“Andiamo fuori a dieta”, l’app per mangiare sano senza rinunciare al buon gusto

Da un’idea del dottor Francesco Ateniese, ecco una app rivoluzionaria che consente di rispettare il proprio regime alimentare senza dover rinunciare ai sapori e alla compagnia Nell’era delle app, eccone una che sposa appieno quest’idea: “Andiamo fuori a dieta”. Nata da un’idea del dottor Francesco Ateniese, nutrizionista e dietologo, si tratta della prima app totalmente gratuita (e senza registrazione) per Ios e Android che ha come obiettivo quello di portare al ristorante giusto chiunque volesse rispettare il proprio regime alimentare senza rinunciare al buon gusto dei migliori sapori. “Andiamo fuori a Dieta” è la scelta ideale per atleti, donne in gravidanza o in stato di allattamento, vegetariani, vegani, obesi o in sovrappeso, soggetti allergici o celiaci, normopeso per mantenimento. Per tutti, la app seleziona

“12 menù per la vita”, malati oncologici a scuola di cucina

Venerdì 19 ottobre al Petronio di Pozzuoli la presentazione del progetto in collaborazione con il Policlinico dell’Università Federico II di Napoli Pozzuoli - Venerdì 19 ottobre - alle ore 17,30 - nell’Auditorium dell’Ipseoa Petronio di Pozzuoli in via Matilde Serao, 13 a Monterusciello, si terrà la presentazione del progetto “12 menù per la vita”. Un’iniziativa nata con una collaborazione tra l’istituto presieduto dal professor Filippo Monaco e il Policlinico dell’Università Federico II di Napoli. I malati oncologici impareranno a cucinare menù adatti alla loro condizione secondo le indicazioni dei medici e degli esperti. Interverranno: Filippo Monaco (dirigente scolastico), Vincenzo Figliolia (sindaco di Pozzuoli), Luisa Franzese (direttore generale Ufficio Scolastico Regionale) e Vincenzo Viggiani (direttore generale del policlinico della Federico II). Le relazioni saranno tenute dai docenti universitari Salvatore Panico (“il progetto Curare con stile”), Amalia Mattiello (“Lo stile alimentare

Natale: Federcoopesca, incubo bilancia per 7 italiani su 10 che temono l’effetto ‘yo-yo’

Pesce 3 volte a settimana per evitare chili di troppo Gli stravizi alimentari delle festività natalizie possono far lievitare l’ago della bilancia tra 0,5 e 6 chilogrammi, per un aumento medio di 3,3 chili. Un rischio più concreto se si è già in sovrappeso. Per questo 7 italiani su 10 temono tra Natale e l’Epifania l’effetto ‘yo-yo’, ovvero i continui cambi tra perdita e riacquisto del peso corporeo. Per superare la prova della bilancia il 7 gennaio ed evitare la fatica lunga anche 5 mesi per smaltire gli eccessi, molti scelgono, nei giorni che precedono o seguono brindisi e banchetti, una dieta di compensazione ‘fai da te’ ipocalorica (65% donne- 35% uomini) o di saltare qualche pasto (70% uomini - 30%

Una dieta 100% biologica per purificare l’organismo dagli inquinanti

Due settimane di dieta con alimenti senza pesticidi bastano per ridurre e in alcuni casi azzerare il contenuto di inquinanti rilevabili nel proprio corpo Con una dieta 100% biologica, a zero pesticidi, è possibile ridurre o addirittura azzerare il contenuto di inquinanti presenti nel proprio corpo. A tale conclusione si è giunti a seguito di un esperimento nell'ambito della campagna #ipesticididentrodinoi promossa da FederBio. Una famiglia italiana composta da una coppia di genitori e due figli di 7 e 9 anni ha accettato di sperimentare questa dieta per 2 settimane. I componenti della famiglia si sono sottoposti a delle analisi delle urine prima di iniziare la dieta e 15 giorni dopo averla iniziata. I livelli di contaminazione nelle prime analisi sono risultati molto

Stress da rientro: Federcoopesca, 3 italiani su 4 lo combattono con nuovi hobby, progetti viaggi e dieta ittica

Per ricaricarsi e favorire un buon sonno sono ottimi i pesci più grassi  p Roma, 1 settembre - Progettare la prossima vacanza, coltivare nuovi hobby, coccolarsi facendosi consegnare pranzi o cene a domicilio, meglio se a base di prodotti ittici. E poi una dieta equilibrata, ma senza troppe rinunce, per prolungare i benefici dell’estate e arrivare in forma al cambio di stagione. Per tre italiani su quattro lo stress da rientro si combatte così, come emerge da una indagine Federcoopesca- Confcooperative. Secondo l’associazione il 75% degli italiani come dieta da rientro sceglie frutta, verdura in abbondanza e le proteine del pesce. Chi ha accumulato qualche chilo di troppo punta sui pesci più light, con un contenuto di grassi inferiore all’1%, come nasello, orata, razza, gamberi

Festival della Dieta mediterranea, un weekend tra letteratura e gastronomia, musica e stelle cadenti

Il Museo nomina quattro nuovi ambasciatori della Dieta mediterranea Sarà un appuntamento letterario ad aprire il terzo weekend di eventi della II edizione del Festival della Dieta mediterranea. Venerdì 11 agosto alle 22,00, presso il Palazzo Vinciprova di Pioppi, il noto giornalista enogastronomico Luciano Pignataro presenterà il suo libro “La cucina napoletana” (Editore Hoepli). Un viaggio attraverso la storia dei sapori tradizionali partenopei, dalla pizza alla pasta, dalla mozzarella ai dolci. Interverranno gli antropologi Marina Niola ed Elisabetta Moro. Durante la presentazione si terrà lo showcooking di Pietro Parisi, chef dei ristoranti “Cento” (Acciaroli), “Era Ora” (Palma Campania) e “Le cose buone di Nannina” (San Gennaro Vesuviano), che racconterà la sua “cucina contadina” attraverso alcuni dei suoi piatti più rappresentativi. Per l’occasione il

