Crisi di Governo ed elezioni, de Magistris: “Pronti a scendere in campo”

Il sindaco in un post su Facebook parla della crisi di governo e annuncia che in caso di elezioni è “pronto a portare l'alternativa”. Parla al plurale il primo cittadino, ma non ha mai detto che si candiderà, considerando che il suo mandato da sindaco termina nel 2021 e che nel 2020 ci saranno le elezioni regionali in Campania “Nel pieno di un agosto di fuoco il Governo è scoppiato. Sembra imminente la consumazione definitiva di un’esperienza politica e di governo complessivamente dannosa per la tenuta democratica del nostro Paese. Se il Presidente della Repubblica, garante degli equilibri costituzionali, dovesse ad un certo punto maturare, invece, la scelta dello scioglimento della Camera e del Senato, ritengo sia venuto il  nostro momento

De Magistris rilancia il movimento Dema: “Pronti a partecipare a tutte le elezioni”

Il sindaco di Napoli ha annunciato che il suo movimento politico, Dema, sarà presente alle elezioni Regionali in Campania del 2021, ma anche alle Politiche qualora si torni al voto anticipatamente “Questo è un progetto per la giustizia, per i diritti, per essere al fianco dei più deboli. Lanciamo un’alternativa al Governo più a destra della storia repubblicana e alla finta opposizione targata Renzi-Berlusconi. Non iniziamo una passeggiata, questo è un viaggio complicato, è un’opposizione sociale”. A dirlo il sindaco di Napoli e presidente del movimento Dema, Luigi de Magistris, a margine dei lavori dell’Assemblea che aprirà la fase congressuale e che oggi definirà la struttura del movimento. “Da questo momento – ha annunciato de Magistris – Dema parteciperà a tutte le

Fico brinda al successo dei Cinquestelle a Bagnoli

Sul rischio dissesto del comune di Napoli: "la questione poteva essere trattata diversamente" Napoli - "Adesso ognuno deve fare la sua parte, l'aspettativa è grande, ognuno ha una propria responsabilità e tutti noi sappiamo che questo è un lavoro collettivo". Roberto Fico, decide di festeggiare a Bagnoli, il exploit elettorale suo e del Movimento 5 Stelle a Napoli e in Campania. Con gli elettori si è dato appuntamento davanti a una enoteca del quartiere dove si è brindato e scandito slogan. "Dopo 13 anni faticosi oggi ci dedichiamo un momento di umanità senza parlare di politica nazionale, sappiamo che ci sono aspettative ed è ora di metterci a lavorare tutti. Ed ognuno deve fare la sua parte", ha detto Fico parlando del

Elezioni, de Magistris: “Governo con Salvini iattura per il Sud. Di Maio non cerchi alleanze con Lega”

La dichiarazione del sindaco di Napoli: “Di sicuro non mi meraviglierei di uno scenario simile" Napoli - “Un governo con Salvini sarebbe una iattura per il Mezzogiorno d’Italia: mi auguro che Di Maio, che è evidente voglia fare il premier, non cerchi alleanze con la Lega. Non riesco a immaginare come gli elettori meridionali dei Cinque Stelle, che hanno lanciato un segnale al paese che reputo positivo, possano interpretare un’alleanza con chi saltellava evocando disprezzo nei confronti di un popolo intero”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris commenta gli scenari post-voto in un’intervista rilasciata a Mattina 9, in onda sull’emittente Canale 9 - 7 Gold. “Di sicuro non mi meraviglierei di uno scenario simile - ha continuato il Sindaco -

Tutti gli eletti in Campania: Senato

Elezioni politiche 2018 Tutti gli eletti in Campania al Senato collegio per collegio: Napoli - San Carlo all’Arena Franco Ortolani (M5S) con il 53,16% dei voti; Napoli - Fuorigrotta, Paola Nugnes (M5S) con il 49,04%; Giugliano, Maria Castellone (M5S) con il 53,42% dei voti; Casoria, Raffaele Mautone (M5S) con il 58,51% dei voti; Caserta, Vilma Veronese (M5S)  con il 53% dei voti; Benevento, Danila De Lucia (M5S) con il 44,53% dei voti, Avellino, Ugo Grassi (M5S) con il 43,70% dei voti, Battipaglia - Cilento, eletto Francesco Castiello (M5S) con il 38% dei voti; Salerno, Andrea Cioffi (M5S) con il 42,53% dei voti; Torre del Greco, Virginia La Mura (M5S) con il 49,51% dei voti; Portici, Francesco Urraro (M5S) con il 43,66% dei voti. Plurinominale a Senato, entrano in quota Forza Italia Campania 1  Sandra Lonardo Claudio Lotito Campania 2  Domenico De Siano Luigi Casciello Campania 3  Luigi Cesaro Per il Pd al Senato Campania 1  Valeria

