Festa al San Carlo per il centenario dell’Unione Industriali. Il ministro De Vincenti: “Vicini ad accordo su Bagnoli”

L'annuncio del ministro per il Mezzogiorno e la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, durante il convegno “Napoli Europea – 100 anni di futuro”. Ma de Magistris, a margine dell'evento, ha affermato che c'è ancora da lavorare per l'intesa completa Napoli, 22 giugno – “Su Bagnoli è in corso il confronto tecnico, mi sembra che ormai i punti chiave sono tutti risolti. Il Comune ha aderito sostanzialmente al piano di rigenerazione urbana che avevamo varato, naturalmente chiedendo alcuni miglioramenti e aggiustamenti che ci sono sembrati molto ragionevoli”. Lo ha detto il ministro per il Mezzogiorno e la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, durante il discorso pronunciato al convegno “Napoli Europea – 100 anni di futuro”, tenutosi quest'oggi al Teatro San Carlo per

Voucher per pagare i docenti precari, Fedeli non dice no alla proposta di Confindustria

Solo rapporto di lavoro occasionale per i precari. Pino Turi, segretario generale della Uil Scuola, "i voucher per il pagamento dello stipendio dei docenti precari scuola equivarrebbero ad  una dichiarazione di guerra" Confindustria avanza la proposta, Fedeli ci pensa: paghiamo gli insegnanti precari con i voucher. Ad oggi ci sono docenti che non hanno percepito nemmeno lo stipendio di settembre, e, in migliaia, non hanno percepito la tredicesima. Il neo ministro Fedeli, sindacalista Cigl da sempre, per il momento si è limitata a introdurre la laurea per poter insegnare alla scuola materna, titolo che lei non possiede ma ciò nonostante è a capo del dicastero dell’istruzione. Quindi, detto da un ministro che si è diplomata maestra d’asilo ed è stata assunta in

Renzi all’Assemblea nazionale sul Mezzogiorno: “Referendum occasione per fare chiarezza”

Il presidente del Consiglio: “Prima c'era la palude, abbiamo messo a posto il passato” Napoli, 13 novembre – “Interpreto il 4 dicembre come un'occasione per fare chiarezza. Una semplificazione che non è solo il taglio delle poltrone. Per non parlare ogni giorno se ne inventano una, come la lettera agli italiani all'estero, che avevano fatto anche Berlusconi e Bersani”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio Matteo Renzi, durante il suo intervento all'Assemblea nazionale sul Mezzogiorno, che è stata per Renzi e per gli altri partecipanti l'occasione di propagandare il Sì al Referendum. “In settimana – ha proseguito – faremo i primi mille giorni di governo. Il compito del nostro governo è stato mettere a posto il passato. C'era la palude, ce

“Aerospace Job Matching”: giovani specialisti incontrano i soci del distretto

40 nuove figure professionali formate dal Dac saranno presentate alle prime 11 aziende soci del Distretto per reali opportunità di impiego Caserta, 18 ottobre - Domani, 19 ottobre, alle ore 9:00, presso la Sala Convegni di Confindustria Caserta (Via Roma, 17), si terrà “Aerospace Job Matching”, l’appuntamento che prevede l’incontro tra i giovani specialisti che hanno completato i Corsi di Alta Formazione Professionale del Distretto Aerospaziale della Campania – Dac, svolti nel corso del 2015-2016, e i Soci del Distretto. Circa 40 giovani specialisti del settore aeronautico, formati nell’ambito dei progetti di sviluppo del Dac, si confronteranno con le prime 11 aziende che hanno dato disponibilità e hanno mostrato interesse per l’iniziativa, per valutare reali opportunità di impiego. L’evento, in collaborazione con Synergie Italia Spa, società

CGI Confindustria Campania: “Handshake”, 100 giovani imprenditori ad Ischia per nuove opportunità di business

Summer Edition dell’evento "Handshake" Napoli, 17 luglio - Si terrà ad Ischia la Summer Edition dell’evento "Handshake", il Business Matching promosso e organizzato dai Giovani Imprenditori di Confindustria Campania in collaborazione con le varie territoriali regionali, in programma dal 15 al 17 luglio. Ad ospitare la tre giorni sarà il Pagoda Hotel ad Ischia Porto. Circa 100 industriali under 40, provenienti dalle 5 territoriali provinciali, si incontreranno nell’isola verde per approfondire la conoscenza reciproca sulle proprie aziende e studiare possibili opportunità di business. I settori che si confronteranno sono i più disparati: si va dall’agroalimentare all’edilizia e servizi impiantistici, dai servizi avanzati per le aziende (informatica e comunicazione) alla meccanica e alla moda, dalla chimica e plastica ai trasporti e turismo, passando

