Cresce al Sud e in particolare in Campania la mortalità per malattie croniche

Si muore meno dove la prevenzione funziona. Al Sud la percentuale di mortalità per malattie croniche va dal 5 al 28%. Rienzi (Codacons): "la politica ha fallito, l'Italia non è in grado di garantire lo stesso livello sanitario a tutti i cittadini" In Italia si muore meno per tumori e malattie croniche ma solo dove la prevenzione funziona, ovvero principalmente nelle regioni settentrionali. Al Sud, invece, la situazione è opposta: il tasso di mortalità per queste malattie è infatti maggiore di una percentuale che va dal 5 al 28% e la Campania è la regione con i dati peggiori. A sottolinearlo è il direttore scientifico dell'Osservatorio nazionale sulla salute delle regioni italiane, Alessandro Solipaca, in occasione della presentazione del Rapporto Osservasalute. "Disuguaglianze

Uova tossiche dei Paesi Bassi, come leggere l’etichettatura

Le indicazioni del Codacons su come leggere l'etichettatura delle uova che giungono sulle nostre tavole Sono 36,5 milioni le uova, tra frkesche o presenti negli alimenti preparati, consumate in Italia ogni anno. 215 uova a testa secondo la Coldiretti. Non a caso quindi desta notevole interesse tra i consumatori il destino delle uova provenienti dai Paesi Bassi e contaminate con il pesticida Fipronil. Dall'Olanda e dal Belgio sono arrivate in Italia ben 578 tonnellate di uova. A tranquillizzare i consumate ci prova il ministero della Salute affermando che le partite contaminate non sono giunte sulle nostre tavole. Che cos'è il Fipronil? Una sostanza altamente tossica anche nota come fluocianobenpirazolo. Un insetticida ad ampio spettro che agisce sul sistema nervoso dell’insetto fino a provocarne la morte. È

Calciomercato Napoli, ufficiale l’acquisto di Pavoletti dal Genoa. De Laurentiis cinguetta: “Benvenuto Leonardo”

L'acquisto di Pavoletti è stato annunciato con un tweet del presidente del Napoli. Preoccupazione per Gabbiadini, alle prese con problemi muscolari, probabilmente out per la partita con lo Spezia. A sostituirlo, visto al squalifica di Mertens, potrebbe essere proprio Pavoletti Napoli, 3 gennaio - “Benvenuto Leonardo”. Lo scrive in un tweet il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, per annunciare l'acquisto dell'attaccante del Genoa, Leonardo Pavoletti. Il calciatore arriva al Napoli per 16 milioni più bonus legati al rendimento. A Pavoletti, che ha firmato un quinquennale, andranno 1,4 milioni più bonus. L'attaccante vestirà la maglia numero 32. Pavoletti, 28 anni, è da qualche giorno a lavoro a Castel Volturno e sta provando a recuperare dall'infortunio al ginocchio che lo ha tenuto lontano

Referendum, giudici della Cassazione respingono il ricorso del Codacons: “Non è parte del procedimento”

Anche i giudici della Suprema Corte, dopo quelli del Tar, non dicono se il quesito del referendum è legittimo o meno. Rienzi (presidente Codacons): “Sul quesito referendario sembra che tutti se ne lavino le mani” Roma, 24 ottobre – La Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile l'istanza presentata dal Codacons all'Ufficio centrale per il referendum, chiedendo la correzione del quesito referendario relativo alle riforme costituzionali. Secondo l'associazione per i diritti dei consumatori e dell'ambiente quel quesito “è ingannevole e carente delle disposizioni previste dalle legge 352 del 1970”. La motivazione con la quale i giudici della Suprema Corte hanno respinto l'istanza avanzata dall'associazione è “il difetto di legittimazione attiva”: l'associazione non è, cioè, un soggetto titolare dei requisiti necessari per avanzare

Referendum, Tar Lazio respinge ricorso di M5s e Sinistra Italiana dichiarandosi non competente a decidere sul quesito: “Inammissibile per difetto di giurisdizione”

Per i giudici i profili di incostituzionalità vanno sollevati alla Suprema Corte. Cinquestelle e SI: “Aspettiamo le motivazioni”. Toninelli (M5s): “Appena letto motivazioni valuteremo alternative. Il quesito del referendum è una truffa” ;Roma, 20 ottobre – Il Tar della Lazio ha giudicato inammissibile il ricorso del Movimento 5 Stelle e di Sinistra Italiana sul quesito del referendum costituzionale del 4 dicembre (vai all'articolo). I giudici amministrativi hanno spiegato che il quesito è stato promosso dall'Ufficio centrale per il referendum in Corte di Cassazione e poi recepito dal presidente della Repubblica, istituzioni che sono entrambe “espressione di un ruolo di garanzia”. Le loro ordinanze “non sono impugnabili con gli ordinari mezzi giurisdizionali”, quindi per sollevare una questione di costituzionalità, secondo i giudici