Tutti gli eletti in Campania: Camera dei Deputati

Elezioni politiche 2018 Tutti gli eletti in Campania alla Camera dei Deputati CAMPANIA 1 Circoscrizione 1 Giugliano: Salvatore Micillo (M5S) con il 57,92% dei voti; Acerra-Pomigliano: Luigi Di Maio (M5S) con il 63,41% dei voti; Casoria: Vincenzo Spadafora  (M5S) con il 59,40% dei voti; Pozzuoli: Andrea Caso  (M5S) con il 50.05% dei voti. Circoscrizione 2 Napoli-Fuorigrotta, Roberto Fico  (M5S) con il 57,57% dei voti; Napoli-San Carlo all’Arena, Doriana Sarli  (M5S) con il 48,01% dei voti; Napoli-San Lorenzo: Raffaele Bruno  (M5S) con il 43% dei voti; Napoli-Ponticelli: Rina De Lorenzo  (M5S) con il 62,09% dei voti. Circoscrizione 3 Portici, Gianfranco Di Sarno  (M5S) con il 55,96% dei voti; Nola, Silvana Nappi  (M5S) con il 47,99% dei voti; Torre del Greco, Luigi Gallo  (M5S) con il 54,37% dei voti; Castellammare di Stabia, Catello Vitiello  (M5S) con il 46,58% dei voti. CAMPANIA 2 Circoscrizione

Il M5s sfonda il muro del 30%, la Lega supera Forza Italia, il Pd crolla anche a Salerno

Piero De Luca, figlio primogenito del presidente della Regione Campania è solo terzo a Salerno. Il centrodestra è la coalizione che vince le elezioni con il 37% dei consensi e con un sorprendente 18% della Lega di Salvini. Ma la maggioranza non c'è Il Movimento 5 stelle sfonda la quota psicologia del 30% ed è il primo partito. Il centrodestra unito raggiunge e supera il 37% e si afferma come prima coalizione. Il Partito Democratico crolla al 18%. Altro dato importante è che la Lega cresce e supera Forza Italia con un lusinghiero 17,65% contro il 13.98%. I dati sono ancora provvisori ma si è in fase conclusiva del conteggio ci fotografano un M5s come vero trionfatore al Sud. Il Centro Destra al Nord

Elezioni politiche 2018. Exit poll a urne chiuse: M5s primo partito

Chiusi i seggi alle ore 23, comincia la fase dello spoglio. I primi exit poll parlano di un tracollo del Partito Democratico Le previsioni danno il Movimento 5 Stelle tra il 29 e il 32%, dietro il Partito Democratico tra il 20 e il 23%. Forza Italia tra il 12,5 e il 15,5% Lega tra il 12,5 e il 15,5% Fratelli d'Italia tra il 3,5 e il 5,5% Liberi e Uguali tra il 3 e il 5% +Europa tra il 2 e il 4% Noi con l'Italia - Udc tra l'1 e il 3% Civica Popolare Lorenzin 0 - 2% Italia Europa Insieme 0 - 2% Svp 0 - 1% Altre 2,5 - 4,5% Alle 23 il dato nazionale riporta un'affluenza al voto pari al 75,46% Regione CAMPANIA Comuni % ore 12 % ore 19 % ore 23 Prec. CAMPANIA 143 su 550 16,95 52,59 70,97 70,82 AVELLINO 46 su

Il voto in Campania: alle 19 ha votato poco più del 52%

Alle 19 i dati del Viminale mostrano un'affluenza in Campania del 52,59% che si attesta di poco sotto la media nazionale pari al 58,56%. A Napoli ha votato il 50,31% degli aventi diritto mentre il valore più alto si è registrato ad Avellino con il 56,12% - Dati definitivi Regione CAMPANIA   Comuni % ore 12 % ore 19 % ore 23 Prec. CAMPANIA 550 su 550 16,96 52,59 - - AVELLINO 118 su 118 16,60 56,12 - - BENEVENTO 78 su 78 19,02 58,59 - - CASERTA 104 su 104 16,37 53,57 - - NAPOLI 92 su 92 16,63 50,31 - - SALERNO 158 su 158 17,95 55,12 - -

Lunghe file ai seggi per il tagliando antifrode. Due elettori denunciati per aver fotografato il voto

