Taglio parlamentari, De Luca critico: “Dobbiamo affermare che non è cambiato nulla”

Il governatore della Regione Campania esprime le sue perplessità sulla legge che taglia 345 parlamentari della Repubblica Ieri la Camera dei Deputati ha dato l'ultimo via libera al disegno di legge costituzionale che riduce i deputati dai 630 attuali a 400 e i senatori dai 315 attuali a 200: se nessuno dei soggetti legittimati (500mila elettori o 5 consigli regionali o anche un quinto dei membri della Camera, ndr) chiederà il referendum confermativo entro il 7 gennaio, la legge sarà promulgata dal Presidente della Repubblica ed entrerà in vigore. Pur avendo votato a favore del taglio dei parlamentari anche il Partito Democratico (oltre alle altre forze di maggioranza e alle principali forze di opposizione) sulla riforma il governatore della Campania, Vincenzo

Camera dei Deputati, Mara Carfagna (FI) eletta vicepresidente

La parlamentare campana è stata eletta dall’Aula di Montecitorio vicepresidente Roma, 29 marzo – Mara Carfagna, parlamentare e consigliera comunale a Napoli di Forza Italia, è tra i vicepresidenti eletti dall’Aula della Camera dei Deputati. Gli altri vicepresidenti sono Maria Edera Spadoni (M5s), Lorenzo Fontana (Lega) ed Ettore Rosato (Pd). Carfagna è stata la più votata con 259 preferenze. “L’elezione di Mara Carfagna alla vicepresidenza della Camera dei Deputati è una splendida notizia per il nostro partito e per l’intera Campania. Oggi raccogliamo una grande soddisfazione”, dichiara in una nota il senatore Domenico De Siano, coordinatore regionale di Forza Italia. “A lei, che con sempre maggiore autorevolezza saprà rappresentare le istanze dei nostri concittadini, vanno le nostre congratulazioni e i nostri migliori

Accordo M5S-Centrodestra: Fico presidente della Camera, al Senato c’è Casellati

Roberto Fico (M5S) ed Elisabetta Alberti Casellati (FI) sono i nuovi presidenti di Camera e Senato Regge l’accordo per i presidenti della Camere tra il Movimento 5 Stelle e il Centrodestra: il nuovo presidente della Camera dei Deputati è Roberto Fico, parlamentare campano del Movimento 5 Stelle ed ex presidente della Commissione di Vigilanza Rai; Elisabetta Alberti Casellati, avvocato esperta in diritto canonico ed ecclesiastico, eletta nelle fila di Forza Italia, è la prima donna presidente del Senato. Fico è stato eletto con 422 voti (su 620), 70 in meno da quelli previsti dal ‘patto’, perché il totale dei gruppi di Centrodestra e M5S tocca quota 492. Inferiore, invece, lo scarto per l’elezione di Casellati al Senato: la senatrice azzurra è

Elezioni politiche 2018, tutti gli eletti al Parlamento in Campania

Gli eletti alla Camera dei Deputati e al Senato in Campania. Grande successo dei Cinque Stelle, con 40 deputati e 20 senatori. Flop Pd, con 6 deputati e 3 senatori. Per il Centrodestra 12 eletti alla Camera e 6 al Senato Napoli, 6 marzo – A 48 ore dal termine delle Elezioni politiche 2018 si sta delineando il quadro degli eletti in Parlamento che erano candidati in Campania. Nella nostra Regione si assegnavano 60 seggi alla Camera e 29 al Senato. Negli uninominali ha stravinto il Movimento 5 Stelle, con la conquista di 32 collegi su 33: solo in quello di Agropoli ha prevalso il Centrodestra. I Cinque Stelle portano a Roma 40 deputati su 60 e 20 senatori su 29.

