Scampia, inizia la demolizione della vela Verde. De Magistris: “Scampia batte Gomorra 3-0”

A sorpresa su Twitter le congratulazioni della sindaca di Roma Virginia Raggi: “Napoli non è Gomorra. Roma è al vostro fianco. Le istituzioni unite vincono sempre, contro la criminalità a testa alta” “Scampia batte Gomorra tre a zero”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris commenta l'inizio dei lavori di demolizione della vela Verde a Scampia, nell'ambito di un'opera di riqualificazione del territorio attesa da anni. “Per anni questa zona è stata equiparata a Gomorra e invece non è così – ha aggiunto il sindaco –, c'è stata lotta e dignità dei cittadini di Scampia e questa è una bella pagina di collaborazione tra Governo e Amministrazione comunale”. “Quello di oggi non è un traguardo, c'è ancora da lottare insieme

Colpo di scena per i navigator della Campania, salta l’accordo per l’assunzione raggiunto tra Anpal e Regione Campania

Secondo l'Anpal “all’impegno sottoscritto e diffuso a mezzo stampa sui media non corrisponde la volontà fattuale di far partire le attività”. Ma il vicepresidente della Regione, Fulvio Bonavitacola, non ci sta e accusa: “Diversivi per non assumersi responsabilità” Napoli, 8 novembre – Prosegue lo scontro tra Anpal Servizi e la Regione Campania per l'assunzione di 471 navigator, le figure tecniche vincitrici di concorso che dovranno aiutare i beneficiari del reddito di cittadinanza a trovare un lavoro. Da mesi i navigator sono impossibilitati a entrare in servizio per le resistenze del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. La vicenda sembrava essersi conclusa con la firma da parte di De Luca stesso dell'accordo tra Anpal servizi e Regione (vai all'articolo), oggi invece

Bomba all’ingresso della pizzeria Sorbillo, de Magistris: “Aspettiamo le forze dell’ordine promesse da Salvini”

Il ministro dell'Interno: “Per Napoli ci sono soldi per assumere 100 poliziotti in più”. Il presidente della Regione Vincenzo De Luca: “Mantenere la guardia alta contro i criminali” Napoli, 16 gennaio – “Siamo ancora in attesa delle forze di polizia che per ben due volte il ministro dell'Interno, venuto a Napoli, aveva promesso”. A dichiararlo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in merito all'esplosione di una bomba carta davanti all'ingresso della pizzeria di Gino Sorbillo, in via dei Tribunali nel centro storico della città. “Io personalmente non ho ancora visto le forze di polizia che il ministro aveva promesso – ha aggiunto il sindaco –, se non quando qualche autorevole esponente del Governo fa visita in città”. Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini,

Incontro De Luca-De Laurentiis. La Regione stanzierà altri 20 milioni per il San Paolo

Nel corso dell’incontro è stato concordato lo stanziamento di ulteriori 20 milioni di euro, utili alla ristrutturazione dell’impianto di Fuorigrotta Napoli, 17 maggio – Nel corso di un incontro a Palazzo Santa Lucia tra il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e il presidente della SSC Napoli, Aurelio De Laurentiis, è stata affrontata la tematica relativa alla ristrutturazione dello stadio San Paolo, nell’ambito del programma previsto per l’impiantistica delle Universiadi 2019. Oltre ai 5 milioni già destinati dalla Regione, si è concordato di destinarne ulteriori 20 per realizzare la più completa ristrutturazione dell’impianto di Fuorigrotta. “Nel corso dell’incontro – informa una nota della Regione – è stata affrontata la complessità della tempistica di un programma di lavori che non preveda

Emergenza baby gang a Napoli, de Magistris: “Servono certezza della pena e più forze dell’ordine”

Il primo cittadino, Luigi de Magistris, ha commentato l'emergenza baby gang a Napoli dopo gli ultimi episodi di violenza delle scorse ore Napoli, 15 gennaio – “Da ex magistrato e da sindaco oggi c'è bisogno, e sono contento che il ministro dell’Interno abbia deciso di venire nella nostra città, che la risposta più importante e immediata venga data da chi ha il dovere di prevenire i reati e individuarne i responsabili. Controllo del territorio, forze di polizia, più risorse umane materiali ed economiche, considerare quella che viene definita la cosiddetta criminalità comune o criminalità minorile una priorità nelle investigazioni e azioni giudiziarie”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando l'emergenza baby gang in città, dopo gli ultimi

