Ravello nel mondo viaggia con la dolcezza degli “ndunderi”

Si scrive “ndunderi”, si legge “cioccolatini”: sono quelli che rappresenteranno Ravello nel Mondo durante l’anno 2017 Si chiama “ndundero” il cioccolatino che rappresenterà Ravello nel mondo. I due creatori, ovvero lo chef Gian Marco Carli (Ristorante Il Principe di Pompei) e il pasticcere Gennaro Peluso (pasticceria “La goccia” di Pompei) per la forma del loro cioccolatino si sono ispirati a un tipo di pasta artigianale tipica della provincia di Salerno, gli ndunderi, simili  agli gnocchi, con un impasto composto da farina e latte cagliato oppure ricotta, tuorli d’uovo, formaggio di vacca grattugiato, sale, pepe e noce moscata. “Nella preparazione del cioccolatino e nell’utilizzo degli ingredienti abbiamo poi pensato di onorare un’altra tipicità locale, l’autoctono vitigno Tintor – aggiungono gli chef -. Ed è proprio il vino ottenuto

Ravello Chocolate Festival: al via il contest per il cioccolatino ufficiale del 2017

Un viaggio sensoriale nel mondo del Cioccolato dal 3 al 5 gennaio A Ravello il nuovo anno inizia in dolcezza. Si svolgerà qui la prima edizione del “Ravello Chocolate Festival”, un viaggio sensoriale nel mondo del cioccolato lungo tre giorni - dal 3 al 5 gennaio - organizzato dall’associazione Notte Ravellese in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. La manifestazione, che vuole essere soprattutto un’occasione di festa, non sarà la solita fiera del cioccolato, bensì un momento di crescita esperienziale per grandi e piccini. Ad entrambi saranno infatti rivolti dei momenti (show cooking) che saranno tenuti da chef e pasticcieri di calibro - della zona e non - presso l’hotel Bonadies nei pomeriggi dei giorni 3 e 4 gennaio 2017, dalle ore 18 in poi. La sala all’interno dei