Ottaviano, arrivano 15mila euro di finanziamento per Internet gratis

Progetto della Comunità Europa WiFi4EU È in arrivo il wifi libero anche ad Ottaviano. Il Comune, infatti, ha ottenuto un finanziamento di 15mila euro per l'installazione di punti hot-spot per internet in tutto il territorio cittadino. Si tratta del progetto della Comunità Europa WiFi4EU, che promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi per i cittadini negli spazi pubblici, fra cui parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, centri sanitari e musei, nei comuni di tutta l'Europa. L’iniziativa offre ai Comuni la possibilità di richiedere un buono per un valore di 15000 euro. I buoni saranno utilizzati per installare apparecchiature wi-fi negli spazi pubblici all'interno dei comuni che non sono già dotati di hotspot wi-fi gratuiti. Ottaviano risulta tra gli aggiudicatari del finanziamento: a breve verrà stipulata

Visit Naples in finale ai Web Awards 2018 di Bruxelles

Germania, Grecia ed Italia in sfida per il titolo di miglior portale d'Europa, in palio due mesi di pubblicità presso l'Aeroporto Internazionale di Bruxelles Napoli, 8 Novembre – Nella splendida cornice del Teatro Vaudeville di Bruxelles, si celebrerà il 21 Novembre il Gran Galà riservato ai migliori siti web d'Europa. Il portale di promozione turistica della città visitnaples.eu a luglio era stato nominato da EUregistry per i .eu Web Awards 2018. Superata la fase di selezione grazie alle votazioni online, adesso il team di Marketing Italia, startup titolare del progetto, si prepara per volare a Bruxelles alla conquista del titolo. Da Germania e Grecia gli altri finalisti, in palio per il sito web vincitore, due mesi di pubblicità presso l'Aeroporto Internazionale della capitale belga. "Poter promuovere

Rapporto Infosfera: Italiani creduloni vittime del web. Dall’ansia all’insonnia le nuove malattie dell’era digitale

Italiani in balia del web tra fake news e nuove malattie da overdose di social network. Nel rapporto biennale Infosfera dell’Università Suor Orsola Benincasa i numeri inquietanti del nuovo sistema mediatico dell’era digitale Napoli - Per l’87% degli italiani i social network non offrono più opportunità di apprendere notizie credibili e l’82% degli italiani non è in grado di riconoscere una notizia bufala sul web. Sono i dati allarmanti che emergono dal rapporto “Infosfera” sull’universo mediatico italiano realizzato dal gruppo di ricerca sui mezzi di comunicazione di massa dell’Università Suor Orsola Benincasa guidato da Umberto Costantini, docente di Teoria e tecniche delle analisi di mercato ed Eugenio Iorio, docente di Social media marketing. La ricerca completa, giunta alla sua seconda edizione, è disponibile integralmente e gratuitamente sul sito web dell’Ateneo napoletano ed è stata

#SocialComInTour, l’evoluzione della rete tra social media e privacy

Le sfide proposte dai social media a utenti e comunicatori, tenendo presenti le istanze di salvaguardia della privacy dei dati "#SocialComInTour – L’evoluzione della rete tra social media e privacy" è il titolo dell'evento - organizzato da SocialCom, in collaborazione con NMK Marketing & Comunicazione - che si svolgerà a Napoli, martedì 8 maggio , a partire dalle 10.30, negli spazi della Sala Sirena di Castel dell’Ovo, in via Eldorado, 3. L'evento nasce dalla volontà di SocialCom - digital community guidata da Luca Ferlaino, attiva nel monitoraggio, la valutazione e l'anticipazione delle tendenze nell'ambito della comunicazione digitale – e di NMK – agenzia leader nel settore del marketing e della comunicazione – di aprire un dibattito, quanto mai attuale, sul tema della

G7 Ischia, governi a confronto con i colossi Internet contro il terrorismo. Sull’isola e a Napoli cortei anti G7

Contestazioni degli antagonisti, inondato di salsa di pomodoro la banchina olimpica del porto e un tratto di mare: "è sangue dei migranti fatti morire in mare" Ischia, 19 ottobre - Un'alleanza tra le grandi democrazie da un lato e i big della rete - da Microsoft a Google, da Facebook a Twitter - dall'altro, per bloccare la minaccia jihadista che sfrutta internet per raccogliere proseliti e fare propaganda. E' un obiettivo ambizioso quello che l'Italia ha inserito al primo punto dell'agenda della riunione dei ministri dell'Interno del G7 in programma da oggi ad Ischia, dove sono attesi anche 200 antagonisti per un corteo che sfilerà lontano dall'area del vertice. Al tavolo presieduto dal ministro Marco Minniti partecipano, per la prima volta, proprio

