Nozze gay, il cardinale Sepe: che il sindaco si occupi delle buche stradali

L'arcivescovo di Napoli esprime il suo disappunto sulla disponibilità a trascrivere sul registro di stato civile del capoluogo partenopeo i matrimoni tra coppie omosessuali residenti in città Napoli, 2 giugno - Il sindaco Luigi De Magistris, dopo aver portato i saluti della città da lui rappresentata al Consiglio nazionale di Arcigay e aver riconosciuto Napoli come città de "confronto, dialogo e accoglienza", è stato "canzonato" dall'arcivescovo Crescenzio Sepe. Proprio durante il giorno in cui tutta la nazione celebra la festa della Repubblica, il cardinale Sepe ha affermato di non avere nulla contro i gay, ma si aspettava dal sindaco qualcosa di più concreto come la riparazione delle strade, sostenendo che a Napoli ci sarebbero provvedimenti più urgenti da mettere in atto. Nonostante le