Funerali del piccolo Giuseppe, la madre va via scortata

Un volo di palloncini bianchi all'esterno della chiesa e lancio di confetti hanno salutato il feretro Pompei, 2 febbraio - Momenti di tensione all'ingresso in chiesa del feretro del piccolo Giuseppe, 7 anni, ucciso domenica scorsa a Cardito dal convivente della madre. Alcuni parenti del papà del piccolo hanno iniziato a inveire contro la donna, ma sono stati bloccati e invitati a uscire dalle forze dell'ordine. Ai funerali, seguiti da centinaia di persone nella chiesa di San Giuseppe Sposo della Beata Vergine, erano presenti sia la madre del piccolo sia il padre. I due, separati da tempo, erano seduti in fila diverse nella chiesa e non si sono degnati di uno sguardo. La donna ha dovuto poi lasciare la chiesa da un

Bimbo morto a Cardito, fermato il compagno della madre

L'uomo, 24 anni, è accusato di omicidio volontario aggravato Napoli, 28 gennaio - Omicidio volontario aggravato e tentato omicidio aggravato: sono le accuse che la procura di Napoli Nord muove al 24enne fermato la scorsa notte. Il giovane è il compagno della madre del bimbo morto e della sorellina, ricoverata in gravi condizioni per le percosse subite nell'ospedale pediatrico Santobono di Napoli. La morte del bimbo di sette anni è avvenuta nel pomeriggio di domenica in un'abitazione di Cardito Il provvedimento è stato firmato dal sostituto di turno della procura della Repubblica di Napoli Nord, Paola Izzo. L'uomo è stato interrogato per l'intera notte negli uffici del commissariato di polizia di Afragola. La sua versione è stata messa a confronto con quella fornita dalla mamma

In fila a piazza del Plebiscito per dare una speranza ad Alex

Napoli risponde così all'appello della famiglia di Alessandro, il bimbo affetto da malattia genetica rara Napoli, 27 ottobre - Napoli e i napoletani hanno risposto in massa all'appello della famiglia di Alessandro Maria Montresor, il bimbo di un anno e mezzo affetto da una rara malattia genetica che ha urgente bisogno di un trapianto di midollo. La coda di aspiranti donatori si è iniziata a formare già dalle ore 8.30, ben mezz'ora prima che lo stand per effettuare il tampone fosse aperto. Una fila che continua a crescere e che ora attraversa tutta la piazza. Un unico cordone di persone fatto di donne, uomini e di intere famiglie, procede da Palazzo Reale fino al colonnato della Basilica di San Francesco da Paola. A

Bimbo denuncia maltrattamenti: sospese due insegnanti

Le indagini sono partite dopo la denuncia presentata ai carabinieri dai genitori di un bambino che frequentava una scuola situata in un comune casertano. Le due maestre sospese sono di Giugliano Napoli, 26 maggio - Due maestre di 56 e 52 anni, residenti a Giugliano in Campania, sono state sospese per un anno dal gip di Napoli Nord per maltrattamenti sui propri alunni. Le insegnanti sono state incastrate dalle telecamere installate in classe e dalle intercettazioni ambientali.  Le indagini hanno avuto inizio il 26 aprile scorso, dopo la denuncia presentata ai carabinieri di Parete da parte dei genitori di un bambino che frequentava una scuola paritaria situata nel comune casertano, i quali avevano notato un cambiamento di umore e di comportamento nel figlio. A insospettire i genitori anche alcune

In fin di vita bimbo investito da auto pirata

Ricoverato al Santobono di Napoli è stato operato d'urgenza, in prognosi riservata Torre Annunziata, 9 dicembre - È stato operato il bambino di 10 anni di origine cinese residente con la famiglia a San Giuseppe Vesuviano (Napoli) investito ieri sera, verso le 20.30, da un'auto pirata nella zona di Rovigliano a Torre Annunziata, dove il padre gestisce un'attività commerciale. L'intervento, eseguito all'ospedale Santobono dove il piccolo è stato trasportato, si è reso necessario per provare a rimuovere alcuni ematomi formatisi nella zona celebrare causati delle gravi ferite riportare nell'impatto avvenuto nella zona che si trova a ridosso della vicina Pompei. Il bimbo resta in prognosi riservata e, stando alle notizie che trapelano dagli organi inquirenti, sarebbe in pericolo di vita. Sul caso indagano

Bimbo di due anni muore per meningite, era vaccinato

E' deceduto ieri al Cotugno di Napoli dove era stato trasferito dopo il ricovero di ugenza in un ospedale di Avellino Avellino, 26 ottobre - Sconcerto e dolore per la morte di un bimbo di due anni di Monteforte Irpino (Avellino) deceduto nella serata di ieri nel reparto di rianimazione dell'ospedale "Cotugno" di Napoli. Pasqualino, figlio di una giovane coppia che vive nel comune a pochi chilometri da Avellino, sarebbe morto a causa di una forma di meningite da pneumococco, una forma delle patologia non infettiva. Nella serata di martedì scorso, il bambino aveva accusato crisi di vomito e febbre alta inducendo i genitori, la madre è una infermiera professionale, a portarlo in ospedale ad Avellino. I sanitari del "Moscati", dopo aver

Si lancia dal balcone con in braccio il figlio di 3 anni

La tragedia è avvenuta nel Salernitano, nella notte. L'uomo aveva litigato con la moglie Salerno, 24 gennaio - Tragedia della follia a Padula, nel Salernitano. Un uomo di 45 anni si è lanciato dal balcone tenendo in braccio il figlioletto di soli tre anni. I due sono morti praticamente sul colpo. Sul posto della tragedia, avvenuta nelle vicinanze della piazza principale del piccolo centro del Vallo di Diano, sono intervenuti carabinieri della locale stazione ed i i vigili del fuoco del distaccamento di Sala Consilina. L'omicidio suicidio si è verificato nella notte, nei pressi di piazza Umberto I. L'uomo, un 45enne di Padula - secondo quanto riferito dagli investigatori - avrebbe dormito a casa della madre che si trova nello stesso stabile

