Addio ad Equitalia, il Comune crea Napoli Riscossione

Presentata a Palazzo San Giacomo la nuova azienda che gestirà la riscossione delle entrate comunali Napoli, 27 gennaio – Il Comune di Napoli dice addio ad Equitalia, dando vita alla partecipata Napoli Riscossione. Lo hanno annunciato nella giornata di martedì, durante la conferenza stampa intitolata “Addio ad Equitalia per un fisco più giusto” tenutasi a Palazzo San Giacomo, il sindaco Luigi de Magistris e l'assessore al Bilancio Salvatore Palma. La nuova società sostituirà progressivamente Equitalia, per poi entrare a far parte della Napoli Holding, struttura nella quale l'amministrazione comunale sta raggruppando alcune partecipate. Napoli Riscossione si occuperà del recupero di entrate tributarie ed extra tributarie, come fitti mercatali, rette degli asili nido, canone di occupazione di suolo pubblico. Fra le novità previste

Equitalia: i dipendenti ricevevano mazzette per agevolare i debitori

Intervenivano sui terminali aziendali per modificare i fermi amministrativi disposti per i veicoli sequestrati ai debitori o provvedevano alla cancellazione o alla modifica delle posizioni debitorie Napoli, 5 giugno - Cinque dipendenti di Equitalia Sud SpA e 2 addetti alla vigilanza sono stati accusati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, abuso d’ufficio, rivelazione e uso di segreti d’ufficio, falso e truffa ai danni della loro società. Dalle indagini si è scoperto che gli impiegati ricevevano mazzette per poter aiutare e agevolare i debitori. Secondo i carabinieri gli indagati intervenivano sui fermi amministrativi disposti per i veicoli sequestrati ai debitori o provvedevano alla cancellazione o alla modifica delle posizioni debitorie di titolari di cartelle esattoriali effettuando anche rateizzazioni dei debiti ed eludendo

Decreto Milleproroghe: il Governo pone la fiducia, 353 i sì

Approvato il testo, atteso per oggi il voto finale. Successivamente l'inizio dell'iter a Palazzo Madama. Ecco tutte le novità contenute nel decreto Il primo via libera al Decreto Milleproroghe è arrivato. Il Governo Renzi, ieri ha posto la fiducia e ottenuto 353 sì. 167 i voti contrari e un astenuto. Per il Governo, è la fiducia numero 34 da inizio anno. Oggi ci sarà il voto finale sul provvedimento. Una volta ottenuto il sì della Camera, il decreto passerà al Senato. Tra le ultime novità inserite nel testo, vi è la proroga degli sfratti per 4 mesi. Come sottolinea Maurizio Lupi, “Il giudice, su richiesta, potrà sospendere l'esecuzione di uno sfratto fino al centoventesimo giorno dall'entrata in vigore della legge di conversione,

Equitalia e Confimprese Campania parte il percorso di collaborazione

Consulenza specifica e semplificazione per le imprese del territorio Roma, 10 febbraio - Equitalia apre una corsia più veloce per dialogare con ConfimpreseItalia Campania. La convenzione, firmata oggi, prevede l’attivazione dello sportello telematico, un canale dedicato che consentirà di favorire, migliorare e semplificare i rapporti con le realtà imprenditoriali regionali. I delegati di ConfimpreseItalia presenti presso le sedi provinciali campane, potranno accedere allo sportello telematico dal sito www.gruppoequitalia.it. Nella pagina dedicata a “Associazioni e Ordini” entrando nel Form riservato è possibile ricevere assistenza e fissare un appuntamento per le situazioni più complesse e delicate. "L’intesa sottoscritta per tutte le province campane e che avrà una durata di due anni - dichiara Carlo Mignolli, direttore regionale Campania di Equitalia - si inserisce nel percorso 

Equitalia: è record di rateizzazioni nel mese di luglio, come richiederle

Lombardia al top, seguita da Lazio, Campania e Toscana 18 agosto – La crisi continua a farsi sentire nel corso degli ultimi mesi e i dati forniti da Equitalia lo confermano ampiamente: a luglio si è registrato un vero e proprio record in merito alle richieste di rateizzazione da parte dei contribuenti per il pagamento delle cartelle. Sarebbero infatti pervenute ben 156 mila richieste nel solo mese di luglio, con una media settimanale addirittura raddoppiata rispetto a quella registratasi durante i primi mesi dell’anno. Equitalia rende noto che ad oggi sono attive 2,4 milioni di rateizzazioni per un controvalore di 26,6 miliardi di euro. Nel 2014 più del 50% delle riscossioni è avvenuta mediante il pagamento dilazionato, un dato questo confermato anche durante