Pancia gonfia? Impariamo a limitare i cibi che fermentano, ecco quali evitare

Con l'aiuto degli esperti, il gonfiore e i dolori addominali si ridurranno in un mese Pancia piatta per l'estate? Una dieta sottoposta a verifica scientifica ha indicato quali sono i cibi che aiutano a diminuire il gonfiore addominale e quali, invece, a causa della troppa fermentazione lo fanno aumentare. Anche durante i periodi non estivi, la pancia gonfia continua ad essere un problema per il 20% degli italiani: circa 12 milioni di persone. Le cause più frequenti sono un disturbo funzionale, come una minore motilità a livello intestinale, tanto che per il 12% della popolazione italiana che lamenta gonfiore, a questo  si accompagna il dolore (intestino irritabile). "Per oltre due anni abbiamo sottoposto a una dieta personalizzata quasi un centinaio di persone,

Arrivano i frigoriferi intelligenti contro lo spreco di alimenti e per raggiungere il peso forma

I nuovi frigoriferi smart dovrebbero aiutare a diminuire lo spreco di cibo ed aiutare a seguire una dieta corretta Nuove tecnologie per elettrodomestici "smart", in particolare per i frigoriferi che potranno aiutare a non sprecare gli alimenti. Una ricerca dell'Università del Queensland, Australia, ha dimostrato che molto spesso la gente non sa cosa contiene il proprio frigo o dove si trova il cibo conservato, il che determina un enorme spreco. Secondo quanto riportato dal New York Times, circa un terzo di tutti gli alimenti prodotti nel mondo vengono gettati nella pattumiera determinando problemi ambientali ed economici. Il prezzo da pagare per questi rifiuti arriva a circa 400 miliardi di dollari l'anno. La proposta di un team di ricercatori australiani è un sistema

Bulimia, quando la sfida si vince. La forza di una giovane donna che si racconta, Marzia

Lettera alla Redazione. "Ero arrivata al punto di pensare che fosse giusto, dopo aver mangiato, andare in bagno e vomitare" Il peso è una questione delicata nella nostra società e io mi sono sempre sentita osservata ma soprattutto giudicata per questo. Purtroppo la scelta di dimagrire è una cosa che riguarda la persona che deve farlo e basta, senza nessun intermediario che gli dica continuamente quanto pesa e quanto deve dimagrire. In più una persona che tende a mangiare in eccesso (e non per fame) è la stessa che nel sentirsi richiamare di continuo non vorrà smettere di ingerire cose a caso. Personalmente per tanto tempo ho ricevuto questo tipo di "critiche", ma il fatto è che quando ti viene detto di continuo

In forma con la dieta mediterranea ricca di omega 3

Gli omega 3 appartengono alla categoria degli acidi grassi polinsaturi (acidi grassi che presentano più di un doppio legame all'interno della molecola) e vengono comunemente definiti essenziali, in quanto l’organismo non è in grado di sintetizzarli e devono necessariamente essere assunti con la dieta. Questi sono indispensabili per il mantenimento dell’equilibrio omeostatico e determinano molteplici effetti terapeutici, andando ad influenzare un gran numero di funzioni fisiologiche. Si trovano in molti tipi di pesce, nei crostacei, nelle mandorle, nei kiwi, nelle noci ed anche in alcuni oli di tipo vegetale come quello di semi di lino e di nocciole. Gli omega 3 proteggono il sistema cardiovascolare, non permettendo ai grassi cattivi, quali trigliceridi e colesterolo, di accumularsi sulle pareti arteriose. Facilitano il corretto

Cosa fareste voi per dimagrire? In Cina impazza la moda del verme in pillole

Mangereste un verme per dimagrire? Indossare quell’abitino così carino comprato nel negozio più fashion della città o quella minigonna sexy da far morire di invidia tutte le amiche mostrando la propria silhouette perfetta nelle serate estive tra un drink e una chiacchiera sorridendo maliziose ai complimenti dell’altro sesso, è uno dei desideri nascosti delle donne, che per quanto neghino, farebbero di tutto per avere il fisico da modella. Mangerebbero anche i vermi. Non è solo un modo di dire, ma è una realtà, una moda che nasce ad oriente, nella vivace Cina industrializzata che velocemente si è messa al passo con l’occidente e che non è da meno sulle trovate strane e originali in fatto di diete. Sul più noto sito di e-commerce cinese,

Tutti in forma per la prova costume. Perdere peso in tempi rapidi. Attenti alla pubblicità.

Il web veicola sempre più pubblicità di prodotti che promettono forti perdite di peso in tempi rapidissimi. Quanto detto è in netto contrasto con quanto promulgato dalle leggi italiane. Il regolamento CE 1924/2006 vieta etichette con riferimenti alla percentuale di perdita di peso. Sul web, invece, le etichette che promettono cali cospicui di peso in tempo breve e determinato sono molteplici. Chiunque vende pillole o prodotti similari rivolti al dimagrimento dovrebbe consultare il sito ufficiale del Ministero della Salute dove sono esplicate le linee guida per i prodotti e gli integratori alimentari coadiuvanti nei cali di peso e nelle diete. I claims pubblicitari consentiti per gli integratori alimentari sono "riduzione dello stimolo della fame",  "maggior senso di sazietà" e non sono consentiti