“Libere di essere donne”, al Vomero mostra collettiva e momenti di danza, poesia e musica

Appuntamento venerdì 29 novembre presso la V Municipalità, in Via Morghen Si terrà alle ore 16,30 di venerdì 29 novembre l’evento ‘Libere di essere donne’, fortemente voluto e promosso dall’Associazione Primavera Arte. L’incontro, che proporrà una mostra collettiva e momenti di danza, poesia e musica, sarà celebrato presso la V Municipalità, in Via Morghen al Vomero, Napoli. Ilva Primavera, cantante e organizzatrice di eventi, da sempre è molto sensibile al tema della violenza sulle donne e propone imperdibili manifestazioni di arte varia che si trasformano in veri e propri confronti ricchi di emozioni. Ricollegandosi all’iniziativa promossa dal Comune di Napoli ‘Liberedi’, la kermesse ricorderà il 25 novembre, la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che sarà il tema principale delle opere in

“Bosco in Rosa, Corri tra i capolavori”: gara podistica riservata alle sole donne

Sabato 19 ottobre ore 16 Bosco di Capodimonte a Napoli 500 donne di corsa nei viali del Parco: 5 km al femminile per il Santobono Sarà Rosalia Porcaro la starter d’eccezione della seconda edizione del "Bosco in Rosa - Corri tra i capolavori", manifestazione podistica a iscrizione gratuita riservata alle sole donne in programma domani, sabato 19 ottobre alle ore 16 tra i viali del Bosco di Capodimonte lungo un percorso di 5 km tra le bellezze settecentesche del parco napoletano voluto da Carlo III di Borbone. Cinquecento le protagoniste di questa cavalcata, runners napoletane che prenderanno parte a un appuntamento che in soli due anni è diventato tra i più attesi del calendario podistico partenopeo. Un connubio al quale ha

Violenza in Circumvesuviana, liberato un altro indagato

La scorsa settimana è stato scarcerato un altro 19enne dal Tribunale del Riesame Napoli - Il Tribunale del Riesame di Napoli ha disposto la scarcerazione di un altro dei presunti aggressori della 24enne di Portici che sarebbe stata violentata nel vano dell'ascensore della stazione Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano. Si tratta di Antonio Cozzolino, 19 anni, difeso dall'avvocato Antonio De Santis. Venerdì scorso un'altra sezione del Riesame aveva scarcerato il 18enne Alessandro Sbrescia, difeso dall'avvocato Edoardo Izzo. Secondo una recente visita, erano emersi segni di violenza sulla donna.

Sciopero dell’8 marzo indetto di sindacati di base

“Contro la violenza maschile sulle donne e i femminicidi; contro ogni discriminazione di genere e contro le molestie nei luoghi di lavoro" Sciopero dell'8 marzo “contro la violenza maschile sulle donne e i femminicidi; contro ogni discriminazione di genere e contro le molestie nei luoghi di lavoro; contro la precarietà e la privatizzazione del welfare; contro l'obiezione di coscienza nei servizi sanitari pubblici e a difesa della Legge 194, per il potenziamento della reta nazionale dei consultori; contro il disegno di legge Pillon su separazione ed affido". Queste le motivazioni dei sindacati di base Usi (Unione Sindacale Italiana), Cobas (Confederazione dei Comitati di Base), Usb (Unione Sindacale di Base). A queste sigle si aggiunge nella sola Regione Lazio anche la Cgil

“L’amore non ha lividi”, la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Dalla manifestazione di Roma "Non una in meno" a "Scampia Run for Woman" In occasione della giornata nazionale contro la violenza sulle donne, ieri, migliaia di persone hanno sfilato per il centro di Roma per la terza edizione della manifestazione 'Non una di meno'. "Siamo 150mila", gridavano dal carro dell'organizzazione: a sfilare, in maggior parte donne giovani e di mezza età. Un corteo colorato di fucsia, tra palloncini e fazzoletti, arrabbiato negli slogan contro la violenza degli uomini sulle donne, che ha chiamato ad una 'agitazione permanente' contro quello che viene definito "l'attacco in corso alla legge 194" che disciplina l'aborto e contro il ddl Pillon, in discussione in Parlamento sulla riforma del diritto di famiglia in caso di separazioni. E poi

