La Uil Scuola della Campania in assemblea con i docenti precari per chiedere con determinazione al Ministro la loro stabilizzazione

Dopo Milano, Firenze, Cagliari, Roma continua l’impegno della Uil Scuola per dare risposte concrete a migliaia di docenti che in questi anni hanno fatto funzionare la scuola italiana Napoli - Sabato 2 marzo, all’Istituto Fermi del Corso Malta, alla presenza dei segretari regionali Antonio Di Zazzo e Luigi Panacea, del Coordinatore dei Precari Uil Scuola Campania e Presidente ANDDL Pasquale Vespa e di centinaia di lavoratori sono stati affrontati i problemi del personale docente precario. La situazione è molto preoccupante, il prossimo anno scolastico vedrà moltissime cattedre desolatamente vuote: ai posti già vacanti in organico si aggiungeranno quelli che si renderanno liberi per effetto della “quota 100”. Le domande pervenute sono più di 17mila tra docenti e ATA; di queste più di 1000 solo in Campania. A

Assemblea Pubblica sul Trasporto: VivoaNapoli promuove il confronto

All'esame lo stato del trasporto e i piani di sviluppo che le società ANM e EAV VivoaNapoli in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli promuove per sabato 2 febbraio, ore 10.00, un assemblea pubblica sul Trasporto a Napoli e nella città metropolitana. Il confronto si terrà nella sala Roberto di Stefano e vedrà la partecipazione dell’Assessore alle Infrastrutture e al Trasporto del Comune, Mario Calabrese, dell’Amministratore Unico di ANM, Nicola Pascale, del Presidente di EAV, Umberto de Gregorio. A moderare saranno Emilia Leonetti, Presidente, Giulio Maggiore, Vice Presidente di VivoaNapoli. L’assemblea pubblica sarà l’occasione per approfondire lo stato del trasporto e i piani di sviluppo che le società ANM e EAV prevedono per migliorare il servizio da cui dipende la qualità

Scuola, in Sardegna si vota e i precari storici si danno appuntamento a Cagliari

I docenti di Terza Fascia hanno voluto il cambiamento anche in base a precise promesse fatte in campagna elettorale, stanchi delle parole protesteranno alle urne alle prossime regionali se le cose non dovessero cambiare Il 14 febbraio si terrà una nuova assemblea organizzata da Uil Scuola in collaborazione con l'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori. Sarà assemblea regionale di 4 ore e l'invito sarà rivolto ai precari storici ma anche ai docenti di ruolo interessati ad approfondire la tematica del pensionamento con la cosiddetta "Quota 100", oltre che al personale ATA. L'appuntamento è dalle 10 alle 14 presso l'aula magna dell'IIS Giua in via Montecassino a Cagliari. "Confrontandomi con il segretario regionale Giuseppe Corrias UIL Scuola Rua Sardegna mi sono

Scuola, doppio appuntamento per i precari di Terza Fascia a Milano e a Firenze

Assemblee regionali di 4 ore a Milano il 14 gennaio e a Firenze il 16 gennaio Napoli, 8 gennaio - Comincia con un doppio appuntamento il nuovo anno che vede la protesta dei docenti precari di terza fascia con servizio salire di tono. Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e neo Coordinatore Uil Scuola Precari ha lanciato per il mese di gennaio 2 appuntamenti assembleari per suonare la carica e per promuovere in tutte le Regioni d'Italia la proposta urgente, volta a stabilizzare i precari della scuola che hanno accumulato anni di servizio. Primo appuntamento a Milano il 14 gennaio dalle ore 8 alle 12 con l'assemblea sindacale regionale UIL presso l'Auditorium Omnicomprensivo Musicale, in via Corridoni

Docenti precari, “i 400 euro del Fit un insulto ai lavoratori”

L'assemblea "La Buona Scuola dei Lavoratori" organizzata domenica 14 gennaio a Milano dall'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori Napoli, 19 gennaio - "E' stata come un'assemblea di 'fabbrica', quella organizzata domenica 14 gennaio a Milano dall'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori - così in una nota il presidente Pasquale Vespa - molto partecipata e ricca di interventi. Erano presenti le delegazioni provinciali del Nord Italia dell'Associazione e come ospite, ad accettare il serrato confronto con i precari, il senatore Mario Pittoni". L'occasione per parlare, ancora una volta, della necessità di valorizzare l'esperienza acquisita dietro una cattedra da migliaia di docenti precari, ai quali, in questi anni è stata preclusa la possibilità di abilitarsi e di partecipare al concorso

