Premio Internazionale Nitti: a Emma Bonino e Domenico Fisichella i premi speciali per l’impegno nelle istituzioni

Un Premio ideato lo scorso anno dall’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Sabato alle 17.30 ad Acquafredda di Maratea la premiazione “Una vita spesa in una costante battaglia in difesa delle libertà individuali e collettive che ha segnato con una chiara vocazione europeista la storia dell’Italia repubblicana attraverso memorabili battaglie referendarie tese a difendere antichi diritti e promuoverne di nuovi, lottando con rigore e passione per l’emancipazione femminile sia sociale sia politica, come per tutti gli svantaggiati e gli esclusi”. Con queste motivazioni Emma Bonino, già Ministro degli Esteri e Commissario Europeo per gli aiuti umanitari, è tra i vincitori più prestigiosi della seconda edizione del “Premio Internazionale Francesco Saverio Nitti per il Mediterraneo”. Un Premio ideato lo scorso anno dall’Università

Quirinale: anche la terza votazione si conclude con un nulla di fatto. Renzi: “Auspico ampia convergenza su Mattarella”

Per l'elezione del Presidente della Repubblica non è stato raggiunto il quorum di 673 voti. Il quarto scrutinio, inizierà a partire dalle 09.30 di domani Neanche la terza votazione, è quella giusta per l'elezione del Presidente della Repubblica. I numeri sono pressochè uguali a quelli della seconda (vai all'articolo). Al termine del terzo scrutinio si sono avute 513 schede bianche (PD e FI), 26 nulle e 70 voti dispersi. Il più votato è ancora Ferdinando Imposimato con 126 voti (M5S). Feltri 56 (Lega Nord e Fratelli d'Italia-AN), Castellina 33 (Sel), Bonino 23 (Psi), Rodotà 22 (ex M5S). La sensazione è che sabato mattina, i numeri per Sergio Mattarella ci siano. Il Partito Democratico voterà compatto il suo candidato. Matteo Renzi capisce