Napoli, sorpresa a prostituirsi a 15 anni

La giovane si era allontanata da struttura accoglienza siciliana Napoli, 10 novembre - Agli agenti della polizia locale ha detto che aveva 20 anni. Ma dai successivi accertamenti è emerso che ne aveva appena 15. Una ragazza straniera è stata sorpresa a prostituirsi nella zona orientale di Napoli. Gli agenti hanno accertato che la ragazza si era allontanata dalla struttura di accoglienza della provincia di Palermo dove aveva trovato accoglienza. La ragazza sarebbe giunta in Italia nel mese di ottobre dello scorso anno. Ora è stata affidata dai Servizi Sociali ad una struttura protetta. Sono in corso le indagini per risalire ai responsabili che hanno inserito la ragazza nel mondo della prostituzione e all'individuazione di eventuali sfruttatori. Quando sono arrivati i vigili

trAmando, mostra pittorica e live-performance d’arte di Rita Esposito

La mostra è a cura di Daniele Galdiero, si terrà a Napoli, nello spazio “Salvatore Serio galleria d’arte”. Vernissage e live-performance 27 settembre 2018, ore 18.00 “La necessità di rendere palpabile uno spazio sacro di appartenenza che custodisca e tramandi un Sapere antico che non può e non deve andare perduto”. Questo il punto di partenza del nuovo progetto artistico di Rita Esposito, che continua a dedicare la sua attività artistica alla conoscenza dell’Epifania del Femminile. Il progetto, ospitato dalla storica galleria Serio di Napoli dal 27 settembre al 6 ottobre, prevede l’esposizione di tre tele dipinte ad olio ed una performance dell’artista nel corso dell’evento inaugurale. Le opere pittoriche narrano in maniera sintetica il percorso di ricerca. Due dipinti, olio su tela di grandi dimensioni (150x200), appartenenti

La notte dei bordelli: “Meretrices, tra le pieghe dell’ipocrisia”

Spettacolo scritto e diretto da Febo Quercia con Marianita Carfora, Annalisa Direttore, Peppe Romano, Katia Tannoia, al piano, il maestro Biagio Terracciano, costumi Antonietta Rendina Sabato 22 settembre alle ore 19, NarteA rievoca l’ultima notte dei bordelli. A 60 anni da quel 20 settembre 1958, quando le case di tolleranza vennero chiuse, presso il Club55 di via Toledo — l’antica strada dei bordelli — torna in una speciale edizione dedicata alla notte dell'addio, lo spettacolo itinerante “Meretrices - Tra le pieghe dell'ipocrisia”, scritto e diretto da Febo Quercia, con Marianita Carfora, Annalisa Direttore, Katia Tannoia, Peppe Romano, e il maestro Biagio Terracciano al pianoforte. La partenza del primo turno è prevista alle ore 19 (per un massimo di 30 persone). Prenotazione obbligatoria ai numeri 339

Donne e Lavoro, Laura Boldrini a Napoli: “Questo è il governo del cambiamento talebano”

“La composizione dell'esecutivo, con 63 membri di cui solo 11 donne, ci riporta indietro di 30 anni: siamo vicini alle percentuali di Kabul più che a quelle di Madrid”, spiega l'ex presidente della Camera Laura Boldrini “Con questo governo del cambiamento talebano c'è da temere il peggio. La composizione dell'esecutivo, con 63 membri di cui solo 11 donne, ci riporta indietro di 30 anni: siamo vicini alle percentuali di Kabul più che a quelle di Madrid. Nel decreto dignità non c'è una riga sul sostegno all'occupazione femminile, che è un'emergenza nel nostro Paese. È inquietante: in un Paese evoluto, il cambiamento passa per una maggiore presenza delle donne nell'esecutivo. Da noi succede esattamente il contrario”. A dirlo la deputata di Leu

