Ischia, vince l’ambiente: dopo la Festa di Sant’Anna meno rifiuti e più volontari

L’operazione dell’area marina protetta Regno di Nettuno: sensibilizzazione e pulizia, in acqua anche il comandante generale della Guardia Costiera Giovanni Pettorino Meno rifiuti e più volontari: c’è da essere ottimisti al termine dei tre giorni di sensibilizzazione alla tutela del mare e, soprattutto, della pulizia collettiva degli scogli e dei fondali della baia di Cartaromana dopo la Festa a mare agli scogli di Sant’Anna. E’ infatti più che positivo il bilancio dell’operazione ideata e organizzata dall’area marina protetta Regno di Nettuno e inserita nel cartellone dell’evento. Le attività sono iniziate giovedì 25 luglio con una serie di partecipatissimi laboratori di Educazione Ambientale tenuti nell'arco della giornata da diverse associazioni (Marevivo, Legambiente e Project M.A.R.E) e un punto informativo in cui è stato distribuito materiale

Ischia celebra Sant’Anna: le partorienti in processione si affidano alla protettrice

Le partorienti su piccoli gozzi raggiungono la chiesetta incastonata nella baia di Cartaromana Ischia, 26 luglio - Un rito antico che si rinnova, animato dalla fede: le partorienti di Ischia si affidano alla protettrice, Sant’Anna, raggiungendo su piccoli gozzi la chiesetta incastonata nella baia di Cartaromana per chiedere la speciale benedizione per una gravidanza serena. Una tradizione che risale a inizio ‘900: le prime barche addobbate a festa diedero il là all’attuale Festa a mare agli scogli di Sant’Anna, che oggi celebra la sua ottantasettesima edizione. Le barchette sono diventate carri allegorici: cinque sfileranno nella baia, raccontati dalla voce di Giancarlo Giannini. La partecipatissima messa, celebrata dal vescovo di Ischia Pietro Lagnese, ha ancora una volta accompagnato uno degli eventi più intimamente