Al Castel dell’Ovo i “Pionieri della rete”

A Napoli le menti più geniali del web, dal 30 giugno al 1 luglio Le menti più geniali che hanno fatto il passato e faranno il futuro della Rete si incontrano a Napoli dal 30 giugno al 1 luglio al Castel dell’Ovo. “Pionieri della Rete” sarà l’occasione di conoscere chi ha fatto la storia del web in Italia e tutte le novità nel mondo dell’innovazione digitale con alcuni dei principali attori dell’ecosistema delle startup. L’evento, organizzato da AssoProvider in collaborazione con NaStartup, Sindacato Unitario Giornalisti della Campania e PandAnt, sarà anche l’occasione per premiare le menti che hanno creato la Rete come la conosciamo oggi. Pionieri della Rete darà anche spazio al divertimento e ai premi. Con l’iniziativa “porta un vecchio oggetto

#VentiRighe – Tecnologie al servizio della disumanità

Che c’entra la “Balena blu”? Chi ha scomodato il mite cetaceo per inglesizzarlo in “Blue Whale” e “giocare” con la morte di ragazzi e ragazze psicologicamente labili, vittime di un macabro plagio e come sentenzierebbero gli psicologi, fragilità incolpevoli, perché senza futuro o atterrite dalla progressione verso il nulla della Terra, minacciata dai Trump e affini che contrastano l’ambientalismo militante e fanno del pianeta un “morituri te salutant”, di chi la colpa? Manca il coraggio di ammettere che la frenesia dell’umanità di tecnologizzarsi ha reso più comoda la vita, ma al tempo stesso ha innescato pericoli di non poco conto. Stupisce e preoccupa il vuoto di programmazione per il futuro prossimo che nel comparto decisivo della produzione ha già avviato il processo

Sanità, un nuovo portale internet destinato a medici e a pazienti

Il Direttore Generale dell’Ospedale Cardarelli presenta TripSanita.it Napoli, 11 maggio - Venerdì 12 maggio alle h 14:00 presso l’Aula Mediterraneo dell’Ospedale Cardarelli di Napoli si terrà la presentazione del portale TripSanità.it, il primo innovativo portale italiano destinato ai medici e ai pazienti per meglio gestire le cure in modo comodo e riservato. Nel portale, fra gli altri servizi, è presente il Primo Soccorso Digitale che consente in modo estremamente semplice di conoscere le cause e le cure mediche di ogni malanno. Il servizio Primo Soccorso Digitale è un sistema registrato da TripSanità ed è stato realizzato in collaborazione con il dipartimento di sanità pubblica dell’Università Federico II di Napoli. Parteciperanno all’evento: Ciro Verdoliva, Direttore Generale Ospedale Cardarelli, Maria Triassi, Direttore del dipartimento

Smartphone e dipendenze tecnologiche, in aumento i disturbi neurocognitivi

L'abuso delle tecnologie al centro del XVII Congresso Mondiale di Psichiatria dinamica Stando al report del XVII Congresso Mondiale di Psichiatria dinamica che si è tenuto a Firenze, le dipendenze tecnologiche da internet e smartphone, saranno le malattie mentali destinate ad essere più diffuse dal prossimo decennio a livello mondiale. Seguono i disturbi neurocognitivi, come demenza e amnesia. Secondo gli esperti in Italia prevalgono disturbi neuropsicologici (49%), tra i quali, quelli legati al sonno e al calo di attenzione, seguiti da depressione (28%) e ansia (23%). Negli ultimi anni i problemi psicologici sono cresciuti del 10%, oltre a disturbi alimentari e la depressione. Dice la psicologa Vera Slepoj: "Analizzando le patologie del futuro a livello globale emerge che la società attuale è caratterizzata da una forma di industrializzazione postmoderna