E’ sempre più difficile fare impresa in Italia

Solo il 44% degli italiani sceglie di fare l'imprenditore La strada imprenditoriale si fa sempre più ardua in Italia tanto che quasi 8 indusrtriali su 10 (il 78%) sconsigliano di intraprendere questa via: tasse, burocrazia, accesso al credito ostacolano e rendono complicata l'attività. Nel 2016 solo il 44% degli italiani la sceglierebbe come professione, in calo rispetto al 2009 (51%). Questo è quanto emerge da una ricerca del Centro Studi di Confindustria, presentata a Parma ad una platea di circa mille imprenditori a testimoniare così la fatica nel fare impresa in Italia. Per la prima volta lo studio sonda anche l'opinione pubblica. Il 45,5% degli italiani pensa che la figura dell'imprenditore sia peggiorata. Il 64,7% ritiene che alla professione non sia riconosciuto il

Flebili segnali di ripresa al Sud: Pil a +0,2% nel 2015, +1% nel 2016

L’economia del Mezzogiorno mostra segnali di ripresa. Lo sostiene una ricerca condotta da Confindustria e dal SRM, il Centro Studi collegato al Gruppo Intesa San Paolo. Nel 2015 il Prodotto interno lordo delle regioni meridionali dovrebbe crescere dello 0,2% e nel 2016 dell’1%. La crescita rimane comunque, in tutte e due i casi, inferiore a quella del resto del Paese Roma, 31 dicembre - Segnali di ripartenza per il Sud, infatti secondo le stime di Confindustria e SRM (centro studi collegato al gruppo Intesa Sanpaolo), il PIL dovrebbe tornare a salire dello 0,2% nel 2015 e in maniera un po' più robusta nel 2016 (+1%). La crescita attesa è comunque in entrambi i casi inferiore a quella del resto del Paese. Per quest'anno ormai

Confindustria Salerno, storie delle aziende familiari campane centenarie

Le Imprese Longeve come Patrimonio del Territorio si raccontano. Presentazione del volume “I Centenari” Le Imprese Longeve come Patrimonio del Territorio: è questo il topic dell’incontro di giovedì 8 ottobre, alle ore 18.00, in Confidustria Salerno in occasione del quale verrà presentato il volume di storytelling delle aziende campane “I Centenari. Long-lived italian Family Firm. A Storytelling Experience” curato da Maria Rosaria Napolitano, docente dell’Università degli Studi del Sannio, e Vittoria Marino, docente dell’Università degli Studi di Salerno. Dopo Napoli e Benevento, anche Salerno, nella prestigiosa sede di Confindustria, ospiterà l'evento di presentazione del volume che racconta storie e sentimenti delle aziende storiche familiari campane, con le immagini del fotografo Luciano Romano, edito da Areablu Edizioni con il patrocinio dell’ Associazione

Squinzi: “Gli immigranti non sono per noi una risorsa, la nostra vera priorità è dare lavoro agli italiani”

Le considerazioni del presidente di Confindustria giungono durante la presentazione della Fondazione E4Impact che si prefigge come scopo di formare per il 2022 3mila nuovi imprenditori africani. Intanto dopo l'Ungheria anche l'Austria chiude le frontiere Per i vertici di Confindustria la questione immigrazione sembra non essere un elemento rilevante sotto il profilo occupazionale,  anche perché chi giunge in Italia difficilmente ha intenzione di fermarsi a lungo e l’obiettivo è di continuare la marcia per giungere in altri Paesi “più ricchi” che possa offrire loro una prospettiva di vita dignitosa. Lo stesso presidente di Confindustria Giorgio Squinzi ha ammesso che “Gli immigranti non sono per noi una risorsa perché chi viene in Italia ha come destinazione altri Paesi”. La dichiarazione di Squinzi arriva a margine