Tutti gli eletti in Campania: Camera dei Deputati

Elezioni politiche 2018 Tutti gli eletti in Campania alla Camera dei Deputati CAMPANIA 1 Circoscrizione 1 Giugliano: Salvatore Micillo (M5S) con il 57,92% dei voti; Acerra-Pomigliano: Luigi Di Maio (M5S) con il 63,41% dei voti; Casoria: Vincenzo Spadafora  (M5S) con il 59,40% dei voti; Pozzuoli: Andrea Caso  (M5S) con il 50.05% dei voti. Circoscrizione 2 Napoli-Fuorigrotta, Roberto Fico  (M5S) con il 57,57% dei voti; Napoli-San Carlo all’Arena, Doriana Sarli  (M5S) con il 48,01% dei voti; Napoli-San Lorenzo: Raffaele Bruno  (M5S) con il 43% dei voti; Napoli-Ponticelli: Rina De Lorenzo  (M5S) con il 62,09% dei voti. Circoscrizione 3 Portici, Gianfranco Di Sarno  (M5S) con il 55,96% dei voti; Nola, Silvana Nappi  (M5S) con il 47,99% dei voti; Torre del Greco, Luigi Gallo  (M5S) con il 54,37% dei voti; Castellammare di Stabia, Catello Vitiello  (M5S) con il 46,58% dei voti. CAMPANIA 2 Circoscrizione

L’Italia al voto, oltre 46milioni alle urne. Alle 12 ha votato il 19.38% degli aventi diritto

Si vota solo oggi fino alle 23 Roma, 4 febbraio - Seggi aperti regolarmente alle ore 7. Si vota solo oggi fino alle 23 per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Sempre oggi, nelle Regioni Lombardia e Lazio si voterà per il rinnovo dei Consiglio regionali e l'elezione del presidente della Regione. Lo spoglio avrà inizio subito dopo a partire dallo scrutinio delle schede del Senato successivamente le schede della Camera. Mentre lunedì 5 marzo saranno scrutinate le schede per il rinnovo dei consigli regionali. Oltre 46milioni i cittadini chiamati alle urne, ed esattamente, per la Camera sono 46.604.925, di cui 22.430.202 maschi e 24.174.723 femmine mentre per il Senato (diritto di voto dai 25 anni) sono 42.871.428, di cui

Elezioni politiche 2018, Viminale: come si vota

Domenica 4 marzo, dalle ore 7 alle ore 23, si svolgeranno le operazioni di voto per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati Domenica 4 marzo, dalle ore 7 alle ore 23, si svolgeranno le operazioni di voto per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Nelle medesime date si svolgeranno anche le elezioni del Presidente e del Consiglio regionale di Lombardia e Lazio. Lo scrutinio avrà inizio al termine delle operazioni di voto e di riscontro dei votanti, cominciando dallo spoglio delle schede per l’elezione del Senato. Successivamente, dalle ore 14 di lunedì 5 marzo, nelle regioni interessate, si svolgeranno gli scrutini per le elezioni regionali. I risultati saranno consultabili nei siti www.interno.gov.it e http://elezioni.interno.it. COME SI VOTA - La

Tra Montecitorio e Villa Fondi costumi e rarità del ‘700 napoletano

Villa Fondi de Sangro e la Galleria dei Presidenti della Camera dei Deputati ospiteranno la mostra presepiale di Giuseppe Ercolano Napoli, 19 dicembre - Il Comune di Piano di Sorrento valorizza le tradizioni natalizie ed il '700 napoletano. Lo storico complesso di Villa Fondi de Sangro, sede del Museo archeologico della Penisola Sorrentina, ospiterà infatti fino al 12 gennaio una mostra presepiale di Giuseppe Ercolano, sapiente artigiano che Vittorio Sgarbi ha definito “maestro della memoria”. Nelle stesse date l’artista esporrà anche alla Galleria dei Presidenti  della Camera dei Deputati. Scandagli di tradizione, presepi come rappresentazione della vita, di un fare artistico ed artigianale che affondano le proprie radici nel settecento e anche più su. Punta tutto sulla tradizione la sessione “Christmas Time” del

Manovra di bilancio, passa l’emendamento per evitare il dissesto di Napoli e altri Comuni

Il sindaco de Magistris: “Grande risultato, frutto di collaborazione istituzionale tra forze politiche molto diverse” “Esprimo grande soddisfazione per questo risultato che è frutto di una difficile e complicata, ma sempre leale, collaborazione istituzionale in questo Paese tra forze politiche molto diverse e distanti”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando l'approvazione in commissione Bilancio alla Camera dei Deputati degli emendamenti del Partito Democratico che consentiranno ai Comuni in difficoltà di rimodulare i piani di riequilibrio. “Si è fatto un passo in avanti per dimostrare che la coesione istituzionale è elemento fondante della tenuta democratica del nostro Paese”, ha spiegato il primo cittadino, che ha voluto esprimere diversi ringraziamenti. Il primo ringraziamento del sindaco va al capo di

De Magistris: “Settimana decisiva per il futuro della città di Napoli”

