Appuntamento al Festival del Cinema dei Diritti Umani

Terzo giorno di Festival del Cinema Dei Diritti Umani, XI Edizione Napoli, 22 novembre - Terzo giorno di Festival del Cinema Dei Diritti Umani, XI Edizione. Alle ore 9:30 al Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università Federico II (via Porta di Massa – Aula 28) giornata dedicata al sostegno dell’ambiente. Saranno presenti le associazioni Fridays for Future e Teachers for Future di Napoli; il professor Antonio Cavaliere, docente di Diritto Penale Univ. Federico II, il missionario comboniano Padre Alex Zanotelli, l’ingegnere Giovanni de Paoli dell’ENEA e il Direttore del Dipartimento di Architettura della Federico II Michelangelo Russo. Interverrà anche Tiziana Volta, coordinatrice italiana della II Marcia Mondiale per la Pace. Alle ore 19:00 in Spazio Comunale Piazza Forcella (via della Vicaria Vecchia, 23), importante focus

Maltrattamenti donna, Italia condannata dalla Corte di Strasburgo

Sotto accusa comportamento polizia municipale di Benevento Strasburgo, 12 ottobre - Le autorità italiane sono state condannate dalla Corte europea dei diritti umani per i maltrattamenti che una donna, Tiziana Pennino, afferma di aver subito da parte di alcuni agenti della polizia municipale di Benevento il 2 aprile 2013. Nella sentenza i togati di Strasburgo affermano che il governo "non ha fornito spiegazioni soddisfacenti e convincenti per le lesioni riportate dalla donna" mentre era alla stazione della polizia municipale e che le autorità "non hanno dedicato l'attenzione necessaria alle accuse che la donna ha rivolto agli agenti della polizia municipale". La Corte di Strasburgo ha stabilito che lo Stato dovrà versare alla donna 12mila euro per danni morali e 8mila per le spese

#VentiRighe – La vera tortura è la legge proposta

Il parlamento approva la legge sulla tortura, inapplicabile A conclusione di oltre trent’anni di trasgressione alla Carta della Corte europea per i diritti dell’uomo e di vane sollecitazioni della UE, il parlamento approva la legge sulla tortura. Vergogna alle spalle? Solo in parte. L’edulcorazione operata tra Camera e Senato, lo dicono autorevolmente i magistrati del processo ai responsabili delle torture nella scuola Diaz, rende inapplicabile la legge. Magistratura democratica: “E’ un brutto passo falso”. Inascoltati l’appello ai parlamentari e l’invito a non votare il testo uscito dal Senato, perché confuso, inapplicabile  e controproducente. Ilaria Cucchi, sorella del giovane morto per le torture subite: “Non capisco perché la Repubblica italiana, che fu patria del diritto, oggi ha così paura di una vera legge sulla tortura”.

Festival dei Cinema Diritti Umani di Napoli, voce alle donne nel mondo

Protagoniste di questa edizione attiviste e registe provenienti da tutto il mondo che daranno la loro testimonianza sulla condizione della donna in paesi come l’India ed il Brasile, dove ancora vi è una profonda ed inquietante arretratezza Anche quest’anno Napoli, con il sostegno del Festival del Cinema dei Diritti Umani (9-14 novembre 2015), Napoli diventa protagonista del racconto delle donne; di quello che le donne fanno per tutelare la crescita educativa, per recuperare gli spazi abbandonati di questa città o del ruolo delle donne nei conflitti nel mondo, non se ne parla mai abbastanza. Per questo il Festival ha dedicato, negli ultimi anni, una sezione al “punto di vista delle donne”, per dare voce a quella energia poderosa che tutti conoscono

Il festival del cinema dei Diritti umani approda a Fututo Remoto

Futuro Remoto, la grande festa della Scienza, uscirà quest'anno dalla sua sede tradizionale di città della Scienza a Bagnoli per entrare nel cuore della città, a Piazza Plebiscito. La manifestazione di quest’anno, dedicata al tema delle “Frontiere” si terrà infatti da venerdì 16 a lunedì 19 ottobre 2015 nel cuore della città di Napoli All’appuntamento non poteva mancare il Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli che annuncerà il programma della sua 8° edizione, venerdì 16 ottobre alle ore 20.30 nell’arena di Piazza Plebiscito. La presentazione sarà introdotta dalla proiezione del film “Nulla è accaduto” di Luca Insigna che ricorderà a tutti la frontiera europea più difficile da attraversare, quella di Lampedusa. Di Lampedusa parleranno anche le letture tratte dall’opera di

Rawan, sposa bambina morta a otto anni per lesioni interne dopo la prima notte di nozze

Hardh, 10 settembre - Nella Zona tribale dello Yemen, Rawan, una sposa-bambina di otto anni è morta dissanguata per le ferite interne riportate dopo la sua prima notte di nozze. La notizia, battuta in Italia dall'AGI, arriva dal Daily Mail il quotidiano britannico. La piccola era stata venduta al marito, un uomo di quarant'anni, denunciato dagli attivisti per i diritti umani. Le autorità locali smentiscono la notizia. La tragica vicenda di Rawan è stata diffusa dal giornalista yemenita, Mohammad Radman, che conferma il fatto affermando di avere testimoni. Secondo Radman, si sta tentando di insabbiare tale orrore dato che la famiglia, contattata da Mosleh Al Azzani, direttore del Dipartimento di indagini criminali della zona tribale di Hardh, luogo dove è avvenuto il

Carceri e diritti umani negati. La situazione è al collasso, il ministro Severino non ha soluzioni. Monti, no all’amnistia, sì alla riorganizzazione della giustizia.

Che le carceri italiane siano al collasso è noto ormai da decenni e non sono bastati gli indulti a migliorare la situazione. Le ultime amnistie sono state concesse col D.P.R. 18 dicembre 1981, n. 744 e col D.P.R. 16 dicembre 1986, n. 865, poi ci sono stati solo indulti con quello del D.P.R. 22 dicembre 1990, n. 394 ; Legge n. 207, 3 agosto 2003 cosiddetto indultino; l’ultimo con la Legge n. 241, 31 luglio 2006 . Ricordiamo che, l'amnistia estingue il reato, come se non fosse stato commesso, mentre l'indulto estingue solo la pena pertanto non comporta una sentenza di assoluzione. I 7 detenuti del carcere di Busto Arsizio e di Piacenza sono dovuti giungere fino alla Corte europea dei diritti