E’ morto in carcere ‘o animale Pasquale Barra, accusò Tortora

Era detenuto a Ferrara, condannato all'ergastolo per aver ucciso con 40 coltellate Francis Turatello E' stato il luogotenente di Raffaele Cutolo, Pasquale Barra, soprannominato "'o animale" per i suoi efferati omicidi, è morto nel carcere di Ferrara ieri sera intorno alle 20. Aveva ucciso con 40 coltellate Francis Turatello e profanato il cadavere, oltre ad avere all'attivo numerosi altri omicidi. Aveva 72 anni e stava scontando l'ergastolo nella casa circondariale di Ferrara. Nel 1983 decise di collaborare con la giustizia accusando ingiustamente il presentatore televisivo, Enzo Tortora. Accuse che non sostenne in dibattimento e che si rivelarono del tutto infondate. Nel giugno dell' '83, grazie alle dichiarazioni di Barra consentirono il maxi blitz che consentì l'arresto di 850 presunti affiliati della Nuova Camorra Organizzata di Raffaele

Diego Marmo, pm caso Tortora lascia l’incarico di assessore alla Legalità del comune di Pompei

Al suo posto nominato un giovane militare Pompei, 29 agosto - Si è dimesso da assessore del comune di Pompei l'ex pm Diego Marmo, travolto dalle polemiche sul caso Tortora. Al suo posto subentra un giovane militare. "Mi lasciai prendere dal mio temperamento. Ero in buona fede. Ma questo non vuol dire che usai sempre termini appropriati". Così il pm Marmo, che aveva condotto l'arringa contro il conduttore televisivo Enzo Tortora, si era scusato dopo trent'anni, all'indomani del nuovo incarico di assessore alla Legalità e alla Sicurezza, deleghe ricevute dal neo sindaco di Pompei, Nando Uliano lo scorso fine giugno.  La nomina dell''ex procuratore di Torre Annunziata era divenuta subito un caso. Dopo la nomina ad assessore, travolto dalle polemiche aveva dichiarato: "È arrivato il momento - così Marmo