Lancia petardo dal balcone, ferita bimba 3 anni

Colpiti anche il padre con moglie e cognata. Denunciato 45enne Omessa denuncia di materiale esplodente e accensione e esplosione pericolosa. E' l'accusa nei confronti di un 45 enne di Torre del Greco (Napoli), denunciato dagli agenti del commissariato locale fermati in via Vittorio Veneto da un uomo che ha riferito di essere stato colpito da un petardo lanciato dal terrazzo di un appartamento di via Roma. L'esplosione aveva ferito anche la figlia di tre anni, la moglie e la cognata, medicate al Pronto Soccorso di Castellammare di Stabia. I poliziotti hanno individuato l'appartamento da cui erano stati lanciati i "botti" rinvenendo sul terrazzo diverso materiale pirotecnico. D.P. è stato denunciato mentre il materiale pirotecnico è stato sequestrato in quanto non detenuto in

48 feriti tra Napoli e provincia per i botti di Capodanno

Interventi del 118 per abuso di alcolici. Due giovani accoltellati. Rom con le mani in 'sfacelo traumatico' Sono 48 i feriti della 'guerra' dei botti a Napoli (22) e in provincia (26) secondo quanto fa sapere la Questura ed il Comando provinciale dei carabinieri; nessuno è in gravi condizioni. Quarantasei sono stati feriti da petardi, 2 da arma lanciarazzi. Risultano coinvolti anche tre minorenni. Venti interventi per casi di abuso di alcolici, dieci per ferite da botti, tre per incidenti stradali: sono i dati relativi all'attività del '118' secondo quanto rende noto il dg della Asl Napoli 1 Centro, Ciro Verdoliva. "Ai presidi ospedalieri di nostra competenza - spiega Verdoliva all'ANSA - abbiamo registrato 8 casi di persone giunte ai ps per

52 tonnellate di botti di fine anno sequestrati dalla Gdf

Un arresto, otto denunciati dai militari Oltre 52 tonnellate di botti illegali sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza tra Napoli e Caserta. A Teano sono state trovate, in un' azienda che importa fuochi d'artificio, 30 tonnellate di botti contenenti oltre 4 tonnellate di esplosivo, per un valore di mercato di oltre mezzo milione. I militari hanno intercettato un camion di un'impresa autorizzata,c he aveva immagazzinato fuochi oltre i limiti previsti dalla licenza. L'amministratore è stato denunciato. A Marcianise la Gdf ha bloccato un carico di oltre 75 mila botti pericolosi, per oltre 7 tonnellate. Il materiale, stava per essere spedito in Germania in scatoloni privi di indicazioni sulla pericolosità. Nel quartiere Pianura, a Napoli, i finanzieri hanno sequestrato 3 tonnellate di fuochi

Sequestrata una tonnellata di botti

In ditta ed in deposito di un corriere nel napoletano, 2 arresti Napoli, 21 dicembre - Sequestro di botti nel Napoletano: oltre una tonnellata in due distinti interventi messi in atto dalla Guardia di Finanza di Napoli a Somma Vesuviana e Giugliano in Campania. In particolare, i "baschi verdi" del Gruppo Pronto Impiego hanno sequestrato in una ditta individuale di Somma Vesuviana, a seguito di perquisizioni locali e domiciliari, ordigni artigianali di fabbricazione illegale ad alto potenziale esplosivo, oltre che materiale pirotecnico, mentre i finanzieri della Compagnia di Giugliano in Campania hanno individuato, nel deposito di un corriere nazionale, 2 bancali di fuochi d'artificio destinati alle province di Roma e Cagliari che indicavano un mittente inesistente. Il controllo della merce ha permesso di

Botti di Capodanno, per la donna ferita arrestato carabiniere

L'episodio è avvenuto per un petardo fatto esplodere a Sant'Agata dei Goti Benevento - Aveva ferito gravemente, nella notte di Capodanno a S. Agata dei Goti (Benevento), una donna di 36 anni con un petardo. Per un appuntato dei Carabinieri di 46 anni,è scattato questa sera l' arresto al termine delle indagini della Procura di Benevento. Il militare, che presta servizio fuori dalla Campania è accusato di detenzione e porto illegale di materiale esplosivo, reati commessi nelle immediate vicinanze di parchi e giardini pubblici e con le aggravanti dei futili motivi, della minorata difesa e della violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione. La donna rimasta ferita stava festeggiando con altre persone l'arrivo del nuovo anno all'interno di una tensostruttura nel

