Contrae l’Aids con virus creato in laboratorio, è il primo caso al mondo

Scopre di essere sieropositivo poiché dona sangue all'ospedale Dona sangue all'ospedale e scopre di possedere il virus Hiv. Il suo caso è stato definito "Il primo caso al mondo", spiega all'AdnKronos Salute Andrea Gori, direttore del reparto Malattie infettive dell'ospedale San Gerardo di Monza, Università di Milano-Bicocca, uno dei camici bianchi che si è occupato del caso, finito sotto i riflettori a Boston, poiché il virus ritrovato nel corpo di un paziente è stato creato in laboratorio. Gli scienziati, sotto shock, hanno scoperto il contagio e hanno riferito i dettagli negli Usa in occasione del Congresso Croi (Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections). "E' la prima volta al mondo che questo succede. Pensavamo fosse impossibile", commenta Gori parlando di una "storia drammatica che