61%: E’ record per la disoccupazione giovanile al Sud

Disoccupazione ai massimi storici, lo rilevano i dati Istat. Squinzi:"Stiamo strisciando sul fondo" Il lavoro nel Bel Paese sembra davvero essere diventato un miraggio e a confermarlo è l’Istat che ha reso noto i dati percentuali di disoccupazione relativo al primo trimestre del 2014 e quello provvisorio del mese di aprile. La disoccupazione in Italia ha raggiunto il record storico del 13,6%, in aumento dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2013. È il dato più alto mai registrato dall’inizio delle serie trimestrali elaborate dall’Istat iniziate nel 1977. C’è un esercito di persone in cerca di un impiego per poter far fronte alle necessità basilari di sussistenza della propria famiglia. La fotografia che l’Istat fa dell’Italia è quella di un paese sempre più

La politica di Renzi, “il derby palude contro torrente”

Il Premier replica alle critiche dei sindacati. Andrà avanti con le riforme, anche senza l'assenso delle parti sociali Roma, 24 marzo - Matteo Renzi va dritto per la sua strada, perseguendo il suo intento di cambiare direzione, nonostante le critiche dalle parti sociali. Susanna Camusso e Giorgio Squinzi, rispettivamente segretario Cgil e presidente di Confindustria, hanno criticato alcune delle scelte di Renzi. La Camusso critica il jobs act che ritiene sarà foriero di nuova precarietà, Squinzi invece si dichiara favorevole alla riforma del lavoro, ma contrario alla posizione che il premier ha assunto in Europa dichiarando: "Nel corso del vertice italo-tedesco ero seduto di fianco alla Cancelliera. È molto austera nei nostri confronti e non è vero che ci ha accolto con

Legge di stabilità: i sindacati annunciano uno sciopero di 4 ore

Roma, 22 ottobre - Coerentemente con le dichiarazioni rilasciate pochi giorni fa, i segretari delle principali sigle sindacali (CGIL, CISL e UIL), per novembre, annunciano uno sciopero contro la legge di stabilità che sarà articolato in pacchetti di fermi da quattro ore, a livello locale, con annesse manifestazioni di protesta. La principale critica che i rappresentanti dei sindacati muovono contro la legge di stabilità è la riduzione insignificante della pressione fiscale sui contribuenti, che definiscono "del tutto simbolica e quindi inefficace". Convengono anche sul fatto che le riforme contenute nella manovra, non apporterebbero uno stimolo decisivo alla crescita, condannando il Paese ad ulteriori anni di stagnazione. Inoltre, chiedono che venga data una risposta definitiva alle questioni spinose del rifinanziamento della cassa

Legge di Stabilità, critiche dal mondo politico e sindacale. Monti si dimette da SC

Roma, 17 ottobre - Approvata dal governo Letta la nuova legge di stabilità, l' entusiasmo che è stato mostrato da premier e vicepremier nell' annunciare la manovra, non è però stato condiviso da tutta la maggioranza di Governo, e per nulla dalle parti sociali. Per quanto riguarda il Pd, il segretario Epifani afferma la sua sostanziale approvazione nei confronti della manovra, anche se crede si possa migliorare durante l'iter di approvazione da parte delle Camere e riconosce che alcune delle promesse non sono state mantenute. Dello stesso avviso sono anche Fassino e Cuperlo. Sembrano invece essere più scettici i "renziani". Luca Lotti, uno dei fedelissimi del sindaco di Firenze, ha infatti espresso preoccupazioni riguardo al fatto che la nuova legge di

IMU sì, IMU no. Le sorti del paese appese alla tanto discussa tassa sulla casa?

Saranno i cento giorni del Governo Letta a far cambiare rotta all’Italia? 14 maggio - Dopo il Governissimo è ora la volta del programma dei cento giorni a tenere banco in queste ore. Lo ha illustrato il Presidente del Consiglio Enrico Letta, dopo il ritiro della squadra di governo all'abazia di Spineto, tra Firenze e Roma, "per programmare, conoscersi, fare spogliatoio". Al centro dell’attenzione dei ministri saranno quindi il lavoro, la casa, lo sblocco dell’economia e la riforma della politica. Ma in primissimo piano, fin dal primo giorno di insediamento del nuovo Governo, c’è sicuramente un nodo ormai divenuto dirimente per le sorti della legislatura, l’Imu, prossimo alla scadenza per il pagamento della rata, e primo argomento discusso dal Consiglio dei ministri di venerdì prossimo.