Bullismo, Fortini: “Investiamo per offrire nuovi spazi di socialità nelle scuole”

L’assessore regionale all’istruzione interviene alla 13ma tappa di @scuolasenzabulli promossa dal Corecom Campania all’istituto comprensivo “Mimmo Beneventano” di Ottaviano Ottaviano - “Da più di tre anni la Regione Campania sta investendo per offrire spazi di socialità all’interno delle scuole che consentano agli insegnanti di poter entrare sempre più in sintonia con gli alunni. Uno spazio fisico in cui conoscersi e riconoscersi. Anche così si sconfigge bullismo e cyberbullismo”. Queste le parole dell’assessore regionale all’Istruzione, Lucia Fortini, intervenuta alla tredicesima tappa di @scuolasenzabulli, la campagna di prevenzione per i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo promossa dal Corecom Campania, presieduto da Domenico Falco,presso l’istituto comprensivo “Mimmo Beneventano” di Ottaviano. L’incontro con gli studenti del comune vesuviano è stato introdotto dal cortometraggio sul cyberbullismo

Cyberbullismo, allarme Corecom Campania: giovani “schiavi” dei social media

Domani @scuolasenzabulli farà tappa all’Istituto Comprensivo ‘Michelangelo–Augusto’ di Napoli Napoli – “I dati diffusi da ‘Telefono Azzurro’ sono allarmanti e  sottolineano che la metà dei nostri ragazzi teme il rischio bullismo ma al tempo stesso registra una vera e propria dipendenza dai social media. Ritengo indispensabile affiancare gli istituti scolastici con opportune campagne di sensibilizzazione attraverso corsi ‘ad hoc’ sulla sicurezza online che siano in grado di informare ed educare gli studenti a un corretto rapporto con i nuovi mezzi di comunicazione digitale, solo in questo modo sarà possibile intervenire in maniera  efficace  in termini di prevenzione su un fenomeno sempre più diffuso tra giovanissimi”. Lo ha detto, Domenico Falco, presidente del Comitato regionale delle Comunicazioni della Campania, presentando la decima tappa di @scuolasenzabulli,

Bullismo: in Campania istituito il fondo per le vittime

Lo ha detto Carmine De Pascale, consigliere regionale della Campania, promotore della legge regionale sul cyberbullismo, che ha partecipato alla quinta tappa di @scuolasenzabulli 2019 promossa dal Corecom Campania presso l’Istituto “Gigante – Neghelli” di Napoli Napoli – “Il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo è in continua crescita. E’ necessario far conoscere le conseguenze che questi atti possono comportare sullo sviluppo cognitivo dei ragazzi. Con l’approvazione della legge regionale, di cui sono stato relatore, la Regione Campania per prima ha compiuto un atto concreto. Abbiamo istituito un fondo a favore delle vittime, un comitato regionale di osservazione e la realizzazione di una serie corsi di formazione”.  Lo ha detto Carmine De Pascale, consigliere regionale della Campania, intervenendo alla quinta tappa di @scuolasenzabulli 2019,

Convegno Regionale U.DI.Con. “BullyFace: il volto del bullismo”

Il 9 gennaio a Salerno per sensibilizzare i ragazzi sulle conseguenze che possono derivare da comportamenti di natura aggressiva verso altri coetanei Bullismo, contrastiamolo attraverso la conoscenza. Se lo guardiamo bene in volto, abbiamo la possibilità di studiarlo per poi affrontarlo. Di questo si dibatterà al convegno regionale U.Di.Con. dal tema “BullyFace: il volto del bullismo”, il prossimo 9 gennaio 2019 presso il Grand Hotel di Salerno. Il fine dell’associazione è di sensibilizzare i ragazzi sulle conseguenze che possono derivare da comportamenti di natura aggressiva e intenzionale verso altri coetanei, pertanto intende coinvolgere studenti delle scuole medie inferiori e degli istituti scolastici superiori, offrendo loro spunti di riflessione e di confronto, grazie al contributo di esperti del settore, Istituzioni e autorità politiche. Nel

