commissariamento Rinvio a giudizio per associazione a delinquere, truffa aggravata e turbativa d’asta, queste le accuse mosse dal gup di Napoli, Vittoria Foschini, nei confronti di Antonio Poziello, vincitore delle primarie del Pd per la scelta del candidato alla carica di sindaco di Giugliano (Napoli), svolte circa un mese fa. L'inchiesta è relativa ai corsi di formazione in Campania risalente al 2008. La prima udienza del processo è stata fissata per il prossimo 15 maggio dinanzi alla terza sezione penale del tribunale di Napoli. Dopo gli avvisi di garanzia che hanno tagliato la testa ai vertici del Comune di Ercolano con l'inchiesta su appalti truccati che vede coinvolti il sindaco

Anno giudiziario, “allarme ascesa clan”

Protesta personale amministrativo per mancata riqualificazione (ANSA) - NAPOLI, 24 GEN - "La sicurezza pubblica in Campania continua a destare allarme a causa della presenza di clan camorristici, tra loro in ascesa e in continua conflittualità, e per l'endemico e crescente attecchimento della devianza minorile". Lo ha detto il presidente della Corte di Appello di Napoli Antonio Buonajuto all'inaugurazione dell'anno giudiziario. Nel corso della cerimonia c'è stata la protesta di cancellieri, segretari e impiegati, che si sono presentati con un nastro rosso al braccio.