I precari della Scuola pubblica si incontrano a Milano su iniziativa dell’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori

Assemblea domenica 14 gennaio a Milano, presso il liceo scientifico “B. Pascal” via Alfonso Corti,16 Lambrate Milano, alle ore 9:30 A Milano si terrà un’importante assemblea in difesa dei precari della scuola, in cui si tratterà di temi cruciali e scottanti quali: docenti di terza fascia con anni di esperienza trasformati in tirocinanti; docenti “vittime” dell’algoritmo; potenziatori trasformati in un manipolo di tappabuchi; gae infanzia storiche dimenticate; diplomati senza esperienza in gae e in ruolo; un transitorio che mette pas contro tfa e tutti contro la terza fascia. Per l’occasione, abbiamo deciso di intervistare il presidente dell’Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori, ingegnere e professore Pasquale Vespa che gentilmente ha risposto a tutte le domande postegli. Chi è Pasquale Vespa? "Un lavoratore

“La Scuola cambia: la favola dell’ascolto!”, se ne discute a Napoli

L'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti deil Lavoratori organizza e promuove un'Assemblea pubblica dal titolo: "La Scuola cambia: la favola dell'ascolto!" - che si terrà a Napoli, Sabato 17 Giugno 2017 presso la Sala Nugnes di Via Verdi, n. 35 alle ore 10,30 COMUNICATO STAMPA In seguito all'approvazione delle deleghe previste dalla Legge 107/15 l'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori terrà un incontro-confronto con chi avrà voglia di confrontarsi con i precari della scuola tagliati fuori dalla fase di stabilizzazione definita dalla Legge 107/15. Sarà un confronto tra il mondo politico-sindacale e quello della scuola. Al meeting sono state invitate le maggiori sigle sindacali - anche di base come Cobas - Cgil, Cisl e Uil e non solo la categoria

Assemblea Pd, tutti contro tutti. Bassolino attacca Renzi: “Mi sarei aspettato di vederlo qui”

L'ex sindaco e governatore della Campania attacca il segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi, e la segretaria regionale Assunta Tartaglione. Entrambi incapaci a suo dire di gestire le gravi situazioni verificatesi negli mesi, come l'inchiesta sui candidati a loro insaputa della lista Napoli Vale a sostegno della candidata sindaco Valeria Valente Napoli, 11 febbraio – “Mi sarei aspettato di vedere una piena corresponsabilità del partito, mi sarei aspettato che Renzi, se fosse ancora quello che io ho votato, avesse chiamato il segretario di Napoli, Carpentieri, dicendo 'io sabato vengo a Napoli', per assumersi con tutti la responsabilità per quello che è successo in città”. Lo ha detto l'ex sindaco ed ex governatore della Campania, Antonio Bassolino, in un passaggio del suo

L’associazione Dema diventa movimento politico. De Magistris: “Saremo forti se la città sarà sempre più forte. Progetto napoletano prima che nazionale”

L'associazione Dema diventa movimento politico. Via libera degli iscritti al nuovo Statuto “Il progetto politico oltre confine va bene se è forte il progetto politico napoletano. Saremo forti se la città sarà sempre più forte. Saremo deboli, se questa si indebolirà”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris all'assemblea dell'associazione Dema, che da oggi diventa movimento politico, così come deciso dagli iscritti con il via libera al nuovo Statuto. “Non siamo interessati alla competizione elettorale politica che avverrà a breve nel nostro Paese – ha spiegato de Magistris –. Anche se i rivoluzionari sono quelli che sono pronti anche domani mattina: se il popolo chiama noi rispondiamo. Oggi come oggi però l'obiettivo primario è completare il lavoro iniziato da