In commissione bilancio alla Camera dei Deputati si discutono e votano gli emendamenti alla manovra economica Napoli, 11 dicembre – Questa è una settimana decisiva per il futuro di Napoli. A sostenerlo il sindaco Luigi de Magistris, che ha spiegato i motivi con un post su Facebook. “In commissione bilancio della Camera dei Deputati si discutono e si votano gli emendamenti alla manovra economica. I Sindaci e i Comuni, in rappresentanza delle loro terre e dei loro cittadini, hanno fatto la loro parte. Con responsabilità e competenza”, scrive de Magistris. “Sono all'esame dei deputati norme per rilanciare il Paese, per garantire diritti e servizi alle persone – aggiunge il primo cittadino  –. Tra qualche giorno sapremo tra Governo e Parlamento chi

Legge elettorale, il Pd fa tornare la legge in commissione e rompe il patto a quattro

Mattinata di bagarre alla Camera, quando il voto a scrutinio segreto sull'emendamento presentato dalla deputata Biancofore (FI) alla legge elettorale, per un disguido tra la presidente Boldrini e i tecnici, è diventato palese. Così si sono svelati i franchi tiratori, che sono almeno 8 tra i forzisti e 5 tra le fila del Pd. Ma i dem che non hanno partecipato al voto sono 36: la loro assenza è stata determinante ai fini dell'approvazione dell'emendamento. Il Pd accusa i Cinque Stelle, che tuttavia avevano già annunciato il voto a favore Roma, 8 giugno – Il patto a quattro Pd-M5s-Fi-Lega sulla legge elettorale non esiste più. È naufragato sull'emendamento, giudicato dai più marginale, presentato dalla deputata Michaela Biancofiore (in foto) di Forza

Legge elettorale, continuano i lavori della commissione Affari Costituzionali. Via le pluricandidature

I capilista bloccati restano perché non ci saranno le preferenze, ma la precedenza per ottenere i seggi l'avranno i vincitori dei collegi uninominali Roma, 4 giugno – Procedono senza sosta i lavori in commissione Affari Costituzionali per mettere a punto il testo della nuova legge elettorale. Regge per ora l'intesa tra Pd, M5s, FI e Lega, anche se è tutto in divenire e potrebbero non mancare i colpi di scena. Si sta cercando di lavorare per evitare profili di incostituzionalità e parziali passi in avanti (non bastano senza l'introduzione del voto disgiunto, ndr) sono stati fatti. I capilista bloccati restano perché non ci saranno le preferenze, ma la precedenza per ottenere i seggi l'avranno i vincitori dei collegi uninominali. Eliminate le

Legge elettorale, iniziati i lavori in commissione Affari Costituzionali della Camera

Pd-M5s-FI-Lega cercano un nuovo accordo: si va verso la riduzione di collegi e circoscrizioni Roma, 3 giugno – Sono iniziati quest'oggi alle 16 i lavori in commissione Affari Costituzionali della Camera per l'esame della nuova legge elettorale, ispirata al modello tedesco, ma rivista in chiave italiana. L'inizio dei lavori era previsto per le 14.30, ma successivamente è slittato prima alle 15.30 e poi alle 16, perché i partiti cercavano un'intesa su una proposta di modifica del Partito Democratico a prima firma di Alan Ferrari. La modifica accoglie diverse obiezioni suscitate dal primo testo. Tre sarebbero i punti del nuovo accordo: la riduzione dei collegi della Camera, che andranno a coincidere con quelli previsti per il Senato dal Mattarellum; la riduzione da 27

Legittima difesa, de Magistris: “La questione va disciplinata bene. È un tema molto delicato”

Il sindaco di Napoli spiega che sulla legittima difesa “ogni caso va valutato concretamente” Napoli, 5 maggio – Il tema della legittima difesa deve essere trattato “senza essere troppo condizionati dalle contingenze del momento, perché è un tema molto delicato”. Lo afferma il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, all’indomani dell’approvazione della nuova legge sulla legittima difesa da parte della Camera dei Deputati. Il testo è passato con i voti del Partito Democratico, di Alternativa Popolare e dei centristi. Seppure con motivazioni diverse, hanno votato “no” M5s, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia, Sinistra Italia e Mdp. 11 gli astenuti (Centro Democratico e Psi). Ora il testo sarà discusso al Senato, dove probabilmente le modifiche saranno sostanziali, visto che il provvedimento è molto