Coronavirus: Niccolò torna a casa. In Francia prima vittima fuori dall’Asia

Turista cinese di 80 anni, primo ricoverato per il coronavirus arrivato in Francia il 5 gennaio Il ministro della Sanità francese ha annunciato la morte di una persona per le conseguenze del coronavirus. Si tratta della prima vittima fuori dall'Asia. La vittima è il turista cinese di 80 anni, primo ricoverato per il coronavirus che era arrivato in Francia dalla provincia di Hubei il 5 gennaio ed era stato ricoverato in isolamento il 25. Le sue condizioni si erano aggravate velocemente. Altre 139 persone sono morte ieri nella provincia cinese dell'Hubei a causa del coronavirus, portando il totale a oltre 1.500. Quanto ai contagi accertati di Covid-19, i casi totali sono saliti ad oltre 67mila. Niccolò atterra in Italia, Di Maio: "Mantenuta promessa ai

Universiadi: prove di rugby a 7 a Bagnoli

Su campo che ospiterà gare a luglio. Ct Francia: Italia da battere Napoli, 20 febbraio - L'Italia, l'Inghilterra vicecampione del mondo, e poi Francia, Irlanda e Germania sul campo dell'ex area Nato di Bagnoli per un gustoso antipasto del torneo di rugby a 7 in programma a luglio nell'ambito dell'Universiade di Napoli. Nello stesso impianto che ospiterà gli incontri di rugby a 7 dell'Universiade (disciplina olimpica a Tokyo 2020, ndr), è di scena fino a domani il Naples International Rugby Sevens 2019. Molto più che un semplice stage in vista dell'appuntamento di luglio, frutto dell'impegno della Amatori Napoli Rugby che ha organizzato il torneo assieme alla Fir. Per il manager della Francia, Janeczek Thierry "la squadra che temiamo di più è sicuramente

De Magistris su Facebook: “Orgoglioso di essere napoletano. L’Italia arranca perché non è coesa”

Il sindaco ha affermato che in questi anni “Napoli è diventata insieme più città-comunità e più città-stato” e si è ridotta la distanza “rappresentati e rappresentanti” Napoli, 28 agosto – “Lavoreremo da settembre perché possa crescere sempre di più la coesione sociale nella nostra amata Napoli. L’Italia arranca perché non è coesa. Troppo divisa. Scenario a tratti davvero desolante”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un post sulla sua pagina Facebook. “Basta vedere il dibattito pseudo-politico sull'abusivismo che si è scatenato su Ischia dopo il terremoto e l'inconsistenza politica con tutte le gravi responsabilità emerse a Roma dopo la pessima storia di abitanti della città sgomberati con violenza con il sostanziale assenso delle istituzioni tutte – ha

Il discorso di fine anno di Mattarella: “Il senso di comunità è la forza principale del Paese”

Il presidente della Repubblica: “Il problema numero uno è il lavoro”   “Il senso di comunità è la forza principale dell'Italia rispetto alle tante difficoltà che abbiamo di fronte”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante il suo discorso di fine anno agli italiani. “Il tessuto sociale del nostro Paese – ha aggiunto – è pieno di energie positive. Far crescere la coesione vuol dire renderlo più forte. Essere comunità vuol dire condividere alcuni valori fondamentali”. Il presidente ha parlato di lavoro e si è rivolto ai giovani. “Il problema numero uno è il lavoro, specie per i giovani. Molti di voi studiano o lavorano in altri Paesi d’Europa. Questa, spesso, è una grande opportunità. Ma deve essere una scelta

#VentiRighe – 0 a 0. Italia e Germania pari in amicizia calcistica

Amichevole Italia-Germania, clima da "volemose bene" o giù di lì Se l’esito di un incontro di calcio dipendesse dal peso registrato da una bilancia di precisione, l’indice si fermerebbe un etto abbondante più su in favore dell’Italia, un etto più giù per la Germania. Match a due facce, in clima di sfida amichevole con i tedeschi del CT in formazione quasi sperimentale, piena di giovani promettenti ma niente di più, quasi in conseguenza di un accordo con Ventura che a sua volta utilizza la partita senza punti in palio per proseguire nel ringiovanimento del team azzurro. Perciò un tempo Germania, il primo, uno dell’Italia, il secondo, un gol tedesco annullato per fuorigioco (e molti dubbi sulla segnalazione del guardalinee), un palo

Inaugurazione dell’anno accademico all’Aeronautica di Pozzuoli, de Magistris: “Non sono stato invitato”

