Virus influenzale, feste di Natale incubatore perfetto: circa 573mila persone a letto

L'influenza mette a segno un altro duro colpo, mirando le feste natalizie e mandando a letto migliaia di italiani Allarme virus influenzale. Anche se quest'anno l'influenza ha tardato ad arrivare, anche per le temperature miti, secondo l'ultimo bollettino dei medici sentinella della rete Influnet, le feste natalizie sono state un biglietto da visita per gli agenti infettivi. "Questi giorni di feste e contatti ravvicinati sono l'incubatore migliore per la diffusione della malattia il cui andamento sta confermando, per ora, le previsioni fatte a inizio stagione", afferma all'AdnKronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università degli Studi di Milano, che si attende "un incremento dei casi anche se molto dipenderà dall'andamento termico". Incognita meteo a parte, anche l'emergenza smog potrebbe giocare a favore dei

In arrivo il nuovo vaccino antinfluenzale universale. Intanto previsto a gennaio 1 milione di casi di influenza

Il nuovo vaccino manderà in manderà in pensione le iniezioni annuali, intanto si ribadisce l'importanza della somministrazione in soggetti over 65, pazienti con insufficienza renale, cardiopatici, ipertesi Addio alle iniezioni annuali, a sostituirle ci sarà un vaccino antinfluenzale universale. Uno studio di un team di scienziati dell'azienda biotecnologica Seek di Londra metterà a disposizione, tra tre anni, un nuovo ritrovato che proteggerà da tutte le proteine comuni a tutti i ceppi del virus dell'influenza. Il vaccino, FLU-v, agisce aumentando la presenza nell'organismo delle cellule immunitarie (cellule T) che uccidono la parte del virus influenzale che non muta nel tempo. Secondo Olga Pleguezuelos, che guida il team londinese "siamo certi che questo vaccino sarà in grado di proteggere le persone da ogni nuovo ceppo del

Influenza stagionale: circa 13 milioni gli italiani prossimi al contagio

Quest'anno, cause l'arrivo di nuovi virus e gli sbalzi di temperatura, saranno circa 13 milioni gli italiani a dover fronteggiare l'influenza. Si raccomanda il vaccino antinfluenzale "L'influenza 2015-2016 metterà a letto dai 4 ai 5 milioni di italiani". A comunicarlo è il virologo Fabrizio Pregliasco, ricercatore del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell'Università degli Studi di Milano. Il virologo, durante l'incontro tenutosi a Milano sul tema della salute e su come difendersi dall'influenza, (ed organizzato da Assosalute), ha comunicato, inoltre, che questa sarà una stagione di media intensità nella quale l'effettiva diffusione influenzale dipenderà anche dall'andamento delle temperature. Ed inoltre "si stima che altri 8-10 milioni di persone dovranno farvi i conti, - spiega sempre Pregliasco - per un totale

Arrivano i “giorni della merla”: è boom di influenza

Banchi vuoti a scuola, 2 milioni gli under 15 a letto con la febbre 28 gennaio – Nei cosiddetti “giorni della merla”, i più freddi dell’anno, crescono in misura esponenziale i casi di influenza che già da novembre hanno costretto circa 4 milioni e mezzo di italiani al riposo forzato. Secondo Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg), siamo in piena fase epidemica ma la frequenza dei contagi continuerà a crescere fino ad almeno la prima decade di febbraio. L’inizio del decremento delle infezioni si avrà invece a partire dalla fine del prossimo mese, ma ciò che risulta evidente quest’anno è che il numero dei contagi è nettamente influenzato dalla consistente fetta di popolazione che ha deciso

Muore a causa dell’influenza, giovane donna di Salerno su facebook aveva scritto: “Maledetta influenza, ne uscirò viva?”

Tra dieci giorni pronti i risultati del'esame autoptico eseguito per stabilire la causa effettiva della morte. La giovane non aveva problema di salute Salerno, 16 gennaio – La vita di una giovane avvocatessa si è spenta nel vano tentativo di raggiungere l’ospedale, ad ucciderla un’influenza. Giovanna Pierro, avvocato di Salerno di 36 anni, ha chiamato lei stessa il 118 nella notte di martedì stremata da quell’influenza che da qualche giorno l’aveva resa sempre più debole e dolorante. Accusava forti dolori alle ossa, nausea e una forte spossatezza e a far pensare ancor più che si trattasse di sintomi influenzali c'era anche quella leggera febbre che non voleva saperne di lasciarla. Non è arrivata viva però al Ruggi d’Aragona di Salerno. Il suo