Equitalia chiede all’ufficio riscossione di sospendere i pignoramenti a Maradona

Sospesi pignoramenti a terzi da parte del fisco, Maradona segna un gol prezioso Napoli, 31 maggio -  Equitalia chiede all'ufficio riscossione di sospendere i pignoramenti al grande ex calciatore Maradona. Il contenzioso tra l'ex calciatore e il fisco si trascina da oltre un decennio. Maradona ha sempre sostenuto di non essere evasore, ma Equitalia gli ha chiesto finora circa 39 milioni di euro. Ricordiamo che le prime 'frizioni' tra il fisco italiano ed il 'Pibe De Oro' risalgono ai primi anni '90. Poi nel 1999 gli ispettori del fisco contestano ufficialmente a Diego Armando Maradona che tra il 1985 e il 1991, non avrebbe dichiarato tutti i propri redditi. Il conto presentato allora fu di 60 miliardi di vecchie lire tra imposte evase, sanzioni e

Presentato dal Governo il nuovo “pacchetto del Fare”, l’Italia torna a sperare nella ripresa

L’Italia cambia pagina con il Decreto del Fare, annunciato in conferenza stampa dal Primo Ministro, Enrico Letta, nella tarda serata di ieri, al termine del Consiglio dei Ministri che si era riunito nel pomeriggio e che ha necessitato di quasi cinque ore di lavoro per rendere ufficiali i provvedimenti pensati per rilanciare l’economia e ridare ossigeno alle imprese e alle famiglie italiane. A quattro mesi di distanza dalle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio, un Paese caratterizzato da un quadro politico incerto e da una forte sfiducia degli elettori che hanno disertato le urne alle scorse amministrative, l’Italia ora torna a sperare, con l'esigenza comune di  “far presto”. “Sono molti gli interventi che sono compresi del Decreto Legge Fare – oltre

Equitalia si ravvede e grazia un cittadino napoletano

Cartella pazza 25 mln, stop asta su casa (ANSA) - NAPOLI, 7 GIU - Equitalia ha sospeso la vendita all'asta della casa appartenente a un cittadino napoletano destinatario di una cosiddetta ''cartella pazza'' da 25 milioni di euro: lo rendere noto il legale del contribuente, l'avvocato Angelo Pisani. La vicenda, infatti, sara' riesaminata. Per l'avvocato il suo assistito ''e' vittima di un caso di omonimia con un contrabbandiere di sigarette. La nuova normativa e gli strumenti di tutela - conclude - dimostrano che ora l'ente e' piu' attento''. (ANSA).

Equitalia, stop a riscossioni coattive in circa seimila Comuni

Napoli, 18 Maggio - È ufficiale, Equitalia, la società pubblica che per anni si è occupata della riscossione delle imposte e dei tributi, anche per conto dei Comuni, è ad un passo dal dire addio alle sue innumerevoli funzioni e rischia seriamente di lasciare scoperto un ruolo assai importante per molte amministrazioni. Per circa seimila Comuni non si farà cassa sulle multe, sui tributi e sulle imposte mancate, previste per i prossimi trenta giorni. Il decreto sviluppo del 2011, all'indomani delle numerose richieste da parte dei cittadini di limitare il suo ruolo da esattrice, ha stabilito di dare un freno alle pratiche già avviate e di bloccare, laddove possibile, buona parte dell'incasso delle multe già iscritte a ruolo. La notizia è stata colta come una

Sbarazzarsi di Equitalia si può. De Magistris farà a meno della società di servizi più chiacchierata d’Italia.

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, commentando il tentativo di suicidio del 72enne Pietro Paganelli debitore secondo i fratelli di circa 30 mila euro al fisco, ha dichiarato: «Da gennaio 2013 Equitalia non lavorerà più per il Comune di Napoli. Stiamo lavorando alla creazione di una una nuova struttura di riscossione con l'Anci - ha detto De Magistris - che possa gestire l'intera riscossione 'in house' all' interno del Comune. Bisogna migliorare moltissimo rispetto quanto è stato fatto finora». Sbarazzarsi di Equitalia si può. Basta fare ricorso alla legge 166/2011, che stabilisce che i Comuni possono non servirsi della società creata da Agenzia delle entrate e Inps per la riscossione dei tributi. Inoltre la legge prevede che il passaggio della