Al via il Napoli Horror Festival

Dal 13 al 15 settembre presso l'ex Base Nato La prima edizione del Napoli Horror Festival è ai nastri di partenza. La manifestazione, che avrà luogo dal 13 al 15 settembre dalle ore 16 all’Ex Base Nato di Bagnoli, è organizzato da Cooperativa Mestieri del Palco in collaborazione con la Compagnia CRASC, che da alcuni anni promuove eventi a carattere multidisciplinare. Napoli Horror Festival è un evento dedicato al tema paura e il logo rappresenta una stilizzazione dell’amigdala, la ghiandola del cervello che gestisce e controlla le emozioni ancestrali, tra cui la paura. Come tutte le emozioni ancestrali, anche la paura può generare arte ed il tema della prima edizione del festival è l’arte generata dalla paura. Il programma è molto articolato e prevede

Contest Cosplay Horror per la prima edizione di Napoli Horror Festival

Primo premio un viaggio in Transilvania. Appuntamento dal 13 al 15 settembre all’Ex Base Nato di Bagnoli Continuano le novità per la prima edizione del Napoli Horror Festival, che avrà luogo dal 13 al 15 settembre all’Ex Base Nato di Bagnoli, organizzato da Cooperativa Mestieri del Palco in collaborazione con la Compagnia CRASC. Dopo la Parata Zombie a via Toledo con circa 200 partecipanti, l’organizzazione della manifestazione ha promosso una serie di iniziative per coinvolgere direttamente gli appassionati del genere e premiarli attraverso il concorso letterario e di corti cinematografici. Per il Concorso dedicato ai corti sono arrivate 855 proposte artistiche provenienti da tutto il mondo, tra cui Iran, Giappone, Canada, Turchia, Argentina e Polonia. Le sorprese non finisco qui ed è possibile iscriversi

Bagnoli, distretto dell’audiovisivo. La Regione Campania stanzia 3 milioni per opere cinematografiche

Approvato il "Distretto campano dell'audiovisivo - Polo del Digitale e dell'Animazione creativa" Napoli, 9 luglio - La Giunta regionale ha approvato lo schema di accordo quadro per la realizzazione del "Distretto campano dell'audiovisivo - Polo del Digitale e dell'Animazione creativa" tra la Regione, la Fondazione Film Commission regionale e la Fondazione Banco di Napoli - azienda pubblica di servizi per l'assistenza all'infanzia. Con la creazione del distretto nell'ex base Nato di Bagnoli, sarà realizzato un Cineporto, un Polo produttivo di eccellenza per i settori del digitale e dell'animazione, un Centro studi e documentazione digitale. La Giunta ha inoltre programmato un finanziamento di 3 milioni di euro (Por-Fesr) per la realizzazione di opere cinematografiche, serie televisive e web a sostegno delle produzioni e

“La Primavera di Bagnoli”, festa delle associazioni nell’ex Base Nato dedicata ai giovanissimi

Riaperta l'ex area Nato in occasione della "Primavera di Bagnoli" Si sta svolgendo oggi e continuerà domani domenica 6 di maggio, presso il Parco della Conoscenza e del Tempo Libero (ex area Nato), la “Primavera di Bagnoli”, una grande festa dedicata in particolare ai giovani, ed insieme un momento molto significativo per Napoli e per Bagnoli. All'iniziativa, che prevede laboratori ludico-espressivi e tante attività di vario genere, aderiscono circa 80 organizzazioni del Terzo Settore ed Enti Pubblici e Istituzionali. Ad organizzarla è la Fondazione Banco di Napoli per l'Assistenza all'Infanzia (FBNAI), con il sostegno dell'Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Campania, la X Municipalità di Napoli e con il contributo di un gruppo di sponsor. Saranno presenti attività ludico-sportive, localizzate nel Viale

Area ex Nato, campus giovani e cittadella smart. Le proposte di De Magistris.

A poco più di una settimana dall’incendio che ha distrutto Città della Scienza, il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, pubblica sul suo blog la notizia di una nuova iniziativa che riguarda l’area ex Nato di Bagnoli. Il Comune di Napoli ha infatti depositato oggi, presso la Fondazione Banco di Napoli per l’assistenza all’infanzia, un progetto che riguarda l’utilizzo del complesso immobiliare dell’ex collegio Galeazzo Ciano, ovvero l’ex base militare, che prevede l’utilizzo di fondi europei e meccanismi di autofinanziamento. “Interesse dell'amministrazione”, scrive De Magistris, “è quello di destinare l'area a funzioni pubbliche integrate con attività rivolte ai giovani, incentrate sulla formazione, la ricerca, la cultura, lo sport, il tempo libero e la ricettività giovanile.” Un modo quindi per andare a riqualificare