Anm, de Magistris ai sindacati: “Tempi strettissimi per salvare il trasporto e l’occupazione”

Il primo cittadino ha convocato i sindacati per discutere della grave crisi dell’Anm, la municipalizzata del trasporto pubblico locale del Comune di Napoli Napoli, 17 novembre – “Durante l’incontro tenuto con i sette sindacati rappresentativi del trasporto in Anm è stata comunicata la volontà del sindaco di Napoli di avere un contatto diretto con i sindacati per affrontare la grave crisi che sta attraversando Anm, la più grande azienda del trasporto pubblico locale del Mezzogiorno”. È quanto si legge in una nota del Comune di Napoli. “L'iniziativa del primo cittadino – continua – parte dalla consapevolezza dei tempi strettissimi a disposizione per salvare il trasporto e l'occupazione e della necessità di confermare l'impegno di tutte le parti nella ricerca delle soluzioni. Infatti,

Anm, c’è l’ipotesi di accordo con i sindacati per il salvataggio dell’azienda

L’accordo è stato sottoscritto al termine di una lunga riunione durata fino a tarda notte. Tra le misure previste dal piano c’è il potenziamento dell’offerta di trasporto pubblico, con il prolungamento dell’orario di apertura della metropolitana linea 1 e delle funicolari Centrale e di Chiaia Napoli, 20 ottobre - È stato sottoscritto con riserva, al termine di una lunga riunione durata fino a tarda notte, l’accordo tra Comune di Napoli e sindacati per il piano di salvataggio dell'Anm, l’azienda del trasporto pubblico locale. Nei  prossimi giorni i sindacati indirranno delle assemblee tra i lavoratori, per poi eventualmente arrivare allo scioglimento della riserva. Se questo non dovesse avvenire, l’azienda potrebbe essere messa in liquidazione. Alla riunione hanno partecipato il capo di gabinetto Attilio Auricchio,

Roma-Napoli, de Magistris: “Finisca l’odio tra tifoserie”

Il sindaco: “Quando uno stadio non ospita dei tifosi è una sconfitta” “Roma-Napoli è una partita importante, attraversata dal ricordo di fatti che hanno particolarmente sconvolto la nostra città: penso alla morte del caro Ciro Esposito. Però mi auguro da tifoso del Napoli, da sindaco e da italiano, che possa finire quest’odio, quest’astio e questa insicurezza individuale e collettiva che accompagna troppo spesso le partite di calcio nel nostro Paese”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine dell'assemblea Anci in corso a Vicenza, parlando della partita di campionato tra Roma e Napoli, in programma domani sera allo stadio Olimpico. “Le partite devono essere un momento di gioia, di tifo. Quando uno stadio non ospita dei tifosi è una

Maradona diventa cittadino onorario di Napoli e afferma: “Nessuno mi ha amato come i napoletani”

Il conferimento della cittadinanza onoraria a Maradona nell'anniversario del suo arrivo a Napoli, 33 anni fa. Dopo la cerimonia a Palazzo San Giacomo, il Pibe de Oro si è recato alla festa in suo onore, dal titolo “Effetto Maradona”, che è in corso a piazza Plebiscito Napoli, 5 luglio – “Sono stato cittadino napoletano da quando sono arrivato qui a Napoli. Ringrazio il sindaco Luigi per aver organizzato tutto questo e voglio ringraziare tutta Napoli. Quando sono nel mondo vedo sempre le scritte in mio onore: 'chi ama non dimentica'. Non c'è nessun popolo che mi abbia voluto bene come i napoletani”. Lo ha detto Diego Armando Maradona, ricevendo stasera a Palazzo San Giacomo, sede del Comune, la cittadinanza onoraria di

Elezioni Comunali di Napoli, numerose segnalazioni di brogli. All’istituto Palizzi arriva la polizia

