Benevento: risolto il giallo della morte di un anziano abbandonato

Fermata la convivente che da circa dodici anni accudiva l'uomo È stato risolto il giallo della morte di un anziano abbandonato la scorsa notte lungo la strada nei pressi dell'ospedale civile di Benevento. Grazie alle immagini di un impianto di videosorveglianza presente in zona, gli uomini della Squadra Mobile di Benevento sono riusciti a identificare il cadavere, che al momento del ritrovamento era avvolto in una coperta con addosso un pigiama. Si tratta di Mario Rocco Castellano, 84 anni, di Grottaminarda in provincia di Avellino. Le indagini, dirette dalla Procura di Benevento retta da Aldo Policastro, hanno portato al fermo di una donna di 64 anni di Gioi, in provincia di Salerno, che da circa dodici anni accudiva l'uomo ed era sua

Cadavere senza documenti trovato a Benevento

L'anziano indossava un pigiama ed era privo di documenti Benevento, 16 febbraio - Durante la notte, nei pressi dell'ospedale civile di Benevento, è stato trovato un cadavere di un anziano avvolto in una coperta. Dopo una segnalazione, fatta da alcuni passanti, sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 e le forze dell'ordine. L'anziano indossava il pigiama ma era privo di documenti di riconoscimento. Gli investigatori, in attesa dell'autopsia per chiarire le cause del decesso, sono al laviro per cercare di dare un nome all'uomo, esaminando in primis le denunce di scomparsa presentate nelle ultime ore.

Ospedale San Paolo, anziano muore dopo 7 ore di attesa

72enne al San Paolo 3 giorni fa con stessi sintomi, dimesso Napoli, 10 febbraio - Indagini sono state avviate dalla Polizia a Napoli in relazione alla morte di E.E., di 72 anni, avvenuta ieri alle 21 nel Pronto Soccorso dell'ospedale San Paolo e per la quale i familiari hanno presentato una denuncia riferendo che l'uomo si trovava nel nosocomio dalle 14.30 (in codice giallo) per dolori addominali. Secondo quanto ricostruito dalla Polizia anche sulla base della denuncia, l'uomo era stato portato nello stesso ospedale tre giorni fa con gli stessi sintomi ed era stato dimesso dopo alcuni accertamenti. Il pm ha disposto il sequestro della cartella clinica e l'autopsia.

Napoli, gettano anziano nel cassonetto per “gioco” e per vincere la noia

Identificati in 4 grazie ad un video postato su Facebook che ritraeva la bravata Napoli, 14 agosto - Gettare un anziano con problemi di salute in un cassonetto? Un gioco, per loro molto divertente, per ammazzare la noia di serate vuote. Così hanno giustificato il loro gesto, diventato virale dopo la diffusione di un video su Facebook, i quattro giovani che nei giorni scorsi hanno prima afferrato l'uomo e poi lo hanno preso in braccia per scaraventarlo in un cassonetto dei rifiuti nella zona di Fuorigrotta, a Napoli. L'impresa da bulli - ripresa con un cellulare - viene preceduta da una sorta di 'pedinamento' dell'uomo, che ha problemi di salute. Poi la presa e il divertimento finale mentre in sottofondo si odono

Marigliano: 90enne dà fuoco a rifiuti, denunciato

L'anziano è stato sorpreso dai militari con un accendino Napoli, 1 maggio - I carabinieri forestali durante un controllo in via Nuova del Bosco, a Marigliano (Napoli), hanno notato una vettura parcheggiata a bordo strada e, a poca distanza, un uomo chino su un cumulo di rifiuti e intento ad appiccare il fuoco. I militari hanno fermato l'uomo ed hanno scoperto che era un anziano di 90 anni. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso dell'accendino che secondo gli investigatori sarebbe stato, poco prima, usato per dar fuoco ai rifiuti. Il rogo ha interessato materiale plastico, secchi di vernice, pneumatici, rifiuti solidi, materiale metallico e di risulta di demolizioni edili, causando lo sprigionarsi di una colonna. L'anziano è stato denunciato.

Villaricca: donna legata ed imbavagliata ritrovata senza vita

Non si esclude nessuna pista. Ad indagare i militari della compagnia di Giugliano Napoli, 2 novembre -Il corpo senza vita di una donna di 90 anni, Teresa Castellone, legata ed imbavagliata, è stato trovato in un'abitazione di Villaricca (Napoli), in corso Europa 77. Al momento non si esclude alcuna pista, anche se l'ipotesi della rapina finita in tragedia viene valutata con particolare attenzione. La donna è stata vista viva dai vicini di casa per l'ultima volta intorno alle 9,30. L'allarme è stato dato dal marito della figlia che aveva chiamato più volte in mattinata a casa dell'anziana donna senza ricevere risposta. Quando si è recato nell'appartamento della suocera ha scoperto il corpo senza vita. Per entrare ha dovuto forzare una finestra sul

