Coronavirus, disinfezione strade Napoli

In campo personale Asl Napoli 1 centro e Comune L'Asl Napoli 1 Centro e il Comune di Napoli, attraverso l'Asia, danno il via, a partire da oggi, ad un'operazione congiunta (nel rispetto delle diverse competenze) di igienizzazione e sanificazione massiva delle strade comunali. Lo rende noto un comunicato della direzione generale dell'Azienda Sanitaria Napoli 1 Centro. Il personale e i mezzi della ASL Napoli 1 Centro e di ASIA Napoli saranno impegnati a partire da stasera per il "lavaggio" e la "disinfezione" con prodotti che garantiscono un'efficace azione di prevenzione ambientale e riduzione del rischio nell'ambito del programma di interventi straordinari necessari ad affrontare l'emergenza COVID-19.

Assunzione per 797 infermieri in Campania

Concorso bandito dall'azienda ospedaliera Cardarelli Alla Mostra d'Oltremare di Napoli sono state completate le procedure amministrative per l'assunzione a tempo indeterminato in Campania di 797 infermieri che hanno superato il concorso bandito dall'azienda ospedaliera Cardarelli e che prendono servizio nelle strutture delle Asl di Napoli, al Pascale e al Policlinico Federico II. In particolare, 567 infermieri sono stati assegnati all'Asl Napoli 1, 70 all' Asl Napoli 2, 130 all'Asl Napoli 3, 20 al Pascale e 10 al Policlinico Federico II. "Si tratta del primo blocco - ha dichiarato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca - delle 7.600 assunzioni che stanno per partire nella sanità campana grazie al via libera avuto con l'uscita dal commissariamento. Una vera e propria rivoluzione in

Boa di 5 metri in officina, posta sotto sequestro

Trovato dalla Polstrada Caserta insieme a numerose tartarughe Caserta, 2 luglio - Un boa reale di quasi cinque metri e numerose tartarughe di acqua dolce sono state rinvenute dalla Polizia Stradale di Caserta all'interno di un'officina meccanica di Casagiove, che è stata sequestrata per la mancanza della documentazione amministrativa. È emerso infatti che l'attività era priva di autorizzazioni nonché aveva omesso di comunicare le dovute variazione della sede, ma poi agenti, nel prosieguo del sopralluogo, guidati da un odore nauseabondo, hanno scoperto alcune gabbie con 4 cani, e un rettilario con all'interno un pitone reale albino di circa 450 cm e numerose tartarughe di acqua dolce, tutte poste al buio e senza una sufficiente aerazione. Sul posto sono così intervenuti i sanitari dell'Asl

Asl Napoli 2 Nord licenzia 4 medici

I professionisti avevano percepito indebitamente compensi da strutture sanitarie private   Napoli, 13 gennaio - La Asl Napoli 2 Nord ha dichiarato cessato il contratto di lavoro con tre medici di famiglia e un medico della medicina dei servizi che avevano ricevuto indebitamente compensi da strutture private. L'iter - spiega l'Azienda in una nota - aveva preso il via lo scorso luglio a seguito degli abituali controlli che il Servizio Ispettivo Amministrativo dell'ASL, in base a quanto previsto dalle norme, effettua annualmente su un campione casuale del 5% dei dipendenti e dei professionisti convenzionati. In quell'occasione gli ispettori dell'ASL, avvalendosi della banca dati dell'Agenzia delle Entrate, avevano verificato che i professionisti avevano percepito compensi da strutture sanitarie private, in contrasto con quanto previsto dal

De Luca: “Sono dei cafoni i medici che mi hanno contestato”

Il governatore torna a parlare della contestazione subita qualche giorno fa al convegno della Cgil Napoli, 14 dicembre – “Mi scuso per la voce roca ma è colpa di una discussione con i sindacati pochi giorni fa. Tu vai in un posto e c'è un gruppo di cafoni che si sente in diritto di alzare la voce”. Lo ha affermato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante l'inaugurazione del reparto di terapia intensiva dell'ospedale Santobono di Napoli, tornando a parlare della contestazione subita qualche giorno fa da un gruppo di medici al convegno della Cgil. In quell'occasione il governatore fu accusato di aver favorito alcuni dirigenti (vai all'articolo). “Uno degli elementi di plebeismo a Napoli e in Campania è il

