Napoli-Juventus 2-1. Al San Paolo gara quasi perfetta dei ragazzi di Gattuso

I gol di Zielinski e Insigne nel secondo tempo regalano la vittoria al Napoli. Gol inutile della Juve al 90' con Ronaldo NAPOLI (4-3-3): Meret; Hysaj, Manolas, Di Lorenzo, Mario Rui; Fabian Ruiz, Demme (69' Lobotka), Zielinski (81' Elmas); Callejon, Milik (90' Llorente), Insigne. All. Gennaro Gattuso JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Bentacur, Pjanic (50' Rabiot), Matuidi (72' Douglas Costa); Dybala (72' Bernardeschi), Higuain, Ronaldo. All. Maurizio Sarri MARCATORI: 63' Zielinski (N), 86' Insigne (N), 90' Ronaldo (J) ARBITRO: Maurizio Mariani (Aprilia) Nel posticipo della 21esima giornata del campionato di Serie A il Napoli batte la capolista Juventus 2-1 al San Paolo, al termine di una gara quasi perfetta dei ragazzi di mister Gattuso. La vittoria arriva grazie ai gol di

Juventus-Napoli 4-3. Un’autorete di Koulibaly regala la vittoria ai bianconeri

Il Napoli regala almeno 60 minuti di gioco alla Juve, poi sul 3-0 i padroni di casa calano e nel giro di pochi minuti la squadra di Ancelotti acciuffa il pari. Il tutto è vanificato da un'autorete di Koulibaly al 92' JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio (15' pt Danilo), Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Khedira (15' st Can), Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain (31' st Dybala), Cristiano Ronaldo. All: Sarri NAPOLI (4-4-1-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Ghoulam (1' st Mario Rui); Callejon, Allan (29' st Elmas), Zielinski, Insigne (1' st Lozano); Ruiz; Mertens. All: Ancelotti MARCATORI: 16' pt Danilo (J), 19' pt Higuain (J), 17' st Ronaldo (J), 21' st Manolas (N), 23' st Lozano (N), 36' st Di Lorenzo (N), 47'

Juve-Napoli 3-1. I bianconeri volano a più 6 in classifica

All'Allianz Stadium, nell'anticipo della settima giornata di campionato, la Juventus batte in rimonta 3-1 il Napoli grazie ai gol di Mandzukic (doppietta) e Bonucci. Gol degli Azzurri firmato da Mertens. La formazione di Ancelotti in 10 uomini dal '58 per l'espulsione di Mario Rui (doppia ammonizione) JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Can (61' Bentancur), Pjanic, Matuidi; Dybala (64' Bernardeschi), Mandzukic (84' Cuadrado), Ronaldo. All. Allegri. NAPOLI (4-4-2): Ospina; Hysaj, Koulibaly, Albiol, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik (69' Ruiz), Zielinski (61' Malcuit); Insigne, Mertens (61' Milik). All. Ancelotti. MARCATORI: 10' Mertens (N), 26' e 49' Mandzukic (J), 76' Bonucci (J) ARBITRO: Banti di Livorno Il big match della settima giornata del campionato di Serie A se lo aggiudica la Juventus grazie ai gol

Napoli-Real Madrid 1-3. Sergio Ramos stende gli azzurri

Mertens porta in vantaggio il Napoli e alimenta le speranza del Napoli. Nella ripresa doppietta di Sergio Ramos, con due gol di testa entrambi da calcio piazzato. Gol di Morata nel finale. Ai quarti va il Real Madrid NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (dall'11' s.t. Rog), Diawara, Hamsik (dal 30' s.t. Zielinski); Callejon, Mertens, Insigne (dal 25' s.t. Milik). All. Sarri. REAL MADRID (4-3-3): Navas; Carvajal, Pepe, Ramos, Marcelo; Modric (dal 35' s.t. Isco), Casemiro, Kroos; Bale (dal 22' s.t. Vazquez), Benzema (32' s.t. Morata), Ronaldo. All. Zidane. MARCATORI: Mertens (N) al 24' p.t.; Ramos (R) al 6' e al 12', Morata (R) al 46' s.t. ARBITRO: Cakir (Turchia). Napoli, 7 marzo – Al San Paolo, nella partita di ritorno degli ottavi

