Protezione civile, prove evacuazione Campi Flegrei 2019

302.253 cittadini da evacuare, l'esercitazione si terrà da domani 17 a sabato 19 ottobre Napoli, 16 ottobre - Undici quartieri, 302.253 cittadini di cui il 50 per cento da evacuare con modalità di mobilità assistita, 17 aree di attesa. Sono i numeri - relativi al Comune di Napoli - indicati nel piano di evacuazione di Protezione civile in caso di eruzione del vulcano dei Campi Flegrei. Piano che verrà messo alla prova nel corso dell'esercitazione Campi Flegrei 2019 che si terrà da domani 17 a sabato 19 ottobre in occasione della settimana nazionale della Protezione civile. Un'iniziativa voluta dal Dipartimento nazionale di Protezione Civile con lo scopo di testare la capacità del sistema di evacuare la popolazione in caso di allarme per

Il Faito in fiamme, evacuate ville e alberghi

L'ordinanza di evacuazione a firma del sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore Castellammare di Stabia (Napoli), 16 agosto - Non si placa l'emergenza incendi del Monte Faito, tra Castellammare di Stabia e Vico Equense (Napoli). Le fiamme, innescate da diversi roghi che si sospetta di origine dolosa, hanno rovinato il Ferragosto ai turisti ed agli operatori turistici locali. Il sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore, costretto a ordinare l' evacuazione di ville e alberghi del versante della montagna che guarda sul suo Comune. ''Ieri notte, quando sembrava che l'emergenza fosse finita - dice il vicesindaco di Castellammare di Stabia, Andrea Di Martino - l'incendio ha ripreso vigore nella zona bassa della montagna, in località Pozzano, dove una famiglia è stata costretta ad abbandonare la propria

Accademia Aeronautica: al via la 3^ edizione dell’esercitazione congiunta di protezione civile con il Comune di Pozzuoli

Il 3 maggio alle ore 08:00 avrà inizio la 3^ edizione dell’esercitazione congiunta di protezione civile “Efesto 2017”,  promossa ed organizzata dal Comune di Pozzuoli e dall’Accademia Aeronautica con la collaborazione del Servizio 118, del Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana e della Protezione Civile della Regione Campania, con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri Pozzuoli, 30 aprile - L’esercitazione simulerà un terremoto localizzato in mare poco a largo della costa del Golfo di Pozzuoli ad una profondità di circa 8 Km. Il sisma provocherà sia crolli di abitazioni civili sia l’inagibilità dell’ospedale di Pozzuoli ed inoltre scatenerà un maremoto che, sebbene con onde alte non più di tre metri, renderà necessaria l’evacuazione degli abitanti delle aree più

Esplosione al centro di Napoli, almeno due i feriti. Evacuati due edifici

All'origine dell'esplosione si ipotizza una fuga di gas, sono in corso verifiche tecniche agli stabili evacuati Napoli 15 febbraio - Un boato al centro di Napoli. L'esplosione si è verificata in via Giambattista Basile e dalle prime notizie ci sarebbero almeno due feriti. L'esplosione è avvenuta in una traversa della centralissima via San Felice e sarebbe stata causata da una fuga di gas. Divelte dall'onda d'urto alcune fioriere e un'auto parcheggiata in zona. Si registrano danni alle strutture e due fabbricati sono stati evacuati. I due feriti sono stati soccorsi e trasportati all'Ospedale Cardarelli dove ora sono ricoverati. Si tratterebbe di un giovane di 24 anni, che ha riportato frattura ad una gamba e lesioni, e una studentessa di nazionalità britannica, di 22 anni, in Italia per

Voragine a Napoli, evacuate 380 persone

Si allarga cedimento dove era già caduto automezzo rifiuti (ANSA) - NAPOLI, 22 FEB - Si è allargata, nella notte, la voragine apertasi alcuni giorni fa in via Campanile, nel quartiere Pianura a Napoli. Lo sprofondamento, forse a causa delle nuove piogge delle ultime ore, ha raggiunto un'ampiezza di una decina di metri, costringendo allo sgombero precauzionale di circa 380 persone residenti in quattro edifici della zona. Nella voragine di via Campanile era finito, quattro giorni fa, un automezzo per la raccolta dei rifiuti, recuperato con l'ausilio di alcune gru.

Battipaglia: ordine di evacuazione per ordigno bellico

Risalente alla II guerra mondiale, sarà disinnescato in giornata Salerno, 23 novembre – A Battipaglia, in località Taverna delle Rose, è stato rinvenuto un ordigno bellico inesploso risalente alla II guerra mondiale. Dalle 6 di questa mattina, è stata immediatamente disposta l’evacuazione di 1600 persone residenti in zona, entro un raggio di azione di 300 metri dall’ordigno. Il 21° Reggimento di Caserta è già al lavoro per le operazioni di disinnesco che secondo le stime, dureranno al massimo dieci ore. FOTO: tratta da ansa.it

Rischio Vesuvio, predisposto l’aggiornamento del piano d’emergenza e della zona rossa

Tra le ultime disposizioni del governo Letta, la pianificazione dell'emergenza per il rischio vulcanico Lo scorso 14 febbraio, sono state firmate dal Presidente del Consiglio Enrico Letta le disposizioni per l’aggiornamento della pianificazione di emergenza per il rischio vulcanico del Vesuvio. Il documento, oltre a stabilire le aree da evacuare nel caso di ripresa dell’attività eruttiva, definisce i gemellaggi tra i 25 Comuni più a rischio (zona rossa) e le Regioni che accoglierebbero nei loro territori la popolazione evacuata. Le aree da sottoporre ad evacuazione cautelativa sono sia quelle ad alta probabilità di invasione di flussi piroclastici (colata lavica e gas ad alte temperature) sia quelle soggette ad alta probabilità di invasione di crolli delle coperture degli edifici per importanti accumuli di materiale piroclastico. Nel frattempo,