Epifania: oltre 3,5 mln di italiani al rientro, il bilancio delle feste

Città e località d’arte in cima alle preferenze degli italiani con il 48% seguite dalla montagna spinta dalla neve con il 38% Al rientro 3,5 milioni di italiani che hanno scelto di trascorrere il fine settimana dell’Epifania in vacanza con il lungo weekend della Befana che ha favorito le partenze che si sono aggiunte a quelle di coloro che erano fuori casa da Capodanno o addirittura da Natale. E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che il bilancio delle feste di fine ed inizio anno conferma il trend positivo per viaggi e consumi. Sul podio delle destinazioni nelle vacanze salgono le città e le località d’arte con il 48% seguite dalla montagna spinta dalla neve con il 38% mentre il resto si

Serrara Fontana, super Epifania con la befana sui trampoli e doppio concerto a Succhivo

La Befana coi trampoli in giro per le piazze, concerto di violino e chitarra con Iacono e Pilato e la soprano Nunzia Ferrandino con Luigi Boccanfuso Un gran finale per una lunga parentesi di feste che ha regalato emozioni in serie a Serrara Fontana, il comune collinare dell’isola d’Ischia che abbraccia mare e montagna e che quest’anno ha saputo esibire un cartellone di eventi variegato e intrigante. Per il giorno dell’Epifania c’è solo da appuntarsi in agenda eventi da non perdere, a cominciare dall’insolita e stravagante Befana sui trampoli, che distribuirà leccornie a grandi e piccini attraversando le piazze di Sant’Angelo e Succhivo. A Fontana e al Ciglio, invece, sarà Pasquale “Dragon” Di Costanzo a portare buonumore e dolciumi, a Serrara il coreografico arrivo dei

Indagine Coldiretti/Ixe’: vacanze di Natale per 11,5 milioni di italiani, l’80% resta nei confini nazionali

Aumento del 9% rispetto allo scorso anno. Aumenta anche la spesa media di 459 euro per persona. In 800mila per Natale e/o Capodanno preferiscono l’agriturismo Quasi 11,5 milioni di italiani hanno deciso di trascorrere almeno un giorno fuori casa durante le festività natalizie con un deciso orientamento a rimanere in Italia, scelta quest’anno come meta dall’80% dei vacanzieri. E' quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ per le partenze nelle festività di Natale dalla quale si evidenzia un aumento del 9% rispetto allo scorso anno. A pesare sulle destinazioni - sottolinea la Coldiretti - sono i drammatici episodi di terrorismo internazionale che condizionano quest’anno la scelta delle vacanze di più di un italiano su cinque (20%) e tra questi 1/3 non andrà

Dillo a #NapoliTime – Vomero: “Accendete le luminarie natalizie!”

 L'appello: il quartiere non resti al "buio" per le prossime festività Gennaro Capodanno,  presidente del Comitato Valori collinari, lancia un pressante pubblico appello ai vertici istituzionali ed alle associazioni di categoria, chiedendo uno sforzo congiunto, da attuare in tempi rapidi, affinché il popoloso quartiere collinare del Vomero, per le oramai prossime festività natalizie, non resti al “buio”, privo dunque delle caratteristiche luminarie che adornano e abbelliscono le città  ma venga invece illuminato in tutte le strade e piazze del quartiere, e non solo in alcune di esse, come purtroppo si è verificato negli ultimi anni. "A poco più di tre settimane dalla festa dell’Immacolata – sottolinea Capodanno – il quartiere è del tutto privo di luminarie natalizie, laddove invece in altre città

L’acqua ed il suo potere magico di far tornare tutti bambini. Accade così per “A Chiena” di Campagna

Appuntamento con la "secchiata", la "passeggiata" e la "chiena di mezzanotte" C'è un posto speciale in provincia di Salerno, protetto dai Monti Picentini tra i fiumi Tenza ed Atri. È Campagna, la città dell'acqua e la sua antichissima festa chiamata a "Chièna". Qui, una volta l'anno, nei mesi di luglio ed agosto, l'acqua domina la scena e diventa la principale protagonista. Sotto l'ombra del Castello Gerione a partire dalla metà di luglio fino al 17 di agosto, in giorni ed orari prestabiliti, è tradizione deviare il corso del fiume Tenza affinché le sue fresche e pure acque invadano le strade dell'intero paese allagandole. Un simbolismo istintivo che rimanda alla necessità antropologica dei riti della purificazione, alla invocazione per favorire la prosperità del paese