Coronavirus, i lavoratori stagionali aeroportuali di colpo senza lavoro

Senza lavoro e senza alcuna offerta di sostegno da parte del governo per l’emergenza COVID-19 "Da decenni lavoriamo per gli aeroporti di Italia per circa 6/7 mesi l'anno ed abbiamo fatto di questa modalità di lavoro la nostra vita, nonostante la sua precarietà. La diffusione del coronavirus ci ha messi di fronte all’impossibilità di lavorare per un periodo indefinito e dal momento che la nostra azienda ha previsto una cassa integrazione di 12 mesi per i propri dipendenti a tempo indeterminato, quali speranze abbiamo noi, lavoratori stagionali, di tornare a breve ad una vita lavorativa regolare? La nostra crisi non finirà quando il picco del coronavirus sarà passato,  le conseguenze saranno per noi sul lungo periodo e possiamo comprendere che l'attuale urgenza aziendale sia

Whirlpool allo sciopero unitario di 16 ore

Fiom-Fim-Uilm, gravissima e inaccettabile chiusura di Napoli Fiom, Fim e Uilm dichiarano 16 ore di sciopero per tutto il Gruppo Whirlpool, le prime 8 ore con articolazione territoriale con presidi davanti agli stabilimenti, le altre 8 in occasione della mobilitazione nazionale che verrà definita nelle prossime settimane. "Riteniamo gravissima e inaccettabile la iniziale conferma di Whirlpool di voler chiudere Napoli il 31 marzo prossimo e insufficiente la mediazione del Governo che è riuscita solo a spostare il termine al 31 ottobre", si legge in una nota congiunta diffusa il giorno dopo l'incontro al Mise. All'incontro con il Governo erano presenti, oltre al ministro Patuanelli, i segretari generali di categoria. L'azienda ha presentato una perdita annua di 20 milioni di euro, definendo il sito

Whirlpool, conferma la chiusura di Napoli

Invitalia al lavoro per selezionare investitore entro luglio Roma, 29 gennaio - La Whirlpool conferma di voler abbandonare il sito di Napoli ed Invitalia è già alla ricerca per conto del governo di un nuovo soggetto che subentri alla multinazionale americana. E' quanto emerso finora, secondo quanto riferiscono alcuni presenti, al tavolo in corso al ministero dello Sviluppo economico, presieduto dal ministro Stefano Patuanelli. L'obiettivo è quello di arrivare alla selezione finale di un possibile investitore a luglio 2020. Lo stabilimento di Napoli perde 20 milioni di euro l'anno ha detto l'amministratore delegato di Whirlpool Italia, Luigi La Morgia, al ministero dello Sviluppo economico.

Whirlpool: de Magistris chiede intervento dello Stato

Sindaco Napoli dopo incontro con premier Conte a Roma ''Ho detto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che l'opzione principale è far rispettare l'accordo firmato un anno fa ma ho anche prospettato di valutare una partecipazione pubblica nelle varie articolazioni - Governo nazionale, Regione, Città metropolitana e Comuni - all'interno della quota di azionariato di Whirlpool andando così a intervenire nella produzione di lavatrici e creando un brand. Dare vita dunque a una prima fabbrica bene comune in cui i lavoratori possano stare dentro alle forme di gestione, produzione e azionariato. Tutto questo ovviamente con la massima garanzia rispetto al mantenimento dei posti di lavoro, all'innovazione e al rilancio del sito''. Lo ha detto all'ANSA il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris,

Whirlpool, de Magistris: Conte deve ricevere la città, in caso di chiusura faremo centro di produzione

"L'esecutivo si faccia sentire anche perché Di Maio ci ha un po' marciato in campagna elettorale per le europee rassicurando i lavoratori" Napoli, 16 ottobre - "Sulla vicenda Whirlpool il presidente del Consiglio deve ricevere la città rappresentata dal suo Sindaco che si fa portavoce delle istanze dei lavoratori di una fabbrica che chiude per scelta, non per necessità, tant'è che lasciano aperti gli stabilimenti del centro-Nord. Noi faremo sentire la nostra voce e in caso di chiusura faremo un centro produzione collettiva di lavatrici tutto italiano". Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ai microfoni di Mariù Adamo in un'intervista realizzata per Mattina 9, il morning show in onda su Canale 9 - 7 Gold. "Il governo ha

Whirlpool chiude, l’azienda cede il sito di Napoli

Lavoratori in strada dopo notizie negative incontro Roma. Momenti tensione. Sgambati (Uil), azienda irresponsabile Quello con i vertici di Whirlpool a Palazzo Chigi "è stato un incontro non positivo, nonostante la massima disponibilità del governo a mettere in campo tutte le iniziative necessarie per continuare la produzione sul sito di Napoli non c'è stata nessuna apertura da parte di Whirlpool". Così il ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli. L'azienda "continua a proporre come unica soluzione una cessione del ramo d'azienda sostanzialmente verso l'ignoto", ha aggiunto. I lavoratori della Whirlpool hanno bloccato l'autostrada Napoli-Salerno dopo aver raggiunto in corteo la rampa di accesso. Gli operai sono usciti in strada dalla sede della fabbrica in via Argine dopo aver appreso le notizie sull'esito negativo

Lavoro: Jabil, assessore Palmeri incontra i lavoratori nel sito di Marcianise

Incontro alla Jabil Circuit di Maricanise, sospensione dei licenziamenti per ora prevista fino al prossimo 8 novembre Napoli, 24 settembre - Dopo la sospensione di una settimana fa al Mise dell'iter del taglio di 350 dipendenti della Jabil Circuit di Maricanise, la multinazionale delle telecomunicazioni sul territorio, questa mattina, invitata dalle Rsu di fabbrica, si è recata nell'azienda, l'assessore regionale al Lavoro ed alle Risorse Umane della Campania, Sonia Palmeri. Un incontro per fare il punto della situazione, anche perché la sospensione dei licenziamenti è per ora prevista fino al prossimo 8 novembre. Pertanto ieri l'Assessore Palmeri ha inviato una richiesta al Ministro dello Sviluppo Economico ed al vice capo di gabinetto Giorgio Sorial già per la prossima settimana di "voler calendarizzare,

Whirlpool, sgravi fiscali per salvare 420 lavoratori

Ipotesi nuovo prodotto a Napoli. Di Maio, pronti a sgravi fiscali Il confronto sul sito Whirlpool di Napoli proseguirà sulle ipotesi "che prevedono di investire nei prodotti di alta gamma, di spostare in Italia alcune produzioni realizzate all'estero e di individuare una nuova mission per il sito di Napoli, attraverso la realizzazione di un nuovo prodotto". Lo si legge in una comunicato diffuso dal Mise dopo l'incontro di ieri. "E' stata categoricamente esclusa la possibilità di procedere a uno spostamento delle produzioni tra gli stabilimenti presenti in Italia". Durante la riunione, il Ministro Di Maio ha sottolineato che l'obiettivo da perseguire è quello di "garantire la continuità produttiva e la salvaguardia di tutti i lavoratori del sito di Napoli (circa 420 ndr).

Crisi aziendali, richiesto tavolo nazionale. De Luca: “no ad altro precariato”

Il governatore: "La Regione è per la linea della stabilizzazione partendo dai lavoratori precari attualmente in Anpal" Napoli - "La Regione Campania è impegnata concretamente nell'affrontare le vertenze delle aziende in crisi e la grave situazione delle aree di precariato del nostro territorio che si trascinano da decenni. Occorre aprire un tavolo nazionale che dia risposte certe. E' maturo il tempo per una 'Vertenza Campania'. Per questo si chiede l'apertura di un tavolo nazionale per affrontare da subito le gravi vertenze in atto". Così il governatore della Campania Vincenzo De Luca, il quale - dopo il no della Regione all'intesa con Anpal per i navigator - precisa: "Nell'ambito del tavolo potranno essere affrontate anche le questioni relative ai cosiddetti Navigator. E' noto

Whirlpool, messa in fabbrica del Cardinale Sepe

'Lavoratori non sono birilli da cancellare con una X' "Napoli, la Campania, il Sud, l'Italia non sono territori da conquistare e abbandonare. Si abbia il coraggio di guardare in faccia i tanti padri e le tante madri di famiglia che, con il sudore della loro fronte e del loro lavoro, hanno consentito all'azienda di impinguare i suoi conti in banca". Così l' Arcivescovo di Napoli, Cardinale Crescenzio Sepe, nell'omelia della Messa celebrata nello stabilimento Whirlpool di via Argine, a Napoli. "L'atteggiamento della proprietà ci sgomenta - ha aggiunto il Cardinale - il lavoro non può essere messo in discussione. La fabbrica non si chiude, perché i lavoratori non sono birilli dei quali ci si può liberare quando si vuole, apponendo una X

Assemblea Whirlpool, accordo disatteso per i 430 operai di via Argine

Giovanni Sgambati, segretario generale Uilm Campania, "se il Governo non è in grado di far recedere una multinazionale è un Governo inutile" Napoli, 3 giugno - E' forte tra i lavoratori della Whirlpool la preoccupazione per il futuro. L'azienda venerdì scorso ha annunciato la cessione del sito di via Argine a Napoli. Sono 430 gli operai che hanno perso per la decisione del management di delocalizzare. E da venerdì si susseguono i presidi, anche di notte. Whirlpool venderà a una società terza "in grado di garantire la continuità industriale allo stabilimento di Napoli", ma così facendo il Piano industriale Italia 2019-2021, sottoscritto con il ministero appena sette mesi fa, diviene carta straccia. In un comunicato stampa l'azienda ribadisce che l'Italia resta strategica per

Al via i saldi, Confesercenti Campania e Napoli: “Flessione del 18%”

122 euro di spesa pro capite, 10 milioni di incassi in meno per le aziende. Il presidente Vincenzo Schiavo: "Si prediliga il negozio sotto casa" Napoli - Domani, sabato 5 gennaio, partono in Campania i saldi 2019, che si concluderanno il 5 marzo . Sessanta giorni di sconti e di possibilità di acquisto per i consumatori della nostra regione. Lo studio di Confesercenti Campania e Napoli (con riferimento alla nostra regione) prevede una flessione generale: nella spesa pro capite, nei cittadini che sfrutteranno i saldi e, di conseguenza, negli incassi per le imprese.  Il presidente di Confesercenti Interregionale (Campania e Molise), Vincenzo Schiavo, rileva: "Secondo la nostra analisi ci sarà una flessione nell’acquisto nel corso dei saldi, in linea con la diminuzione di spesa per

Natale di lotta per il posto di lavoro alla Treofan di Battipaglia

Trascorreranno la vigilia ed il giorno di Natale dinanzi alla Treofan di Battipaglia (Salerno) Salerno, 24 dicembre - Sono i 78 lavoratori dello stabilimento salernitano in stato di agitazione da giorni chiedendo certezze sul loro futuro lavorativo. Gli impianti produttivi della Treofan sono fermi a seguito della cessione dell'azienda, dello scorso 24 ottobre, per la somma di cinquecentomila euro, dalla Management & Capitali, spa fondata da Carlo De Benedetti, al colosso indiano Jindal Group. "Si tratta di un' interruzione ingiusta delle attività produttive nello stabilimento Battipagliese della Treofan", dicono Alberto Padula e Antonio Glielmi, rsu dello stabilimento. "C'è presidio giorno e notte. Chiediamo l'intervento urgente di tutte le istituzioni nazionali e comunitarie nonché degli organi di vigilanza e di ispezione". Domani, 25

Partono i saldi estivi, il presidente di Confesercenti Campania: “Si spenda nelle attività commerciali sotto casa”

Molte le aziende campane aderiranno per recuperare i mancati incassi: saldi di partenza tra il 30% e il 40%, quasi la metà dei consumatori del Sud aspetta i saldi per spendere Sabato 7 luglio anche in Campania partono i saldi estivi 2018, che proseguiranno sino al 30 agosto. Lo studio di Confesercenti rileva che i saldi, per 7 negozi su 10, saranno un tentativo per recuperare un avvio d’anno negativo. Aderirà ai prossimi saldi 1 su 3 delle attività commerciali italiane, per un totale di circa 280 mila negozi sul territorio nazionale. Quest’anno le offerte saranno più sostanziose del normale: il 68% delle imprese inaugurerà le vendite di fine stagione estive con riduzioni di prezzo tra il 30 ed il 40%, mentre l’11% degli