37 feriti per i botti di fine anno, lancio di petardi contro ambulanza

Bollettino di feriti per i festeggiamenti di Capodanno, un ferito in meno rispetto allo scorso anno. Donna grave nel Beneventano colpita da una scheggia di un grosso ordigno Napoli, 1 gennaio - Sono 37 i feriti tra Napoli e provincia per i botti, uno in meno rispetto all'anno scorso. E' il bilancio reso noto dalla Questura. Ventitre le persone ferite in città, 14 in provincia. Coinvolti a Napoli anche tre minori, di 11 anni e mezzo, 12 e 17 anni. Il dodicenne, in particolare, è stato ricoverato all'ospedale Vecchio Pellegrini per un trauma da scoppio di petardo alla mano destra, con una prognosi di 30 giorni. Un cittadino polacco di 21 anni è stato ferito a Ischia alla mano destra dallo scoppio

Botti di fine anno, 35 feriti. Spari in aria prima della mezzanotte, forse una “stesa”, colpito un 12enne affacciato al balcone

23enne perde dita e 27enne rischia occhio. Nel 2017 le vittime dei fuochi di fine anno erano 46 Napoli, 1 gennaio - E' di 35 feriti il bilancio dei festeggiamenti per il Capodanno tra Napoli e provincia. Il più piccolo ha solo 8 anni ed è ferito alla mano destra per un scoppio di un petardo. Nel dettaglio a Napoli sono state 22 le persone ferite per lo scoppio di botti e 13 in provincia. Un 23enne ha perso due dita della mano destra mentre un 27enne di Castel Volturno rischia di perdere l'occhio destro. Un 52enne di Casavatore è stato ricoverato per lesioni al braccio e alla nuca mentre un 49enne di Portici ha riportato ustioni su diverse parti del corpo.

Prima vittima dei fuochi d’artificio, 14enne ferito a mano, occhio e gamba

L'episodio avvenuto nel quartiere di Bagnoli Napoli, 31 dicembre - Mancano ancora diverse ore alla notte di San Silvestro ma a Napoli c'è già stato un ragazzo ferito da un botto: è un 14enne del quartiere Bagnoli, che ha riportato ferite a una mano, a una coscia e ad un occhio. Accompagnato dalla madre in ospedale, ha raccontato di essere stato investito dallo scoppio di un petardo lanciato da ignoti mentre usciva dalla stazione di Agnano della Cumana. Guarirà in 15 giorni.

In casa quasi 2 tonnellate di botti illegali, arrestato

Vere e proprie bombe confezionate artigianalmente come le "cipolle", contenenti 175 grammi di esplosivo e le "bombe Hamsik 17" Napoli, 30 dicembre - Deteneva in casa botti per un peso di 1,8 tonnellate: 3.265 ordigni pirotecnici, di cui 265 conservati in salotto. Un incensurato di Brusciano (Napoli), 34 anni, è stato arrestato dai carabinieri della tenenza di Casalnuovo e della stazione di Pomigliano d'Arco, durante servizi contro la vendita di fuochi illegali. Tra il materiale sequestrato anche vere e proprie bombe confezionate artigianalmente. Nel salotto della casa c'erano le cosiddette "cipolle", bombe contenenti 175 grammi di esplosivo e le "bombe Hamsik 17", bombe da lancio con mortaio il cui utilizzo è riservato esclusivamente agli specialisti del settore pirotecnico. Denunciato in stato di

Primo sequestro di botti illegali, 400 kg nascosti in un garage

Carabinieri arrestano 63enne, intervenuti anche gli artificieri Napoli, 30 novembre - Primo sequestro dei cosiddetti "botti di fine anno" da parte dei carabinieri che ne hanno trovato 400 chilogrammi a Teverola, nel Casertano, nel garage di un uomo di 63 anni, Carmine Menditto, che è stato arrestato. L'uomo, hanno scoperto i militari di Casoria (Napoli), li utilizzava - su commissione - in occasione di feste. Accanto al materiale esplodente, accatastato nel box sottostante una palazzina, c'era anche un temporizzatore grazie al quale si poteva programmare l'accensione delle batterie. Lo scoppio accidentale dell'ingente quantitativo di 'botti' avrebbe potuto provocare la distruzione della palazzina soprastante: a disattivare il materiale esplodente sono stati gli artificieri antisabotaggio del Nucleo Investigativo di Napoli.