App “NoBullismo!”, la presentazione al PAN

Applicazione gratuita, scaricabile su tutti i cellulari, che fornisce una serie di collegamenti rapidi ai numeri di emergenza Martedì 4 dicembre alle ore 16,30 nella sala De Stefano del PAN, Palazzo delle Arti di Napoli, su iniziativa di Francesco de Giovanni di Santa Severina, presidente della Prima Municipalità del Comune di Napoli e Francesca Galgano, presidente della Consulta Pari Opportunità della Prima Municipalità, si presenta alla città la nuova app “NoBullismo!” realizzata dall’Inner Wheel Italia. Si tratta di un’applicazione gratuita, scaricabile su tutti i cellulari, che fornisce una serie di collegamenti rapidi ai numeri di emergenza, link con il sito che il Miur (Ministero Università e Ricerca) ha dedicato al problema,  principali associazioni che in Italia si occupano di bullismo e cyberbullismo, nonché tutte le norme giuridiche

@scuolasenzabulli, l’Esercito Italiano affianca il Corecom contro il bullismo

I militari hanno incontrato i giovani studenti nel “campo scuola estivo” all’impianto sportivo “Taddeo da Sessa” con il Comandante delle Forze Operative Sud, generale Rosario Castellano Napoli - “Abbiamo aderito con piacere all’iniziativa promossa dal Corecom Campania @scuolasenzabulli, prevenzione per combattere bullismo e cyberbullismo perché l’Esercito Italiano oltre all’impegno della difesa per la sicurezza nazionale e internazionale, realizza iniziative territoriali per contrastare il fenomeno  della delinquenza”. Lo ha detto il generale di brigata Rosario Castellano, comandante delle Forze Operative Sud dell’Esercito Italiano intervenendo oggi all’incontro organizzato  a Napoli dal Corecom Campania presso il “campo scuola estivo” del “Dopo Lavoro Ferroviario” di Napoli presso l’impianto sportivo “Taddeo Da Sessa” al “binario della solidarietà”. “Ci muoviamo soprattutto in favore dei giovani mettendo in campo diverse manifestazioni

Picchiato da giovanissimi: 15enne vittima del branco, lesioni alla milza

Baby gang in azione: l'aggressione alla periferia di Napoli ad opera di giovanissimi Napoli, 13 gennaio - Ennesimo episodio di violenza da parte di baby gang a Napoli: un ragazzo di 15 anni, residente a Melito, è stato aggredito e picchiato da un gruppo di una quindicina di giovanissimi. E' accaduto nella serata di ieri all'esterno della metropolitana di Chiaiano, alla periferia del capoluogo. La vittima era in compagnia di due cugini. Portato in ospedale dallo zio, il 15enne ha riportato lesioni alla milza e viene sottoposto a intervento chirurgico. Sull'episodio indaga il commissariato della polizia di Stato di Giugliano. Non sono ancora note le cause dell'aggressione.

In Campania 616 casi di bullismo nelle scuole

Nell' anno scolastico 2016/17 picchi in province Napoli e Caserta Napoli, 12 dicembre - Sono stati 616 i casi di bullismo accertato nelle scuole campane nell'anno scolastico 2016-2017: sono i dati della ricerca "L'incidenza del bullismo nelle scuole della Campania", voluta dal Garante regionale dell'Infanzia e dell'adolescenza. Sul campione del 22% sono stati dunque 616 i casi "conclamati" con picchi più alti nelle provincie di Napoli e Caserta. Nello specifico, nella provincia partenopea, sono stati registrati in media 3 casi per scuola, con una eccezione per un istituto comprensivo, dove, invece e purtroppo, sono stati 70 casi. Nella provincia di Caserta, si registra una media di 2,5 casi per scuola. Si discostano da questa media due istituti nei quali si sono manifestati 39

“Mates Festival”, in 15mila all’Ippodromo di Agnano

Tra gli ospiti gli youtuber Mates, il campione Nba Marco Belinelli e l’attore Salvatore Esposito che hanno incontrato i fan Napoli, 4 giugno - Musica, incontri, sport, videogame. Sono stati in quindicimila a rispondere al richiamo del Mates Festival che ha colorato il Parco dell’Ippodromo di Agnano per una tre giorni dedicata ai giovani, all’amicizia. "Un evento che non ha precedenti a Napoli – così l’ideatore della kermesse, Antonio Ciotola – organizzata da chi vive questa città, una operazione coraggiosa nel Sud Italia, che ha consentito a tanti ragazzi di incontrarsi, conoscersi, applaudire i loro miti". I più piccini non si sono fatti scappare l’occasione di incontrare i Mates, youtubers da milioni di fan, scattarsi un selfie con il mitico “Genny Savastano”