Pedofilia in rete, ricattate 26 ragazze

21enne ricattava le sue vittime dopo aver ricevuto filmati e foto hard Napoli, 13 settembre - Si faceva mandare foto intime di minorenni con le quali aveva avviato una relazione via chat. Poi le ricattava: avrebbe diffuso quanto in suo possesso se non gli avessero consegnato altre immagini o filmati. In qualche caso con la minaccia di inviare filmati riconducibili al terrorismo islamico per suscitare timore nelle minorenni. Un 21enne, residente a Prignano sulla Secchia (Modena) è stato arrestato dai Carabinieri di Ischia in collaborazione con quelli di Sassuolo. Decisiva la denuncia del padre di una vittima. Sono 26 i casi di pedofilia in rete accertati dai Carabinieri nell'indagine. L'uomo è indagato per i reati di produzione di materiale pedopornografico e divulgazione di

Laura Boldrini a Napoli per discutere di donne e lavoro

L’incontro si terrà venerdì 14 settembre presso la sede di Gesco. Si parlerà della proposta di legge “Obiettivo 62%” sull’adeguamento ai livelli occupazionali europei Napoli - L'onorevole Laura Boldrini è attesa a Napoli, presso la sede del gruppo di imprese sociali Gesco (via Vicinale S. Maria del Pianto 61, complesso Inail, Torre 1, 9° piano), venerdì 14 settembre 2018 dalle 11 alle 13, per discutere di donne e lavoro. Napoli è la terza città, dopo Venezia e Torino, scelta dalla ex Presidente della Camera per il tour nazionale “Forza ragazze, al lavoro”, finalizzato al confronto con le realtà territoriali sulla proposta di legge “Obiettivo 62%” che vuole adeguare i livelli occupazionali delle donne in Italia agli standard europei. La legge sarà dedicata alla memoria di Valeria Solesin, la

“In rete contro la violenza”, presentazione di esperienze virtuose a favore delle donne

Confcooperative Federsolidarietà Campania, presentazione di esperienze virtuose a favore delle donne, 11 settembre, ore 09.30 presso la Sala Vasari - Complesso Monumentale Chiesa di S. Anna dei Lombardi, Piazza Monteoliveto, Napoli Napoli - Si terrà domani, 11 settembre 2018, in Napoli, presso la Sala Vasari della Chiesa di S. Anna dei Lombardi, in Piazza Monteoliveto, “In rete contro la violenza”, la presentazione di esperienze virtuose a favore delle donne. L’evento, a cura di Confcooperative Federsolidarietà Campania, in sinergia con la Regione Campania e Fondazione Con il Sud, fa il punto sui progetti di rete che - finanziati da Fondazione Con Il Sud a seguito del bando Donne – mettono in campo azioni contro la violenza di genere. I progetti che verranno presentati e che coinvolgono cooperative

Turista inglese violentata due volte nella stessa sera a Napoli

Violentata prima da due ragazzi e poi da un presunto soccoritore Napoli, 24 luglio - Violentata due volte la stessa sera, prima da due ragazzi a bordo dell'auto di uno dei due e poi da un terzo ragazzo che ha raccolto la giovane dopo i primi abusi, offrendosi di accompagnarla: vittima una turista inglese di 18 anni, che ha denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine. La vicenda sarebbe avvenuta a marzo, ma è emersa solo oggi nel tribunale di Napoli dove si è svolto l'incidente probatorio con la partecipazione della giovane britannica. I presunti violentatori della giovane hanno infatti confermato di avere avuto rapporti con la turista ma senza alcun tipo di violenza o coercizione. Sulla vicenda è in corso un'indagine della Procura di

Camorra, condannate le donne del clan Zagaria

Pene da 3 a 6 anni. Rito abbreviato dopo arresti del 13 dicembre Sono state tutte condannate in primo grado, al termine del giudizio abbreviato tenutosi a Napoli, le quattro donne del clan Zagaria, arrestate il 13 dicembre scorso dalla Dia nell'ambito di un'indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. Beatrice Zagaria, sorella del capoclan Michele Zagaria (difesa da Giuseppe Stellato e Nando Letizia), accusata di associazione camorristica, perché ritenuta organica al clan fondato dal fratello, è stata condannata a sei anni di carcere, mentre le cognate Patrizia Martino, Francesca Linetti e Tiziana Piccolo, rispettivamente mogli dei fratelli Antonio, Pasquale e Carmine, accusate di ricettazione per aver percepito lo "stipendio" mensile dal clan, sono state condannate a tre anni di reclusione;