Sospesa la preside del Liceo Sannazaro, aveva mandato gli studenti al mare

A causa del numero di iscritti, nettamente superiore alla disponibilità di aule per ospitare i ragazzi aveva pensato di far ruotare la presenza in classe con gite fuori porta È stata sospesa Laura Colantonio dal ruolo di preside del Liceo ginnasio "Sannazaro" di Napoli, nell'occhio del ciclone per le attività extra moenia che hanno ricompreso anche "gite al mare" e passeggiate nel Parco Villa Floridiana poco distante dalla scuola, nel quartiere Vomero. Tutto ciò a causa della carenza di aule. Lo si apprende da fonti dell'Ufficio scolastico regionale. Il decreto di sospensione è stato firmato nel pomeriggio di ieri dalla direttrice dell'Usr Luisa Franzese. La decisione mette fine ad una vicenda che aveva fatto registrare aspre critiche da parte di genitori, alunni e anche

Ospedale Betania, terapia intensiva neonatale aperta ai genitori 12 ore al giorno

L’iniziativa è volta a favorire il benessere del neonato e l’allattamento al seno. È il primo passo verso l’apertura della TIN H24 Dal 16 luglio 2018 l’Unità di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia dell’Ospedale Evangelico Betania ha introdotto una nuova modalità di accesso ad orari prestabiliti, molto meno vincolante rispetto a quella precedente: sarà aperta tutti i giorni dalle 9:00 alle 21:00 tutti i giorni, consentendo l’ingresso libero ai genitori. L’obiettivo, in tempi brevi, è mantenere aperta la Terapia Intensiva Neonatale e la Sub-intensiva ventiquattro ore su ventiquattro. Una vera e propria rivoluzione nell’assistenza ai neonati prematuri per il territorio della Campania, dove nessuna TIN resta aperta così a lungo. Porte aperte ai genitori, dunque, nella TIN, secondo quanto prevede il documento “Promozione

Maestra asilo aggredita da madre alunna

Offesa e strattonata in aula, è stata medicata dal 118 Caserta, 21 febbraio - Una maestra di 35 anni della scuola Edmondo De Amicis di Succivo (Caserta) è stata aggredita dalla madre di un'alunna che l'avrebbe prima offesa verbalmente e poi strattonata con violenza. Il fatto, avvenuto lunedì, è stato denunciato solo oggi ai carabinieri, dalla docente. L'aggressione, riferita da 'Il Mattino', è avvenuta lunedì poco dopo le 16, all'orario di uscita dei ragazzi, quando il papà di un'alunna della materna l'ha affrontata in aula dopo aver visto la figlia che piangeva; l'uomo è poi uscito con la bambina, lasciando il posto alla moglie, che, infuriata, si è scagliata contro la docente. La maestra ha riferito di aver subito una violenta aggressione

Primo soccorso nelle scuole, al congresso della Croce Rossa

Al congresso in corso a Napoli, particolare attenzione è stata dedicata alla formazione del personale scolastico, dei genitori e degli alunni delle scuole superiori e medie per evitare tragedie da soffocamento tra i banchi di scuola. Presentato un progetto per le scuole elementari Napoli, 26 novembre – Nel corso del Congresso della Croce Rossa a Napoli particolare attenzione è  dedicata al primo soccorso nelle scuole grazie anche alla recente legge approvata dal Parlamento, che permetterà di salvare numerose vite. La richiesta di formazione nelle scuole, infatti, è in costante aumento, sia da parte degli insegnanti che dei genitori. Troppo spesso infatti capita di voler dare un aiuto ma di non sapere da che parte cominciare, con il rischio di aggravare la situazione . “Per

Avellino: uccide i genitori a colpi d’ascia

Aveva avuto contatti con una setta satanica via facebook Avellino, 14 novembre - Ivan Famiglietti, il giovane di 27 anni che stamattina ha ucciso con un'ascia entrambi i genitori in provincia di Avellino, è stato arrestato e condotto nella caserma dei carabinieri di Frigento (Avellino). Il giovane ha confessato il duplice omicidio. Il giovane ha intrattenuto contatti via Facebook con una setta satanica. Un anno e mezzo fa ha decapitato la statua di san Michele Arcangelo, patrono di Sturno, e poi vandalizzato un'altra statua del santo portando via l'effige del demonio.