Una scrutatrice a Casoria ha iniziato a inveire contro i presenti e poi ha strappato l'elenco degli aventi diritto al voto Napoli, 4 marzo - Lunghe file ai seggi a Napoli. Le operazioni di voto sono rallentate dal controllo del tagliando antifrode che deve essere staccato dal presidente di seggio e il cui numero riportato controllato che sia corrispondente a quello registrato all'atto della consegna della scheda all'elettore. Due elettori che sono stati denunciati dopo aver fotografato le schede sulle quali avevano apposto il loro voto. Il primo fatto è successo a Qualiano (Napoli). Nel seggio è stato sentito il rumore del clic della fotocamera digitale. Il presidente della sezione ha chiesto l'intervento dei Carabinieri: un uomo aveva fotografato le sue schede

L’Italia al voto, oltre 46milioni alle urne. Alle 12 ha votato il 19.38% degli aventi diritto

Si vota solo oggi fino alle 23 Roma, 4 febbraio - Seggi aperti regolarmente alle ore 7. Si vota solo oggi fino alle 23 per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Sempre oggi, nelle Regioni Lombardia e Lazio si voterà per il rinnovo dei Consiglio regionali e l'elezione del presidente della Regione. Lo spoglio avrà inizio subito dopo a partire dallo scrutinio delle schede del Senato successivamente le schede della Camera. Mentre lunedì 5 marzo saranno scrutinate le schede per il rinnovo dei consigli regionali. Oltre 46milioni i cittadini chiamati alle urne, ed esattamente, per la Camera sono 46.604.925, di cui 22.430.202 maschi e 24.174.723 femmine mentre per il Senato (diritto di voto dai 25 anni) sono 42.871.428, di cui

Elezioni politiche 2018, Viminale: come si vota

Domenica 4 marzo, dalle ore 7 alle ore 23, si svolgeranno le operazioni di voto per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati Domenica 4 marzo, dalle ore 7 alle ore 23, si svolgeranno le operazioni di voto per il rinnovo del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Nelle medesime date si svolgeranno anche le elezioni del Presidente e del Consiglio regionale di Lombardia e Lazio. Lo scrutinio avrà inizio al termine delle operazioni di voto e di riscontro dei votanti, cominciando dallo spoglio delle schede per l’elezione del Senato. Successivamente, dalle ore 14 di lunedì 5 marzo, nelle regioni interessate, si svolgeranno gli scrutini per le elezioni regionali. I risultati saranno consultabili nei siti www.interno.gov.it e http://elezioni.interno.it. COME SI VOTA - La

Renzi a Napoli: “Si riparte dalla disarmante bellezza di questa città”

Il segretario del Partito Democratico ha fatto tappa nel capoluogo partenopeo Napoli, 17 febbraio – “Si riparte dalla disarmante bellezza di Napoli”. Lo ha scritto Matteo Renzi, segretario del Pd, in un post su Facebook dopo il suo arrivo nel capoluogo partenopeo. Renzi è arrivato in città ieri sera e stamane si è recato all'Unione industriali di Napoli per un incontro con gli imprenditori. “Su Bagnoli il percorso di riqualificazione va avanti – ha detto durante l'incontro –. Capisco la preoccupazione ma i soldi ora ci sono, quelli di prima erano finti, erano soldi del Monopoli”. “I lavori – ha aggiunto – vanno avanti, ma non è la cosa più facile del mondo, d'altra parte è la bonifica più importante d'Europa. Ma

Elezioni politiche 2018, Vittorio Sgarbi candidato per Forza Italia contro Luigi Di Maio (M5s)

Vittorio Sgarbi, critico d'arte, è stato scelto da Berlusconi per sfidare il candidato premier dei Cinque Stelle nel collegio di Pomigliano d'Arco. Renzi alla ricerca di un nome di alto profilo per il Pd. Probabile sia la ricercatrice Annalisa Allocca Napoli, 23 gennaio – Vittorio Sgarbi sarà candidato per il centrodestra a Pomigliano d'Arco alle Elezioni politiche 2018: è lui il nome scelto da Silvio Berlusconi per la sfida a Luigi Di Maio, candidato premier dei Cinque Stelle. “Sì, mi candido contro Di Maio. Sarà uno scontro frontale e ne vedremo delle belle”, ha detto Sgarbi confermando la candidatura. Domenica la firma ufficiale del patto tra Forza Italia e Sgarbi, che ha rinunciato a presentare alle politiche del 4 marzo il movimento