Champions, al San Paolo c’è Napoli-Real Madrid. Azzurri costretti a un’impresa quasi impossibile

Squadre in campo alle ore 20.45 per il ritorno degli ottavi di Champions. Sarri sembra intenzionato a riproporre una formazione simile a quella vista con la Roma in campionato, con Rog a centrocampo e Mertens confermato punta centrale. I blancos rispetto all'andata ritrovano Bale Napoli, 7 marzo – Un'impresa quasi impossibile. Questo aspetta il Napoli, che stasera sarà impegnato con il Real Madrid per il ritorno degli ottavi di Champions. Gli azzurri per passare il turno devono fare due gol senza subirne. Difficile, difficilissimo o quasi impossibile vista la forza degli avversari. Ma in passato il Real Madrid è stato eliminato pur avendo vinto con due gol di scarto all'andata e questo può far ben sperare i tifosi azzurri. Per riuscire

Ottavi di Champions: è il giorno di Real Madrid-Napoli. Un match destinato ad entrare nella storia azzurra

Sarri carica la squadra: “Serve faccia tosta, non accetto una gara timorosa”. Il tecnico del Napoli manderà in campo la formazione tipo, magari con qualche ritocco per aumentare fisicità e interdizione. Nel Real Madrid sarà regolarmente in campo Ronaldo, nonostante abbia saltato un allenamento. Bale invece partirà dalla panchina Napoli, 15 febbraio – Finalmente ci siamo: è il giorno di Real Madrid-Napoli. Sale sempre di più la febbre per il match, con le due formazioni che questa sera alle 20.45 calcheranno il prato dello Stadio Bernabeu di Madrid. Per il Napoli è una partita destinata a entrare nella storia del Club, qualunque sia il risultato. L'ultimo e unico incontro ufficiale tra le due squadre risale a 30 anni fa. Per Maradona

Higuain-Cristiano Ronaldo: 94 milioni di euro in comune

L’incredibile coincidenza che accomuna di due fuoriclasse: a distanza di 7 anni un club potrebbe sborsare la stessa cifra Correva l’anno 2009, Cristiano Ronaldo aveva appena perso la finale di Champions League con la maglia del Manchester United contro il Barça di Messi, in quel di Roma. Un mese dopo il Real Madrid sborsava 94 milioni di euro per portarlo in Spagna, dando inizio a sette anni in cui il portoghese avrebbe segnato 364 gol in 348 partite. Sette anni dopo, la stessa cifra, quei 94 milioni di euro: è Higuain a valerli, è la clausola rescissoria stabilita nel contratto col Napoli ed è la Juventus il club pronto a sborsarli. Servirà l’addio quasi certamente di Pogba, il sì dell’argentino c’è

Cristiano Ronaldo vince il terzo Pallone d’Oro dopo i trionfi del 2008 e quello dello scorso anno. Loew, miglior allenatore 2014

Pallore d'Oro femminile alla Kessler. Ronaldo, battendo l'attacante del Barcellona Messi e il portiere del Bayer Monaco Neur, eguaglia il record di Van Basten, Platini e Cruijff Si è svolta ieri sera a Zurigo, la cerimonia ufficiale di consegna del Pallone d'Oro 2014. Cristiano Ronaldo si aggiudica per la terza volta il premio. Niente da fare per Leo Messi e Manuel Neur. CR7 (com'è soprannomianto), la spunta con 37,66% dei voti, rispetto ai 15,76% della Pulce e ai 15,72% del portierone tedesco. Ronaldo, attraverso questo riconoscimento, eguaglia tre monumenti del calcio come: Marco van Basten, Michel Platini e Johan Cruijff. E non è finita. Il calciatore del Real Madrid, dovrà darsi da fare per raggiungere Messi che è a quota quattro titoli.