Influenza, con il grande freddo è picco di contagi

100-120 mila gli italiani che trascorreranno le festività a letto con l’influenza 29 dicembre – Se finora si è fatta attendere grazie alle temperature decisamente miti che si sono registrate negli ultimi mesi, con l’ondata di freddo artico l’influenza determinerà in questi giorni un vero e proprio picco di contagi. Complici anche gli auguri delle feste che portano ad un maggior contatto e di conseguenza ad una maggiore trasmissibilità del virus. Secondo le stime del virologo dell'università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco, saranno all’incirca 100-120 mila gli italiani che trascorreranno le festività a letto con l’influenza. Quest’anno la diffusione del virus sarà potenziata anche dalla scarsa partecipazione dei cittadini alle campagne di vaccinazione, a causa soprattutto dei timori alimentati da alcuni decessi sospetti

Vaccino antinfluenzale, 4 decessi sospetti dopo la somministrazione

Ritirati i lotti 142701 e 143301 del vaccino FLUAD della Novartis Vaccines and Diagnostics 28 novembre – Al momento, sarebbero 4 i decessi sospetti avvenuti negli ultimi giorni a seguito della somministrazione del vaccino antinfluenzale. In via cautelativa, l’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) ha disposto l’immediato ritiro dei lotti 142701 e 143301 del vaccino FLUAD della Novartis Vaccines and Diagnostics, invitando i pazienti che abbiano a casa confezioni del suddetto vaccino a verificare il numero di lotto e a contattare il proprio medico nel caso in cui corrispondessero a quelli ritirati. L'Istituto Superiore di Sanità “supporta la decisione dell'Aifa di ritirare in via cautelativa i lotti dei vaccini a cui sembra siano associate gravi reazioni avverse, a riprova dell'attenzione del Sistema Sanitario Nazionale

Influenza, superata la soglia dei 450mila colpiti, il picco ad inizio anno

Quando l’influenza bussa alla porta, non è possibile correre al riparo. Anche quest’anno sono moltissimi gli italiani costretti a restare a letto. In 455 mila sono già stati colpiti dalla sindrome influenzale, di cui 92 mila solo negli ultimi sette giorni. Il picco è previsto per l’inizio del 2014. Lo dicono i dati del primo rapporto InfluNet della stagione, elaborati dal Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell’Istituto Superiore di Sanità. Il tasso di incidenza più elevato si registra in Basilicata, seguono l’Emilia Romagna e la provincia autonoma di Trento. L’influenza è causata da virus che infettano le vie aeree, ossia naso, gola e polmoni.  E’ molto contagiosa, poiché si trasmette facilmente attraverso goccioline di muco e saliva,

E’ di nuovo influenza. Il ceppo del virus isolato dall’Università degli studi di Trieste

Anche quest'anno, inesorabile come il freddo invernale, è in arrivo il virus dell'influenza. La prima a farne le spese è stata una bimba di 4 anni. L’isolamento del virus è avvenuto ad opera del laboratorio dell’Università degli studi di Trieste che lo ha identificato come appartenente al ceppo A/Texas/50/2012, pertanto uno dei tre tipi di ceppi influenzali che sono contenuti nell’attuale vaccino antinfluenzale che non è stato però somministrato alla piccola. La scelta dei ceppi da inserire nei vaccini viene operata durante il meeting annuale dell’OMS (Organizzazione Mondiale Sanità) che si volge a Ginevra dove aggiornano la composizione del vaccino in base ai dati rilevati nell’ultimo anno dei ceppi in circolazione. Ques’anno la raccomandazione di inserire i seguenti ceppi virali l’A/Christchurch/16/2010 e

Vaccino antinfluenzale. I medici di base hanno l’obbligo di farlo, lo dice il Tar del Lazio

L’influenza incalza e presto farà le sue prime vittime, costrette a letto con febbre e raffreddore. Anche se il clima mite sta prolungando la sua permanenza nel bel Paese, i cambiamenti repentini di temperatura possono già causare i primi sintomi parainfluenzali. In Italia, a differenza dell’Europa, non si è ancora registrato nessun caso di influenza, ma Giovanni Rezza, epidemiologo dell'Istituto Superiore di Sanità, ha spiegato che è già ora di correre ai ripari, in special modo per i soggetti a rischio e le persone affette da patologie particolari. Rezza ha spiegato che ''di solito da noi i primi virus influenzali vengono isolati verso fine novembre, quando ne circolano di più. Quelli che circolano in questi giorni sono virus parainfluenzali, rinovirus, o