Brindisi di Capodanno con de Magistris al Molo San Vincenzo: “2017 non solo di impegni ma anche di obiettivi”

Tra gli obiettivi da raggiungere, ha spiegato de Magistris, c'è la l'apertura del “Molo San Vincenzo alla gente” Napoli, 1 gennaio – “Oggi ci sono tutte le condizioni istituzionali e umane e c'è la volontà affinché il 2017 sia l'anno non solo degli impegni, ma di alcuni obiettivi e tra questi c'è l'apertura del Molo San Vincenzo alla gente. Non vogliamo più mura che separino la città dal porto”. A dirlo è il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che con queste parole torna a parlare degli obiettivi presenti e futuri (vai all'articolo) e lo fa durante l'incontro con i cittadini per il brindisi di Capodanno, tenutosi stamane alle ore 11 al Molo San Vincenzo (vai all'articolo). Tra i progetti che potrebbero

Botti di Capodanno, 45 i feriti nel Napoletano. Incendio in appartamento al Rione Sanità, sgomberate 6 famiglie

Feriti anche due bambini per l'esplosione dei petardi. Il numero dei feriti è comunque in calo rispetto al 2015 quando si registrarono 51 vittime dei botti Napoli, 1 gennaio - E' di 45 feriti il bilancio della notte di San Silvestro nel Napoletano. Il più grave è un bambino di 9 anni, ricoverato all' ospedale pediatrico "Santobono" con ferite alle mani ed ustioni. Un altro bambino è rimasto ferito a Pratola Serra (Avellino) e trasportato a Napoli. Per entrambi la prognosi è di 30 giorni. 31 i feriti a Napoli città, tra i quali cinque minori, 15 in provincia, con due minori. Due dei feriti sono stati colpiti da proiettili vaganti. Il dato dei feriti per i botti nella notte di San

Eboli: esplode un petardo, 13enne rischia di perdere mano e occhio

Lo scoppio è avvenuto questa mattina. Nuovo sequestro di fuochi illegali a Boscoreale, in provincia di Napoli Salerno, 31 dicembre - Un ragazzo 13 anni rischia di perdere la mano e un occhio in seguito allo scoppio di un petardo avvenuto stamattina ad Eboli (Salerno). Il ragazzo era in compagnia di un amico nella centralissima via San Berardino. L'esplosione, violentissima, ha fatto scendere in strada decine di residenti che hanno soccorso il 13enne, e lo hanno trasportato all'ospedale di Eboli. L'esplosione del petardo ha provocato gravi danni all'occhio sinistro e alla mano sinistra, che è stata maciullata e che il ragazzo rischia di perdere. Nelle prossime ore, il 13 enne potrebbe essere trasferito all'ospedale "Ruggi D'Aragona" di Salerno, nel reparto di Oculistica,

Tre quintali di botti sequestrati in un negozio di alimentari

Il ritrovamento ad opera dei carabinieri a San Gennaro Vesuviano Napoli, 27 dicembre - Oltre tre quintali di fuochi d'artificio sono stati sequestrati dai carabinieri nel Napoletano. I fuochi sono stati ritrovati, nel corso di una perquisizione, all'interno di un negozio di genere alimentari di San Gennaro Vesuviano. Si tratta di 27 batterie di fuochi di varia fattura e dimensione e di alcune scatole di "finalini" (botti di media dimensione) che immessi sul mercato della vendita al dettaglio nei giorni ormai prossimi alla fine dell'anno avrebbero potuto fruttare fino a 30.000 euro. Il materiale è stato sottoposto a sequestro e verrà distrutto dagli artificieri dell'Arma.