Dazn, Falco (Corecom Campania): numerose proteste degli utenti, intervenga l’Agcom

"E' necessario verificare anche se sono state adottate pratiche commerciali scorrette con pubblicità ingannevole" Napoli - “Ho chiesto l’intervento dell’Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni per fare luce sulla qualità e sulle modalità del servizio offerto da 'Dazn', la piattaforma digitale di proprietà della 'Perform Group', per la trasmissione esclusivamente in streaming del 30% delle partite dei campionati di calcio di serie A e B”. Lo ha dichiarato Domenico Falco, presidente del Corecom Campania. "Sono numerose le proteste dei cittadini della Campania in merito ai disservizi arrecati all’utenza che, è bene ricordare, è stata costretta a sottoscrivere un secondo abbonamento per poter seguire il campionato di calcio italiano. Anche Federconsumatori Campania, presieduta da Rosario Stornaiuolo, ha chiesto l'intervento del Corecom dopo aver ricevute le

Corecom Campania, comprensione e analisi per combattere il cyberbullismo

Domani alle ore 10 all’Istituto Comprensivo Statale “72° Palasciano di Pianura la seconda tappa del progetto di prevenzione @scuolasenzabullipredisposto organizzato dal Comitato Regionale per le Comunicazioni Napoli, 18 maggio – “Bambini e adolescenti trascorrono ogni giorno molto tempo online per questo motivo gli episodi di cyberbullismo sono cresciuti esponenzialmente, come rileva da alcuni anni anche il Centro Nazionale di Ascolto di Telefono Azzurro. Il progetto @scuolasenzabulli si rivolge alla prima generazione di ragazzi per i quali i personal devices non sono considerati un mero strumento di comunicazione, ma una vera e propria estensione di sé”. Lo ha detto Domenico Falco, presidente del Comitato Regionale per le Comunicazioni della Campania presentando il forum“@scuolasenzabulli, prevenzione per combattere il cyberbullismo che si terrà domani, venerdì 18 maggio 2018 alle ore

Cyberbullismo, da Corecom Campania appello prevenzione per combattere fenomeno

Il 13 aprile a Sant’Angelo dei Lombardi la prima tappa di "@scuolasenzabulli" Napoli – “I crescenti episodi di cyberbullismo, per numero e gravità, che vedono per attori e vittime adolescenti e preadolescenti si impongono come emergenza educativa per la scuola. I ragazzi che oggi frequentano le scuole sono i cosiddetti “nativi digitali”, la prima generazione completamente cresciuta in una connessione profonda al web e che ha sviluppato le proprie occasioni e modalità di relazione e ha strutturato il proprio linguaggio attraverso i social networks. Occorre rivolgersi alla prima generazione di ragazzi per i quali i personal devices non sono considerati un mero strumento di comunicazione, ma una vera e propria estensione di sé”. Lo ha detto Domenico Falco, presidente del Comitato Regionale