Lotta al gioco d’azzardo e impegno per la legalità, il Codacons premia il Comune di Napoli

L'associazione per la difesa dei diritti dei consumatori e dell'ambiente ha premiato il Comune di Napoli per l'impegno a favore della legalità. A ricevere la targa “Amico del consumatore 2016” il vicesindaco Raffaele Del Giudice Roma, 17 ottobre – Tra le amministrazioni comunali premiate quest'oggi a Roma per l'impegno a favore della legalità e per la lotta al gioco d'azzardo c'è anche il Comune di Napoli. A ricevere il riconoscimento “Amico del Consumatore 2016” è stato il vicesindaco Raffaele Del Giudice. “Questa iniziativa – ha affermato Del Giudice – è importante per fare delle riflessioni. Viviamo in un Paese dove sui cartelli leggiamo 'è severamente vietato', eppure basterebbe scrivere 'è vietato'. Dobbiamo mettere i rafforzativi, quindi l'iniziativa per la legalità in questo

Stop a “Il fumo uccide”. D’ora in poi sui pacchetti di sigarette foto shock e avvertenze sui reali danni del fumo

E' stata emanata dal Ministero della Salute una bozza di decreto legislativo contro il fumo. Sui prossimi pacchetti di sigarette ci saranno foto shock relative ai danni del fumo e il 25% in più di avvertenze Il fumo "causa il 90% dei casi di cancro ai polmoni", "aumenta il rischio di cecità", "è dannoso per i tuoi denti e le tue gengive". Saranno queste le frasi, accompagnate da una serie di immagini shock rappresentanti persone malate a causa del fumo, che appariranno d'ora in poi sui pacchetti di sigarette in vendita in Italia e acquistati da 11 milioni di italiani, proprio come chiede la direttiva europea sul tabacco recepita nella bozza di decreto legislativo messo a punto dal Ministero della Salute. La lotta

Riscoprire il Natale con pochi soldi in tasca, i consumatori fanno i conti con la crisi

Natale 2014, ancora austerity. La crisi induce al risparmio sui regali e sulle decorazioni. La speranza è riscoprire il senso profondo di questa festa Luci colorate, decorazioni, si sente già nell’aria il profumo di Natale. Ma di Natale low-cost. Previsti tagli del 60% sulle spese natalizie. E circa 6 milioni di persone (il 13%) quest’anno rinunceranno completamente ai regali. Complici probabilmente le scadenze di Imu e Tasi che incombono sotto le feste, gli italiani anche a Natale tireranno la cinghia. Con alle spalle un anno ancora difficile dal punto di vista economico, una ripresa lenta e incostante, gli italiani partono un po’ sfiduciati. Confcommercio parla di un Natale “molto dimesso” per il 72,7 % delle persone. Circa il 29% degli intervistati secondo

Pensioni d’oro, gli alti burocrati dello Stato gongolano: sparito il tetto massimo ai vitalizi milionari

Il Codacons chiede l’apertura di un’indagine per “per accertare la causa della cancellazione di tale norma dalla legge 214 del 2011” Roma, 12 novembre – Risulta misteriosamente sparito un comma della legge 214 del 2011, e precisamente quello che stabiliva che la pensione non poteva superare l'80% dell'ultimo stipendio. Il ministro Elsa Fornero, aveva all’epoca stabilito che i contributi dei dipendenti venissero calcolati ai fini pensionistici non più con il sistema retributivo, bensì contributivo. Aspetto ancora più importante, il comma stabiliva inoltre che per coloro che avessero deciso di continuare a lavorare anche dopo i 40 anni, la pensione sarebbe stata incrementata fino ad un massimo del 80% dell’ultimo stipendio. Oggi questo tetto massimo è improvvisamente sparito, ma non sono ancora noti i fautori

Compravendita Parlamentari, l’ex senatore De Gregorio chiede di patteggiare

Napoli, 28 giugno - Un anno e otto mesi di reclusione. Questa sarebbe la pena concordata dal legale dell'ex senatore De Gregorio, Carlo Fabbozzo. La vicenda si riferisce alla presunta compravendita dei parlamentari che ha visto protagonisti, appunto l'ex senatore, il leader del Popolo della Libertà Silvio Berlusconi e l'ex direttore dell' "Avanti" Valter Lavitola. L'accusa sarebbe quella di corruzione. Per portare a termine la cosiddetta "Operazione Libertà", che avrebbe avuto lo scopo di favorire la caduta dell'ex Governo Prodi, Sergio De Gregorio avrebbe accettato la cifra di tre milioni di euro, soldi che sarebbero "serviti" all'ex senatore per cambiare schieramento, facendo vacillare ulteriormente la maggioranza di centrosinistra. Il giudice dell'Udienza Preliminare Amelia Primavera, ha intanto valutato le  posizioni del Codacons e di Italia Dei Valori,