Duro botta e risposta tra De Luca e i medici al convegno della Cgil

Polemica da parte di alcuni medici per le nomine dei dirigenti delle Asl. Il governatore: “Sputo il sangue dalla mattina alla notte, fammi il piacere di avere rispetto” Ieri mattina un gruppo di medici ha contestato duramente il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, mentre teneva il suo intervento al convegno della Cgil in corso al Centro Direzionale di Napoli. La polemica da parte dei medici riguarda le nomine dei dirigenti delle Asl fatte dal governatore. “O facciamo le persone serie o facciamo solo chiacchiere”, ha detto De Luca rispondendo a uno dei medici insorti. “Senti fraté – ha aggiunto –, io vengo da questo mondo e le polemiche non mi fanno né caldo né freddo. Siccome io sputo il

Indagato a Benevento il sottosegretario Pd Del Basso De Caro

Finito in un'inchiesta per presunte pressioni perché fossero trasferiti alcuni dirigenti Asl che sua moglie riteneva ostili Benevento, 16 novembre - Avviso di chiusura indagini per il sottosegretario Pd alle infrastrutture e trasporti, Umberto Del Basso De Caro: la procura del capoluogo sannita ipotizza i reati di tentata concussione e voto di scambio, per una vicenda risalente a cinque anni fa. L'esponente dem si sarebbe rivolto all'allora direttore generale dell'azienda ospedaliera di Benevento, facendo pressioni perché trasferisse alcuni dirigenti che sua moglie, Ida Ferraro, dirigente amministrativo dell'azienda, riteneva ostili. All'origine delle accuse una telefonata tra Del Basso De Caro e il manager dell'ospedale Rummo, Nicola Boccalone, intercettata e finita già sui giornali nel 2013. Proprio il lungo arco di tempo intercorso tra

Sanità campana, De Luca aumenta gli stipendi dei manager. Le opposizioni gridano allo scandalo

I dirigenti apicali di Asl e aziende ospedaliere prenderanno tra i 10mila e i 15mila euro (lordi) in più in busta paga Napoli, 17 agosto – Secondo quanto stabilito dalla Giunta regionale, con la delibera 520 del primo agosto, i dirigenti apicali di Asl e aziende ospedaliere prenderanno tra i 10mila e i 15mila euro (lordi) in più in busta paga. Il motivo? È scritto nella stessa delibera: “La sanità campana, per le rilevanti sfide future e gli impegnativi processi riorganizzativi in corso, deve poter contare su una classe dirigenziale qualificata, motivata e adeguatamente remunerata”. E ancora: “Allo stato attuale risulta che in Regione Campania i direttori generali delle aziende sanitarie ricevono un compenso annuo inferiore a quello delle apicalità mediche

Terra dei fuochi. Il vicepresidente della Campania, Bonavitacola annuncia 100 milioni per le bonifiche

Firmato il Protocollo d'Intesa per la rilevazione dei rischi sanitari legati al degrado ambientale nel territorio casertano. Monitoraggio in 15 Comuni, su cui ha competenza la Procura di Santa Maria Capua Vetere Caserta, 23 giugno - “Nei prossimi giorni sottoscriveremo con Invitalia un accordo quadro per l'erogazione di 100 milioni di euro per le bonifiche ambientali, di cui 36 solo per le aree comprese nella Terra dei Fuochi”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, a margine dell'incontro convocato nella sede della Procura di Santa Maria Caputa Vetere per la firma del Protocollo d'Intesa per la rilevazione dei rischi sanitari legati al degrado ambientale nel territorio casertano. Un gruppo di lavoro, formato da diversi soggetti istituzionali, si occuperà di

Sanità, Movimento 5 Stelle: “De Luca azzeri le nomine”