#VentiRighe – Tecnologie al servizio della disumanità

Che c’entra la “Balena blu”? Chi ha scomodato il mite cetaceo per inglesizzarlo in “Blue Whale” e “giocare” con la morte di ragazzi e ragazze psicologicamente labili, vittime di un macabro plagio e come sentenzierebbero gli psicologi, fragilità incolpevoli, perché senza futuro o atterrite dalla progressione verso il nulla della Terra, minacciata dai Trump e affini che contrastano l’ambientalismo militante e fanno del pianeta un “morituri te salutant”, di chi la colpa? Manca il coraggio di ammettere che la frenesia dell’umanità di tecnologizzarsi ha reso più comoda la vita, ma al tempo stesso ha innescato pericoli di non poco conto. Stupisce e preoccupa il vuoto di programmazione per il futuro prossimo che nel comparto decisivo della produzione ha già avviato il processo

FUorigrotta: ferisce con un coltello il compagno di classe durante una lite

Voleva provare il coltellino con una lama di 6-7 centimetri, così si giustifica il ragazzo Napoli, 24 maggio - Uno studente di 14 anni è stato accoltellato al gluteo da un altro ragazzo, al culmine di una lite scoppiata nella scuola media inferiore Augusto Console del quartiere Fuorigrotta di Napoli. Il ragazzo è rimasto ferito ed è stato medicato con un punto di sutura. A denunciare l'episodio accaduto due giorni fa, nel vicino commissariato di Polizia San Paolo, sono stati i genitori del giovane, avvertiti dai professori. Sull'accaduto indaga la Procura dei Minori. "Quando gli ho chiesto 'cosa hai fatto? Lui mi ha risposto 'cosa ho fatto? ...Non ho fatto niente'. Non si è reso conto della gravità del suo gesto". A

Regione Campania, approvata la legge di contrasto al bullismo e cyberbullismo

Il testo è stato votato all’unanimità. La Regione sosterrà le spese legali per le vittime con un fondo da 200mila euro. Previsti sportelli di ascolto nelle scuole e programmi per aiutare i genitori i cui figli sono vittime di bullismo e cyberbullismo Napoli, 2 maggio – Il Consiglio regionale della Campania ha approvato all’unanimità la legge di contrasto al bullismo e a al cyberbullismo. La legge si compone di 10 articoli e mette per iscritto specifici interventi rivolti al rispetto della persona. Sono previsti sportelli di ascolto nelle scuole e programmi per aiutare i genitori i cui figli sono di questo fenomeno. Viene istituita la Settimana regionale contro il bullismo e cyberbullismo.  La Regione Campania, inoltre, istituisce un Comitato per la

Scuole e Chiesa per il recupero dei valori umani. Presentazione del Progetto “La Bellezza della Vita”

Sarà presentato oggi 6 febbraio - alle ore 11 - nell'Auditorium del Seminario al Villaggio del Fanciullo - via Campi Flegrei, 12 - il Progetto "La Bellezza della Vita" Pozzuoli, 6 febbraio - “La bellezza della vita” è il Progetto promosso dall’'Ufficio scolastico diocesano. Scopo dell’iniziativa di volontariato - senza costi per le scuole, per la Diocesi e per tutti gli enti coinvolti - coordinato dall’'Ufficio Scolastico Diocesano è mettere in comune competenze, attività, attrezzature, laboratori. Obiettivi specifici: riconoscere la preziosità e l’inviolabilità della vita in ogni sua forma e manifestazione, educare al rispetto dell’ambiente, affermare la legalità come principio fondante delle relazioni sociali, individuare nella famiglia il nucleo fondante della società, guidare la capacità di autoanalisi delle persona, identificare la

Lite tra minorenni: accoltellato un 13enne fuori scuola

Ricoverato all'ospedale Loreto Mare non è in pericolo di vita e non viene considerato in gravi condizioni dai medici Napoli, 6 ottobre -E' stato fermato dalla polizia il feritore di M.E., il ragazzo di 13 anni accoltellato all'uscita di scuola. E' un 15enne (e non 17enne come un primo momento comunicato dalle forze dell'ordine), e risiede nella zona dei Tribunali. La polizia anche sulla base delle testimonianze della preside della scuola Confalonieri e dei docenti sta ricostruendo la dinamica esatta della lite tra i due ragazzi culminata poi nell'accoltellamento. Intanto non è in pericolo di vita e non viene considerato in gravi condizioni dai medici dell'ospedale Loreto Mare che lo hanno operato il ragazzo di 13 anni (14 non li ha ancora