Guerriglia interpartitica, altro che referendum

Colpi bassi, “bufale”, falsi a profusione, sui media e incontrollati,  sono invasioni barbariche di computer, tablet e smartphone dei milioni di italiani che li consultano da mane a sera La dialettica della politica, un tempo arte nobile e leale del confronto, si è impanata nella palude della menzogna, di mistificazioni, pettegolezzi, contumelie, fino all’oscenità. L’astensione dal voto, di qualunque elezione si tratti, è un fuga antidemocratica dalla partecipazione alle scelte che dettano il trend della società ma, affermato questo sacro principio, appare arduo pensare alla gogna per chi oscilla in bilico tra indecisione e orientamento a disertare le urne del 4 di dicembre, quando l’Italia sarà responsabilizzata per decidere se le modifiche alla Costituzione sono legittime, utili e necessarie o al

#VentiRighe – L’informatica avvelenata, ovvero il pericolo hacker

Quanto un secolo fa era connotato con il titolo di inimmaginabile è accaduto Siamo nel pieno dell’era tecnologica che non riesce a star dietro al una frenetica macchina dell’innovazione e meno che mai al suo futuro, proiettato oltre la più fantasiosa previsione. Tutto bene? Purtroppo no. Le accelerazioni del progresso di settore procedono di pari passo con l’autolesionismo dell’umanità economicamente più progredita. Intossichiamo l’atmosfera, disboschiamo il patrimonio forestale del mondo, cementifichiamo indiscriminatamente, manipoliamo per obiettivi non condivisibili le sofisticate chance proposte dall’informatica. L’esempio più convincente di questa distorsione è sotto gli occhi di tutti: cybernauti criminale infettano i  milioni di computer per estorcere tangenti liberatorie alle loro vittime, entrano nei sistemi informatici delle banche, si impadroniscono di dati sensibili dei Paesi guida

Sicurezza informatica: la Polizia Postale chiede rinforzi

Quotidianamente oltre 28milioni di cittadini sono in rete per lavoro, studio o passatempo. Collegarsi ad internet è diventato ormai quasi indispensabile. Ma la rete, spesso nasconde moltissime insidie Ottobre è il mese europeo della sicurezza online: in Italia a che punto siamo? Collegarsi a internet è diventata una necessità: "In Italia gli utenti del web stanno crescendo ma non altrettanto la loro consapevolezza sulla tutela della privacy e della sicurezza on line. Gli italiani usano più tecnologia di tre anni fa ma sono ancora incerti su come gestire i dati su internet" - afferma all'Adnkronos Claudio Monteverde di Google. “Il digitale piace ma non tutti sanno come gestire la propria privacy e la propria sicurezza. Proprio per questo gli operatori della Polizia di Stato, da sempre, sono

#InternetDay, creare ponti a Sud dell’innovazione

Anche la Federico II celebra i 30 anni del web Venerdì 29 aprile, alle ore 10.00, nel Complesso Monumentale dei Santi Marcellino e Festo, l’Ateneo Federico II di Napoli promuove “#InternetDay – Creare ponti a Sud dell’innovazione”, in collaborazione con UnionCamere Campania, Contamination Lab Napoli e Osservatorio Territoriale Giovani. L’evento, con il coordinamento scientifico di Alex Giordano e Lello Savonardo, nasce in occasione dell’Italian Internet Day, la giornata nazionale che celebra i 30 anni di Internet, voluta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con il Digital Champion Riccardo Luna e con la regia del MIUR. Con il coinvolgimento di cittadini, imprese, scuole, università e pubblica amministrazione, su tutto il territorio nazionale si svolgeranno, in contemporanea con l’evento centrale di Pisa, convegni

Internet, rischio salute per gli adolescenti: un uso eccessivo può causare seri danni

Studio americano evidenzia problemi come pressione alta o sovrappeso riscontrati in ragazzi di 14-17 anni Passare troppe ore a navigare in Internet porta ad un aumento di pressione negli adolescenti. E' la conclusione giunta dall'Henry Ford Hospital di Detroit, che ha poi pubblicato uno studio sul Journal of School Nursing. Nell'esperimento, i medici hanno coinvolto 335 ragazzi tra i 14 e i 17 anni, sottoponendoli a una visita medica con controllo della pressione e ad un questionario dove, in base ai risultati, si poteva stabilire chi usufruiva maggiormente dell'uso della navigazione in rete. Dallo studio è emerso che il 39% delle ragazze e il 43% dei ragazzi faceva abuso di Internet, circa 25 ore rispetto alle 15 ore medie dell'intero campione. Coloro che