In un post sul Blog di Beppe Grillo, organo ufficiale del Movimento 5 Stelle, il presidente della Regione Campania viene invitato ad “azzerare le nome fatte nelle Asl” e “ripartire con le regole fissate dalla legge nazionale” “Possono fare tutti i rimpalli e le furberie che vogliono, ma non ci schiodano dal punto. Il governo e De Luca hanno una sola via d'uscita accettabile: azzerare le nomine fatte nelle Asl e ripartire con le regole fissate dalla legge nazionale”. È scritto in un post firmato Movimento 5 Stelle e pubblicato sul Blog di Beppe Grillo, nel quale i pentastellati prendono di mira le recenti nomine di dirigenti nelle Asl, volute e assegnate dal presidente della Giunta regionale della Campania. “La sanità, la

De Girolamo (Fi) rischia il processo per l’inchiesta Asl di Benevento. Ad inchiodarla, le registrazioni dell’ex direttore Pisapia

I pm hanno chiesto il rinvio a giudizio per la deputata e altri cinque indagati, nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti della Asl di Benevento Benevento, 3 marzo – La Procura della Repubblica di Benevento ha chiesto il rinvio a giudizio, nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti della Asl di Benevento, per Nunzia De Girolamo, la deputata di Forza Italia ed ex ministro del Governo Letta. Oltre alla De Girolamo, riferisce l'Ansa, è stato chiesto il rinvio a giudizio per altre cinque persone, tra cui il direttore sanitario Gelsomino Ventucci, il direttore generale Michele Rossi, l’ex capo della segreteria di De Girolamo, Luigi Barone – oggi componente del Direttivo Nazionale del Nuovo Centrodestra, ndr  –, un altro collaboratore della deputata, Giacomo Papa, e il sindaco di Airola,

Napoli, madre e figlio vivevano sommersi dalla sporcizia

I militari sono stati contattati dai vicini di casa. E' stato richiesto l'intervento dell'Asl competente e dei servizi sociali Napoli, 13 aprile - I carabinieri sono intervenuti in un abitazione del quartiere Miano di Napoli dove hanno trovato due persone, madre e figlio, che vivevano in condizioni di estremo degrado. I militari sono stati contattati dai vicini di casa allarmati dal cattivo odore che proveniva dall'appartamento. Nell'abitazione, che si trova al secondo piano di una palazzina popolare in via Cupa detta Santa Cesarea vivevano, sommersi dalla sporcizia, un'anziana signora di 70 anni insieme al figlio 50 enne e un cane. Lo stato di salute dei due non desta preoccupazione ma è stato richiesto l'intervento dell'Asl e dei servizi sociali.

Napoli, vermi intestinali in una scuola del quartiere Chiaia. I genitori mettono sotto accusa l’operato della dirigenza

Allarme lanciato dai genitori, sopralluogo immediato dell’Asl Napoli, 19 gennaio -  Casi di ossiuriasi, ovvero vermi intestinali, sono stati segnalati tra alcuni bambini delle elementari e della materne presso la scuola De Amicis nel quartiere Chiaia di Napoli. A lanciare l’allarme sull’epidemia gli stessi genitori, preoccupati del numero crescente di casi verificatisi nel corso degli ultimi giorni. Immediato il sopralluogo dell’Asl che ha ordinato una sanificazione tempestiva dell’intera struttura scolastica. Rosa Baffa, preside dell’istituto, ha dichiarato che “i bambini torneranno a scuola solo con la certificazione che non sono più infetti”. I genitori dei bambini, intervistati dalle telecamere de “Il Mattino” non si sono invece mostrati tanto convinti del corretto operato della preside, ed in molti hanno infatti dichiarato che “non ha il polso della

Cure palliative e terapia del dolore, nuovi fondi della Regione Campania per Asl e Aziende ospedaliere

Le cure palliative e la terapia del dolore poste al centro dell’azione della Regione Campania COMUNICATO STAMPA Il presidente Stefano Caldoro, ha recentemente firmato il decreto n. 105 riguardante gli obiettivi della Legge 662/96 sulle linee progettuali per l’utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale per l’anno 2013. La Regione Campania, quindi, ha sbloccato le procedure per l’utilizzo di 11 milioni di euro per il 2013 relativi alla Linea progettuale 7 per le cure palliative e la terapia del dolore, unitamente allo sviluppo dell’assistenza domiciliare palliativa specialistica. L’azione messa in campo dal presidente Caldoro è stata motivo di enorme soddisfazione da chi da tempo è impegnato nella corretta applicazione della Legge 38 del 2010 sul dolore, come