A segnalare la presunta compravendita di voti a piazzetta Salazar è stata una residente Napoli, 5 giugno – Non è ancora terminata la giornata di consultazione elettorale per le elezioni amministrative e a Napoli già fioccano le accuse di brogli trasversali. Mentre il Pd Napoli fa sapere di aver denunciato l'uso di un facsimile spacciato per scheda elettorale (vai all'articolo) per dimostrare un presunto broglio, in diverse zone della città si stanno verificando anomalie. All'istituto Palizzi per esempio, dove su segnalazione di una residente che si era recata al seggio per votare, è dovuta intervenire la polizia. Secondo quanto denunciato dalla residente, alcune persone avvicinavano gli elettori promettendo 20 euro in cambio di ogni singolo voto. Sul fatto indagano le forze dell'ordine. Non

Dopo le sparatorie, rinvenuta bomba a mano in un parcheggio

Dopo i raid di ieri, stamane, in un parcheggio nel quartiere Pianura è stata trovata una bomba a mano Napoli, 7 settembre - Continuano gli episodi di violenza a Napoli. E la guerra di camorra in corso va avanti tra uccisioni e avvertimenti. Pare non esserci quartiere al riparo dalla sete di potere dei baby-boss, giovanissimi che tentano di scalare la vetta della gerarchia criminale. Dopo i fatti di sangue accaduti l’altro ieri alla Sanità e a Ponticelli, nella giornata di ieri diversi giovani hanno seminato il terrore a Pianura e Soccavo (vai all'articolo). Stamane e il fatto potrebbe essere collegato ai raid di ieri, i carabinieri hanno rinvenuto una bomba a mano in un parcheggio del quartiere Pianura. Sul posto sono intervenuti

Due agguati di camorra in poche ore. Notte di sangue a Napoli

Il primo agguato è avvenuto nel quartiere Ponticelli ai danni di Antonio Simonetti, poi deceduto. L’altro a piazza Sanità, ai danni di un minorenne trovato a terra in fin di vita e arrivato cadavere in ospedale. Inoltre, sempre nel quartiere Ponticelli, la polizia è alle prese con un incidente dalle dinamiche ancora tutte da chiarire Napoli, 6 settembre - È stata una notte di sangue a Napoli, a causa di due agguati di camorra avvenuti la scorsa notte e a poche ore di distanza. Il primo agguato, che ha poi portato alla morte di Antonio Simonetti è avvenuto alle 20.30 nel quartiere Ponticelli. Il 30enne con alle spalle diversi precedenti penali era appena uscito dal negozio della sorella. In due, a

Presi gli assassini di Anatolij. Tentò di sventare una rapina al supermercato

Secondo quanto si è appreso, si tratta di Marco Di Lorenzo e Gianluca Ianuale, fratellastri e figli del boss Ianuale Sono stati fermati i responsabili dell'omicidio di Anatolij Korov, 38enne di origini ucraine, che sabato scorso perse la vita a Castello di Cisterna per aver tentato di sventare una rapina mentre era a fare la spesa in compagnia della figlioletta di quasi due anni (vai all'articolo). I killer, sono stati fermati questa notte dai Carabinieri di Castello di Cisterna mentre erano in Calabria. Secondo quanto si è appreso, si tratta di Marco Di Lorenzo e Gianluca Ianuale, fratellastri e figli del boss Ianuale. L'avvocato dei fermati ha spiegato che i suoi assistiti hanno confessato tutto, fornendo anche gli elementi per recuperare la

Spara alla moglie e poi si suicida, tragedia familiare a San Giorgio a Cremano

L'episodio è avvenuto in un'abitazione di via Gramsci. La donna, gravemente ferita, è stata trasportata d'urgenza all'ospedale Loreto Mare di Napoli e lotta tra la vita e la morte San Giorgio a Cremano, 4 settembre - Ennesimo episodio di omicidio-suicidio ed ennesima tragedia familiare. Questa mattina, a San Giorgio a Cremano, un uomo ha sparato alla moglie ferendola gravemente. Poi si è suicidato con la stessa arma. L'uomo, 54enne e guardia giurata, prima di togliersi la vita con un colpo di pistola alla testa, ne avrebbe sparati almeno tre contro la moglie. A far scattare l'allarme è stata la donna, che nonostante le gravi ferite, urlando ha attirato le attenzioni dei vicini, che hanno allertato il 118. Sul posto, oltre ai carabinieri, sono