A Sorrento per “Educarsi ad educare”

A partire dal 21 febbraio, a “scuola” per genitori nello splendido scenario di Sorrento Il titolo-slogan dell’iniziativa “Educarsi ad educare”, organizzata dal Comune di Sorrento - Assessorato e Commissione Pari Opportunità - sintetizza l’intento e le finalità di un ciclo di seminari, laboratori dedicato ai genitori nel loro difficile e complesso ruolo. L’iniziativa, condotta da Claudia Venditti, esperta del settore, è aperta a genitori, educatori, operatori del  settore e va nella direzione della formazione e del supporto in questo delicato compito che richiede sempre più competenze e confronti. Gli otto incontri si terranno a Sorrento, a partire dal prossimo 21 febbraio, nella Sala conferenze "Carlo Di Leva"  dell'Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo (via Luigi De Maio, 35) e affronteranno più tematiche incentrate sul rapporto

Sessualità, paura di non essere accettato

La lettera di Passion Time  Mi chiamo Brunella e sono del segno della bilancia con ascendente in bilancia. Vi chiederete, ma cosa diamine c'entra il segno zodiacale? Forse nulla e forse tutto, ma il punto è che io mi sento come l’ago di una bilancia che cerca contro ogni logica il proprio equilibrio. Il mio senso innato della giustizia ha il sopravvento su ogni mia scelta, ogni decisione anche la più banale è suggerita da quella vocina nel mio cervello che mi sussurra “uguaglianza”. Siamo tutti uguali, abbiamo tutti gli stessi diritti, gli stessi doveri e tutti meritiamo rispetto, indipendentemente dalla propria condizione economica o sociale e dalla propria sessualità. Sessualità! Sì, io ancora non riesco a capire perché per la società

Il Comune decide di chiudere l’Istituto Augusto Console, insorgono i genitori

"Diritto allo studio negato". Corteo di protesta, domani 19 febbraio Napoli, 18 febbraio - Dopo la chiusura della scuola elementare "Astroni" di via Raffaele Ruggiero, un'altro sito storico rischia di essere cancellato dalla mappa delle strutture scolastiche presenti nella X Municipalità. Ora a rischiare la chiusura è l'Istituto Comprensivo "Augusto Console" di via Terracina. Il plesso serve una platea di 800 alunni dai 3 ai 13 anni e a settembre chiuderà se le Istituzioni cittadine non interverranno con un dietrofront sulla decisione già adottata di traslocare nell'edificio scolastico di via M.Aurelio nel quartiere Soccavo. I genitori degli alunni sono sul piede di guerra. Si sentono abbandonati, boicottati e inascoltati da chi dovrebbe invece essere al loro fianco in questa battaglia di civiltà. Una battaglia che non può essere confinata in

Diritto allo studio. Le proteste dei genitori dell’IC Casanova

COMUNICATO STAMPA Giovedì 19 Dicembre 2013 alle ore 16,30 presso la Galleria Principe di Napoli, in occasione della manifestazione natalizia della scuola primaria dell’I.C. “Casanova-Costantinopoli”, il C.G.D. Controvento – Napoli Centro Storico darà luogo ad una protesta pacifica in difesa del diritto dell’I.C. “Casanova – Costantinopoli” sito in Piazza Cavour, 25 ad avere idonei spazi destinati alla didattica ed alle altre attività  scolastiche. I bimbi sono costretti a svolgere l’attività didattica in parte della palestra e nella biblioteca con chiari disagi e sottrazione di luoghi fondamentali per il corretto e sano sviluppo del percorso formativo. Il “Palazzaccio” nel quale ha sede l’Istituto ospita scuole da sempre, la sua vocazione alla didattica è palese, rappresenta un punto di riferimento non solo per gli alunni