Renzi a Napoli per l’Assemblea Nazionale sul Mezzogiorno, disordini in piazza

Striscioni per il No al referendum costituzionale "C'è chi dice No" e contro il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, "Renzi e De Luca, iatevenne" Napoli, 13 novembre - Disordini in piazza per una manifestazione organizzata dai centri sociali nella zona della Mostra d'Oltremare, nel quartiere Fuorigrotta, dove il premier Matteo Renzi è intervenuto per partecipare all'Assemblea nazionale sul Mezzogiorno. Lancio di uova e sampietrini dei manifestanti al quale le forze di Polizia hanno risposto con un idrante. Tensioni e spintoni anche a via Terracina e in prossimità del Palabarbuto. Striscioni per il No al referendum costituzionale "C'è chi dice No" e contro il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, "Renzi e De Luca, iatevenne". A manifestare sono stati i collettivi studenteschi,

Pd Napoli, l’Assemblea è un flop e si conclude anzitempo

Tensioni durante l'Assemblea del Partito Democratico di Napoli tenutasi all'Hotel Ramada, conclusa anzitempo e con un nulla di fatto Napoli, 11 giugno – Si è conclusa con un nulla di fatto l'Assemblea del Partito Democratico di Napoli per la consueta analisi del voto al primo turno e per decidere quale candidato appoggiare in vista del ballottaggio di domenica 19 giugno. Ieri all'Hotel Ramada in un clima di grande tensione non è infatti venuta fuori alcuna posizione in vista del voto di domenica 19 giugno. Parole di contestazione sono state pronunciate all'indirizzo del segretario provinciale Venanzio Carpentieri durante il suo intervento. “Vi dovete vergognare”, “Siete una vergogna senza fine”, “Sei un segretario dimezzato”, alcune delle frasi pronunciate dai partecipanti all'indirizzo del tavolo della

Comunali 2016: Pd Napoli dice sì alle primarie. Si svolgeranno il 7 febbraio

Al termine dell'incontro alla Terme di Agnano, un documento con 93 firme impone alla Direzione provinciale di riunirsi il 20 novembre, per convocare le consultazioni popolari il 7 febbraio Napoli, 29 ottobre – L'Assemblea provinciale del Partito Democratico ha deciso le prime mosse in vista delle elezioni comunali di Napoli: riunione di Direzione il 20 novembre e primarie il 7 febbraio. La decisione, al termine dell'Assemblea che ha visto presenti 400 delegati, è stata annunciata dal segretario provinciale Venanzio Carpentieri, che ha sottolineato: “La segreteria provinciale del Pd garantirà lo sviluppo delle primarie d'intesa con gli alleati e per questo convocherà per il 20 novembre la direzione provinciale, al termine delle quattro giornate di ascolto della città, che si chiudono il

Reggia di Caserta: 3 ore di chiusura per un assemblea sindacale, turisti infuriati

L'assemblea sindacale è stata convocata per attirare l'attenzione sul fenomeno dei venditori abusivi che intanto agivano indisturbati all'esterno della Reggia di Caserta. Tante le lamentele dei turisti italiani e stranieri in coda, in molti indignati e stanchi di attendere hanno preferito andar via Caserta, 7 giugno - Questa mattina la Reggia di Caserta è rimasta chiusa al pubblico per 3 ore, dalle 8.30 alle 11.30, per un'assemblea sindacale convocata dalla Uil-Pa e dall'Ugl. La temporanea chiusura della storica dimora dei Borboni di Napoli ha scatenato l'ira e le proteste di migliaia di turisti in attesa sotto il sole bollente per poter visitare il Palazzo Reale di Caserta. L'assemblea sindacale è stata indetta allo scopo di attirare l'attenzione sul fenomeno dei venditori abusivi,

I Giovani Democratici si riuniscono per discutere sul futuro delle organizzazioni giovanili per un rinnovato impegno politico

COMUNICATO STAMPA I Giovani Democratici hanno convocato per venerdì 27 marzo la prima assemblea pubblica sul futuro della politica e delle organizzazioni giovanili. L’evento si terrà a partire dalle 14:30 a Napoli, presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici in via Monte di Dio 14 e sarà concluso da Gianni Pittella, presidente del gruppo socialista al Parlamento Europeo. Il titolo – “Capitolo I: una nuova giovanile europea” – richiama l’intento di lanciare un confronto ampio sulla riforma delle organizzazioni politiche, in particolare quelle giovanili. Per questo l’assemblea sarà pubblica e aperta a chiunque, iscritto o non iscritto ai GD, vorrà esprimere la propria opinione e raccontare come immagina la giovanile di sinistra del futuro. E cosa dovranno fare i Giovani Democratici per