Allarme meningite a Caserta: bimbo di 4 anni ricoverato all’ospedale Cotugno di Napoli

Ordinanza del sindaco per sospensione temporanea dell'attività didattica dell'Istituto comprensivo "Ruggiero", III Circolo Caserta, 17 gennaio - Un bimbo di 4 anni e mezzo di Caserta è risultato affetto da meningite batterica. Accompagnato ieri dai genitori all'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano del capoluogo con sintomi evidenti di meningite, è stato poi trasferito nel Cotugno di Napoli dove è ricoverato. Il sindaco, Carlo Marino, ha disposto con una ordinanza la "temporanea sospensione dell'attività didattica" della scuola frequentata dal bimbo, l'Istituto comprensivo "Ruggiero", III Circolo, dove vi sono la scuola dell'infanzia ed elementare. "Quando il piccolo è arrivato - spiega il direttore sanitario Giulio Liberatore - presentava sintomi molto evidenti così l'abbiamo tenuto in isolamento nel reparto di Pronto Soccorso pediatrico; abbiamo poi deciso di

Bimbo travolto da statua di San Francesco davanti alla parrocchia

Soccorso dai nonni e dal parroco don Vincenzo Federico Salerno, 16 ottobre - Un bimbo di 11 anni, che stava giocando all'esterno di una parrocchia, è rimasto ferito a una gamba in seguito al crollo della statua di San Francesco posta nel piazzale. E' accaduto a Padula, dinanzi la chiesa di Sant'Alfonso che si trova in frazione Scalo. L'11enne era in compagnia di altri amichetti quando improvvisamente è stato travolto dalla statua, raffigurante San Francesco, caduta dal basamento. Il bimbo è stato immediatamente soccorso dai nonni, che assistevano alla messa domenicale, e dal parroco don Vincenzo Federico. Il ragazzino è stato, poi, trasportato con un ambulanza del 118 al pronto soccorso del vicino ospedale di Polla e in seguito trasferito al San Giovanni di

Pitbull inferocito azzanna bimbo di 10 anni, terrore nel centro storico di Napoli

Provvidenziale l'intervento di alcuni agenti di polizia che hanno bloccato il cane fuori controllo Napoli, 9 agosto - Terrore per le strade di Napoli per un pitbull inferocito e fuori controllo del proprietario. E' accaduto ieri sera in via Casanova. Il cane ha seminato il panico tra i passanti fino ad azzannare un bimbo di 10 anni a passeggio con i genitori. A fermare il cane, l'intervento della polizia in piazza San Francesco dove gli agenti hanno assistito a scene di panico con i passanti che saltavano sui cofani e sui tetti delle auto in sosta per schivare gli attacchi del cane. Il bimbo invece non è riuscito a ripararsi in tempo nell'auto dei genitori ed è stato assalito dal pitbull che ha

Bimbo con due madri, prefetto di Napoli cancella atto di nascita. Comune ricorre al Tar

Il prefetto di Napoli, Gerarda Pantalone, ha annullato la trascrizione all’anagrafe della nascita del piccolo Ruben, venuto alla luce ad agosto a Barcellona da una coppia, sposata da sette anni, di donne. Oggi scadeva il termine entro il quale il sindaco avrebbe dovuto cancellare tale atto, come richiesto dalla diffida partita dalla Prefettura lo scorso 28 ottobre. Il sindaco Luigi de Magistris si era sempre detto contrario a tale cancellazione e ha affermato che il Comune di Napoli presenterà ricorso al Tar Napoli, 6 novembre - Il prefetto di Napoli, Gerarda Pantalone, ha annullato d’ufficio l’atto di nascita del bimbo con due madri trascritto nel registro dello Stato civile lo scorso 30 settembre (vai all'articolo). Una decisione contro la quale l’Amministrazione Comunale guidata da Luigi de

Australia: un’équipe di chirurghi riattacca la testa ad un bimbo di 16 mesi

Dei chirurghi australiani hanno salvato la vita di Jackson Taylor, un bimbo di soli 16 mesi che dopo un grave incidente stradale ha subito una decapitazione che gli è quasi costata la vita Australia - Un' "intervento chirurgico miracoloso" , come lo descrivono i medici, ha salvato la vita a Jackson Taylor, un bimbo di 16 mesi che si trovava in auto con sua mamma e la sua sorellina di 9 anni quando l'autovettura si è scontrata frontalmente contro un altro veicolo guidato da un giovane. Dopo il grave incidente, il piccolo Jackson è stato subito portato in ospedale tramite elicottero per "decapitazione interna"; la testa del piccolo, infatti, si è staccata dalle ossa del collo anche se non totalmente dal

Picchiano nipote di 4 anni per costringerlo a mendicare

Una coppia di rumeni è stata arrestata nel Napoletanoper maltrattamenti verso minori Napoli, 3 ottobre - Picchiano il nipote di soli 4 anni per costringerlo a mendicare: è successo ad Acerra, nel Napoletano, dove i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia marito e moglie, di 56 e 44 anni, della Romania, incensurati e domiciliati nel campo nomadi di Afragola (Napoli). La coppia è stata sorpresa e bloccata nel parcheggio della clinica "Villa dei Fiori", mentre picchiavano il nipote di 4 anni, per indurlo a mendicare. Il piccolo è stato affidato ai servizi sociali del Comune. Gli arrestati sono stati accompagnati nella loro abitazione in attesa di essere giudicati con il rito direttissimo.