Si celebra oggi la 19^ Giornata Internazionale della Famiglia

Napoli 15 maggio – Oggi si celebra la 19° Giornata Internazionale della Famiglia proclamata dall’assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1994. In Italia, la giornata è promossa dal Forum delle associazioni familiari che quest’anno dedica alla questione delle giovani famiglie e del lavoro giovanile un doppio evento pubblico che coinvolge le Istituzioni, le parti sociali e imprenditoriali su quella che è una vera e propria emergenza sociale, oltre che lavorativa ed economica. Ma cos'è oggi la famiglia? Ha ancora senso parlarne?  Un nucleo dove ruotano vite, sentimenti, legami, dove i figli succederanno ai genitori portando eredità culturali ed affettive dove non importa il sesso dei genitori, ma il collante che tiene tutti uniti. La posizione del Vaticano resta su canoni di famiglia tradizionali, sebbene le aperture

Separazione: spese ordinarie e straordinarie per i figli

L'avvocato risponde Con la sentenza di separazione, il Giudice ha disposto a carico del mio ex marito un assegno di mantenimento per mia figlia e le spese straordinarie al 50%.  Avrei bisogno di sapere la differenza tra spese ordinarie e spese straordinarie, poiché il mio ex marito contesta le mie richieste di rimborso delle spese sostenute per le attività scolastiche e per le cure mediche, affermando che rientrano nell’assegno di mantenimento. Stefania T. Gentilissima lettrice, l’individuazione delle spese ordinarie e delle spese straordinarie dei figli rappresenta uno dei temi più dibattuti del diritto di famiglia, considerata la mancanza di qualsiasi specifica definizione normativa in proposito, pertanto una risposta può essere ricercata esclusivamente nella prassi dei Tribunali Italiani. Preliminarmente, diverse sono le modalità di

L’affido condiviso è un diritto del minore.

Io e mia moglie abbiamo intenzione di separarci. Io, per motivi strettamente personali,  non ho interesse ad ottenere l’affidamento di nostra figlia di sei anni. E’ possibile manifestare la rinuncia all’affidamento condiviso in una separazione consensuale? Carmine Z. Gentilissimo Lettore, nel quadro della legge 54 del 2006 il principio di bigenitorialità si pone come regola generale, rispetto alla quale costituisce eccezione la soluzione dell’affidamento esclusivo che trova applicazione soltanto qualora l’affido condiviso risulti pregiudizievole per il benessere psico-fisico del minore. Come insegna Giurisprudenza ormai costante, affinché possa, quindi, derogarsi alla regola dell'affidamento condiviso occorre che risultino, nei confronti di uno dei genitori, una sua condizione di manifesta carenza o inidoneità educativa o comunque tale da rendere quell'affidamento in concreto pregiudizievole per il

La Posta di PassionTime: le preoccupazioni di una madre, l’ingenuità di una figlia.

"Vi scrivo per sfogarmi, per esternare la mia preoccupazione definita, sopratutto da chi mi ama, assurda ed eccessiva. Ma io non dormo la notte e sto iniziando a chiedermi se davvero sono io quella sbagliata. Ho una figlia di 30 anni, Chiara, è molto bella, non solo agli occhi di mamma, è una modella. Dovrei rallegrarmi perché è sana, ha successo nel lavoro e da poco tempo dice di aver trovato l'amore, ma non è così. Sta con un ragazzo poco più grande di lei, uno molto presente, troppo per i miei gusti. Secondo voi è normale che se lei per una mezz'ora non si fa sentire, o non manda un sms, lui le telefoni dicendo, in tono abbastanza duro: