Coronavirus: +80% farina, boom pane e pasta fatti in casa

A finire nel carrello della spesa degli italiani sono stati anche ingredienti tipici della pasticceria casalinga Con un +80% degli acquisti di farina è boom di pane, pasta e dolci fatti in casa per le famiglie italiane ma anche i tanti Vip costretti a rimanere tra le mura domestiche a causa dei limiti alla mobilità. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti su come sono cambiate le abitudini di spesa e consumo al tempo del Coronavirus. A finire nel carrello della spesa degli italiani – sottolinea la Coldiretti – sono stati anche gli altri ingredienti tipici della pasticceria casalinga come lo zucchero che fa segnare un aumento del 28% degli acquisti ed il latte Uht con cresce del 20%, nelle prime due

“Oro Rosso”: da evento si trasforma in progetto per l’inserimento lavorativo dei giovani

La kermesse si svolgerà dal 14 al 16 luglio a Sant’Antonio Abate Piccoli eventi crescono, e diventano grandi progetti. E’ il caso di Oro Rosso, la kermesse avente come protagonista esclusivo il pomodoro, che si svolgerà sì dal 14 al 16 luglio presso il centro pastorale Rosa Nova di Sant’Antonio Abate (ubicato in via Paolo Borsellino), ma non terminerà certamente il terzo giorno con i rituali saluti degli organizzatori: l’evento, infatti, rappresenta l’inaugurazione di un progetto imprenditoriale, “Oro Rosso” per l’appunto, finalizzato non solo al perfezionamento architettonico della vecchia fabbrica ove il Centro è ubicato e al potenziamento delle attività educative che ivi sono svolte dal 2012, ma anche all’avvio di nuove iniziative che trasformeranno il Centro in un luogo per l’inserimento lavorativo dei giovani.  Da qualche tempo Don Salvatore

Concorso: quando il cinema sposa la dolcezza, gara di torte in sala per vincere i film preferiti

Il concorso di Arci Movie insieme all’associazione maestri pasticcieri napoletani Cosa c’è di meglio che gustare una buona torta guardando un buon film? Dal babà alla caprese, dalla mimosa alla multistrato torna, per il nono anno consecutivo, Il cinema dolce, concorso ideato da Arci Movie che unisce l’arte pasticcera al buon cinema. La “serata dolce” si svolgerà, mercoledì 18 maggio, al cinema Pierrot (via A.C. De Meis, 58). La partecipazione al concorso è aperta a tutti ed è gratuita. L’iscrizione potrà effettuarsi presso il cinema teatro Pierrot (Via A. C. de Meis 58 – tel. 081/5967802) o presso la sede dell’Arci Movie (Via A.C. de Meis 221 – tel. 081/5967493). Le torte dovranno essere portate al cinema Pierrot il giorno 18 maggio

Pasqua, Coldiretti traccia la mappa della tradizione dolciaria del Bel Paese: dal Veneto alla Sicilia un tripudio di sapori

Una maggioranza del 51% degli italiani non rinuncia al tradizionale uovo di cioccolato ma resistono i dolci della tradizione locale tipici della Pasqua La Coldiretti ha tracciato la mappa delle specialità pasquali lungo lo stivale, dalla scarcedda lucana alla pastiera napoletana, dal dolce salame dell’Emilia alla cassata siciliana, dalla torta pasqualina ligure alla ciaramicola dell’Umbria. Se tra i più piccoli ad essere preferite sono le uova di cioccolato, per le persone adulte la Pasqua è - sottolinea la Coldiretti - una ghiotta occasione per riscoprire sapori del passato conservati nelle specialità regionali preparate sulla base di ricette della tradizione e che nascondono spesso piccoli segreti familiari che le rendono inimitabili dai grandi marchi industriali. Si tratta - precisa la Coldiretti - di