Tenta di rapinare una 80enne che reagisce facendolo arrestare

L'aggressione è avvenuta ad Aversa nei pressi della filiale della Banca Nazionale del Lavoro Aversa, 18 agosto - I carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Aversa, hanno arrestato per tentata rapina, un uomo di 60anni, Antimo Chiarello di Sant'Antimo. L'uomo, nel pomeriggio di ieri, in viale Kennedy ad Aversa, ha aggredito un'anziana donna nel tentativo di rapinarla nei pressi della filiale della Banca Nazionale del Lavoro. L'inaspettata, quanto mai pronta reazione della donna, un'anziana signora di 80 anni, grazie anche all'aiuto di alcuni passanti, mette in fuga l'aggressore. La vittima ha riportato alcune lesioni ed è stata accompagnata presso la caserma dei carabinieri di Aversa, dove ha descritto con precisione l'accaduto fornendo i particolari dell'aggressione e l'identikit del delinquente. Sulla

Ottantenne di Eboli voleva uccidere la figlia, le spara con un fucile

La donna è ricoverata in prognosi riservata all'ospedale Ruggi d'Aragona di Salerno. Il padre è accusato di tentato omicidio Salerno, 10 giugno — Una lite familiare sarebbe alla base del tentato omicidio da parte di un uomo, A. B. di 80 anni, nei confronti della propria figlia avvenuto la scorsa notte in via Serracapilli ad Eboli in provincia di Salerno. Il padre anziano si è scagliato con fredda determinazione nell’intento di uccidere contro la figlia F. B. di 53 anni. Per motivi futili l’uomo ha tentato di ammazzare la figlia sparandole un colpo di fucile e ferendola alla testa. La donna è ora ricoverata all’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno con prognosi riservata nella speranza che possa riprendersi sia dalle ferite che dallo

Gli somministrano il vaccino antinfluenzale, muore dopo 12 ore: aperta un’inchiesta

La famiglia dell'anziano di Sala Consilina presenta denuncia per caso sospetto Vuole vederci chiaro la famiglia di Oreste Menafra, 90enne della provincia di Salerno morto il mese di novembre scorso. Il decesso potrebbe essere riconducibile alla somministrazione di una dose di vaccino antinfluenzale. La mattina all'anziano avevano somministrato il vaccino, dopo 12 ore il paziente è morto. Il decesso dell'uomo è avvenuta il 10 novembre scorso. Ad insospettire i familiari, che hanno presentato denuncia, era stato un eccessivo gonfiore addominale riscontrato sulla salma. Da qui è partita l'indagine della magistratura. La Procura di Lagonegro (Potenza) ha aperto un'inchiesta ed ha disposto l'esumazione della salma, avvenuta presso il cimitero di Sala Consilina, per consentire il prelievo di tessuti epatici grazie al quale si potrà risalire alle cause del decesso. Secondo quanto raccontato dal genero, l'anziano

Secondigliano: anziano strangola la moglie con un cavo elettrico

L'uomo si giustifica affermando che la moglie era malata terminale e il suo gesto era necessario Napoli, 3 gennaio - A Secondigliano,  Antonio Parisi, un uomo di 79 anni ha strangolato e ucciso la moglie di 69 anni, utilizzando un cavo elettrico come garrotta. L'uomo successivamente si è costituito, chiamando i carabinieri e comunicando che il suo gesto era finalizzato a mettere fine alle sofferenze della coniuge. La moglie da quanto riportato era malata terminale e questo avrebbe portato il marito a ucciderla. Sono in corso le verifiche delle cartelle cliniche per constatare la veridicità di quanto affermato dall'uomo che in questo momento si trova in commissariato in attesa di essere interrogato dal pm.

Badante polacco arrestato per omicidio di un anziano

L'anziano è deceduto in seguito a complicazioni di una frattura al femore Napoli, 30 dicembre — È stato fermato dai carabinieri di Napoli un polacco di 45 anni in stato di ubriachezza, accusato di aver aggredito un anziano di 73 anni nella sua abitazione in via Diocleziano. L'uomo lavorava come badante da circa due mesi presso l'anziano. Secondo i carabinieri ci sarebbe stata una colluttazione tra i due che avrebbe fatto cadere l'anziano provocandogli la frattura del femore. L'uomo, portato all'ospedale San Paolo, è deceduto in seguito a complicazioni sopraggiunte. Il polacco precedentemente denunciato, è stato fermato ieri nei pressi di piazza Garibaldi per omicidio preterintenzionale, su decisione del procuratore Vincenzo Piscitelli e il pm Antonella Serio.

Tragedia nel Salernitano: anziano ferito da un sasso, la moglie muore d’infarto

Aggredito 81enne per futili motivi da un giovane Olevano sul Tusciano (Salerno), 13 agosto - Un anziano di 81 anni è stato colpito ad un occhio da un sasso scagliato da un ventenne con il quale aveva avuto un diverbio per futili motivi. La moglie accorre per soccorrerlo e muore colpita da infarto. E' accaduto ieri sera a piazza Umberto I di Olevano. L'accaduto è stato ricostruito dai carabinieri grazie alle immagini acquisite da alcune telecamere poste nella piazza. Dopo il diverbio, il giovane teppista, sarebbe tornato indietro, raccolto un sasso di grosse dimensioni e lo ha lanciato contro l'anziano, ferendolo al volto. Soccorso dai presenti, le grida hanno attirato l'attenzione della moglie dell'anziano che si è precipitata in strada dove si è accasciata