Capitaneria di Porto, 154° anniversario della fondazione del Corpo

Celebrazione presso la sede della Direzione Marittima di Napoli Si è celebrato oggi, presso la sede della Direzione Marittima di Napoli, il 154° anniversario della fondazione del Corpo, avvenuta il 20 luglio 1865, in occasione della quale sono stati ripercorsi gli eventi salienti che hanno caratterizzato i 30 anni trascorsi dalla costituzione della Guardia Costiera, avvenuta nel 1989 con provvedimento a firma dell’allora Ministro della Difesa Zanone e dell’allora Ministro della Marina Mercantile Prandini. La Guardia Costiera, che costituisce l’articolazione del Corpo delle Capitanerie di porto a carattere tecnico operativo, è stata dunque al centro del convegno presieduto dal Direttore Marittimo e Comandante del porto di Napoli, Ammiraglio Ispettore (CP) Pietro G. Vella, che ha accolto, nella sede partenopea del Corpo, anche

De Magistris: “San Gennaro corpo, anima e cuore di Napoli”

“Il sangue di San Gennaro si è sciolto subito, facciamo in modo che anche catene e lacci che imbrigliano il cuore di molte persone si possano sciogliere”, ha affermato il sindaco parlando a margine delle celebrazioni del Santo Patrono fNapoli, 19 settembre – “San Gennaro è il corpo, l'anima e il cuore di Napoli. Il sangue si è sciolto subito ed è fluido, facciamo in modo che anche catene e lacci che imbrigliano il cuore di molte persone si possano sciogliere, così che anche in questa città ci possa essere una grande voglia di riscatto e di superare i problemi”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intrattenendosi con i cronisti a margine delle celebrazioni del Santo Patrono. I

Festa della Repubblica, de Magistris: “Costituzione da attuare”

Tra i punti da attuare de Magistris ha indicato il tema della sovranità popolare, il lavoro e l'uguaglianza Napoli, 2 giugno – “C'è ancora tanto da fare, la nostra Costituzione deve ancora essere attuata tanto”. Lo ha dichiarato all'Ansa il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in occasione della celebrazione della Festa della Repubblica, in piazza del Plebiscito. Tra i punti ancora da attuare de Magistris ha indicato il tema della sovranità popolare, il lavoro e l'uguaglianza. “La Repubblica – ha detto – va alimentata, si deve lottare per i diritti e la giustizia perché troppo spesso la legalità formale è intrisa di ingiustizia”. Da qui l'invito del primo cittadino partenopeo a “ricordare il sacrificio di chi ha lottato contro il nazifascismo

Aversa compie 994 anni, fervono i preparativi della festa in attesa del millennio normanno

Programmata la celebrazione del 994° compleanno di Aversa da AversaTurismo e dalle scuole della città. Nuovo appuntamento culturale in attesa del millennio normanno La macchina organizzativa dell’Associazione turistico-culturale AversaTurismo si è messa in moto per promuovere la celebrazione di “Aprile 2016: Aversa compie 994 anni”, una nuova tappa di avvicinamento al millennio normanno previsto nel 2022, nell’ambito del Progetto “Aversa Millenaria”. L’importante evento culturale è  condiviso con l’Istituto Comprensivo “Antonio De Curtis” di Aversa, la cui Dirigente Scolastica, la professoressa Olga Iorio, è riuscito a coinvolgere, con passione ed impegno, ben 16 scuole della città, sia medie che superiori. L’obiettivo principale è quello di valorizzare le origini normanne e medievali di Aversa, al fine di indurre gli alunni a riflettere sull’importanza

Le reliquie di San Camillo a Casoria: iniziano le celebrazioni per il 60esimo dell’ospedale “Santa Maria della pietà”

Dal 9 al 12 luglio momenti di preghiera e riflessione per la festa di San Camillo de Lellis, alla presenza, tra gli altri, del cardinale Crescenzio Sepe. In arrivo da Roma, la reliquia del cuore del Santo che sosterà a Casoria per quattro giorni Napoli, 8 luglio – Compie 60 anni l’ospedale “Santa Maria della pietà” di Casoria (Napoli), gestito dai religiosi Camilliani. La struttura venne infatti inaugurata il 14 novembre 1955, grazie ad una donazione effettuata da Vincenzo Ferrara, cittadino e medico di Casoria, che elargì i suoi averi alla Congregazione affinchè realizzasse un presidio ospedaliero nel cuore del vecchio centro storico. Da allora il nosocomio ha assistito centinaia di migliaia di persone, confermandosi, a sessant’anni di distanza, un avamposto sanitario