I Roccocò, immancabili dolci natalizi della tradizione partenopea

La ricorrenza dell’Immacolata Concezione, l’otto dicembre, da il via ufficialmente alle festività natalizie Per questo giorno di festa, nel quale in quasi tutti i salotti si vedranno fare capolino presepi, lucine colorate e addobbi di ogni tipo per decorare gli alberi di Natale, abbiamo pensato di trasferire questa aria di festa anche sulle vostre tavole. Protagonista indiscusso di questa festività è il Roccocò. La sua preparazione più antica risale al 1320 per mano delle monache del Real Convento della Maddalena, il nome roccocò deriva dal termine francese rocaille per via della forma barocca e tondeggiante simile a una conchiglia arrotondata. Insieme a raffiuoli, mustaccioli e susamielli, sono i dolci simbolo della tradizione partenopea a Natale. Ingredienti per 5 persone: 500g di farina 500g di zucchero ½ bicchiere di acqua fredda 250g di mandorle 12 chiodi di

Dorayaki, i dolcetti di Doraemon

Un tipico dolce giapponese composto da due pancake Chi non conosce il super gatto blu venuto dal futuro per aiutare il povero imbranato Nobita? Beh allora conoscerete la sua merenda preferita! I Dorayaki, dolci ripieni tipici giapponesi, composti da due pancake farciti, generalmente, con una salsa dolce ricavata dai fagioli azuki, ma che si può sostituire con tante altre varianti, come la crema di nocciole oppure la marmellata di frutta. Preparare i Dorayaki è facilissimo ed è anche un modo per fare qualcosa insieme ai vostri bambini, creando un dolcetto "famoso" come quello visto in tv. La ricetta dei dorayaki che vi proponiamo oggi è tratta dal canale Youtube Il Goloso Mangiar Sano. Dorayaki - Ingredienti : 30 gr zucchero di canna chiaro 100 gr di farina 1 cucchiaio di miele 2 uova 2-3 cucchiai

La zeppola di San Giuseppe: il dolce campano che delizia il palato sin dall’antichità

Dolce dalle origini antichissime, risalente al 500 a.C. circa, quando si celebravano a Roma le "Liberalia" Napoli - Marzo è il mese delle "zeppole di San Giuseppe". Il succulento dolce campano la fa da padrone sulle tavole domenicali e nelle invitanti vetrine delle pasticcerie in particolare il 19 marzo, giorno in cui, per l'appunto, si festeggia San Giuseppe. Sono passati pochi giorni dalla ricorrenza, ma gustare questa delizia tipica, sia nella versione fritta che in quella al forno, è sempre stato un piacere per il palato fin dall'antichità. Infatti, quello che è uno dei dolci più apprezzati della pasticceria partenopea, ha origini antichissime, che risalgono addirittura al 500 a.C. circa, quando si celebravano a Roma le "Liberalia", ossia le feste delle divinità dispensatrici del vino

Dimmi cosa cerchi su Google e ti dirò chi sei

Ed anche quest’anno sta per terminare e con esso tutte le tendenze che ci hanno accompagnati in questi dodici mesi. Si tirano le somme, si fanno bilanci e si stilano classifiche. Ma come si misurano gli interessi della società in cui viviamo? Dalle parole, anzi dai trend, che cerchiamo ogni giorno sul motore di ricerca più famoso al mondo: Google. Vediamo un po’ cosa hanno cercato quest’anno gli italiani sul web. Alle parole legate alla ricerca “voglia di” in pole position troviamo l’inarrestabile voglia di calcio degli uomini. È infatti questa la parola più ricercata, siamo forse un popolo sportivo? Oppure semplicemente il calcio è diventato per molti una vera e propria ossessione, andando ben oltre la considerazione che dopo tutto

“NapoliTime, passione golosa”. Il dolce di Paola dedicato a NT.

“NapoliTime, passione golosa” Ingredienti 4 uova intere, 200 grammi burro, 50 grammi maizena, 250 grammi circa farina 00, 150 grammi zucchero, 1 bustina lievito vanigliato, limoncello, 200 grammi di fragole, 200 grammi panna montata. Imburrate e infarinate una teglia rotonda per torta del diametro di 24 cm. Montate le uova con lo zucchero sino a che diventano spumose e bianche, aggiungere poi a filo il burro che avrete sciolto a bagnomaria, a questo punto unire un pizzico di sale un bicchierino di limoncello, il lievito e le due farine che avrete setacciato insieme. Deve risultare un composto piuttosto compatto, al limite aggiungete farina se troppo liquido o un po’ di limoncello o latte se troppo densa (dipende molto dalla farina e dalle uova), ponete nella teglia e fate cuocere in forno