La mancata presenza del sindaco, secondo quanto riferito da quest'ultimo, non è dovuta alla lontananza politica dal presidente del Consiglio, ma a un mancato invito a partecipare alla cerimonia Napoli, 10 novembre - “Non siamo stati invitati a partecipare come relatori. Sebbene il parterre sia così autorevole, credo che la capitale del Mezzogiorno e terza città d'Italia in simili iniziative non può essere solo osservatore”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, rispondendo ai giornalisti che chiedevano il motivo della sua assenza all'inaugurazione dell'anno accedemico all'Aeronautica Militare di Pozzuoli (vai all'articolo). Quindi i motivi della mancata presenza del sindaco non sono dovuti alla lontananza politica che quest'ultimo ha rispetto al presidente del Consiglio, ma, secondo quanto riferito da

Renzi inaugura l’anno accademico all’Aeronautica di Pozzuoli: “L’Italia è il Paese delle possibilità”

Con il presidente del Consiglio il ministro della Difesa Pinotti, il Ministro dell'Interno Angelino Alfano e il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca Napoli, 10 novembre – “Siamo gelosi della nostra identità ma il mondo ha bisogno dell'Italia. Smettiamo di dire: ce lo chiede l'Europa. Pensiamo a ciò che possiamo fare noi. L'Italia è il luogo delle possibilità, il Paese di gente che ce l'ha fatta e dev'essere sempre più il Paese di gente che vuole provarci. Vi chiedo questo da capo di Governo pro tempore”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, presente quest'oggi all'inaugurazione del nuovo anno accademico 2016/2017 dell'Accademia Aeronautica Militare di Pozzuoli. Renzi, dopo la consegna dei premi, ha parlato dello straordinario rigore delle donne

25 aprile, l’Italia celebra la Liberazione. Mattarella: “è sempre tempo di Resistenza”

Il presidente della Repubblica dopo aver omaggiato l'Altare della Patria con una corona d'alloro celebra la Resistenza a Varallo Sesia, nel Vercellese, una delle prime zone a essere liberate dal nazifascismo “È sempre tempo di Resistenza”. A dirlo è il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che dopo aver omaggiato l'Altare della Patria con una corona d'alloro, ha raggiunto Varallo Sesia, in provincia di Vercelli, una delle prime zone liberate dal nazifascismo nel giugno del 1944. “In queste valli – ha ricordato il capo dello Stato – con il sacrificio del sangue è stata scritta la parola libertà. La Resistenza era nel cuore degli italiani prima ancora che nel loro impegno. Oggi – spiega – è sempre tempo di Resistenza perché guerre

Affitto casa, italiani cattivi pagatori

In Italia, sia il Nord che il Sud non si salvano, restano alte le percentuali per il mancato pagamento della mensilità d'affitto Non saldare l'affitto resta ancora una cattiva abitudine con una percentuale molto alta, circa il 48% dei proprietari di casa ne denunciano il mancato pagamento. Al Sud la percentuale risulta maggiore, con circa il 55% a Napoli, Bari e Palermo. Anche il pagamento della mensilità di condominio registra un ritardo (nelle grandi città sono circa uno su tre, precisamente il 27%). E' ciò che affiora da un'indagine dell'Adnkronos, con il contributo delle associazioni territoriali che rappresentano gli inquilini e i proprietari di immobili. Salvo pochi scostamenti, i dati sono in linea con la stessa rilevazione effettuata a ottobre 2015 e

Papa Francesco a tutto campo. Unioni civili? Non mi immischio. L’aborto, un crimine

"Io non so come stanno le cose nel Parlamento italiano. Il Papa non si immischia nella politica italiana" Sull'aereo papale dal Messico all'Italia, sono numerosissimi gli argomenti affrontati da Papa Francesco; dalle unioni civili, questione nella quale dice di non volersi immischiare, ai casi in cui la contraccezione potrebbe essere tollerata; dal sogno del viaggio in Cina, all'accusa a Trump di non essere cristiano perché vuole erigere muri ai confini. Sulle Unioni civili il Papa rispondendo alle domande dei giornalisti, dice: "io non so come stanno le cose nel Parlamento italiano. Il Papa non si immischia nella politica italiana". E sul ddl unioni civili continua - "Nella prima riunione che io ho avuto con i vescovi nel maggio del '13 una delle cose che

Sale di 33 miliardi il debito pubblico nel 2015

Bankitalia rileva, al 31 dicembre, il debito delle amministrazioni pubbliche che è stato pari a 2.169,9 miliardi. A fine 2014 il debito ammontava a 2.136,0 miliardi (132,4 per cento del Pil) L’aumento del debito (33,8 miliardi) nel 2015 è stato inferiore al fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (49,3 miliardi) per effetto della diminuzione di 10,7 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (collocatesi a fine anno a 35,7 miliardi) e degli scarti e dei premi di emissione che hanno contenuto il debito per 5,1 miliardi; le variazioni dei cambi hanno aumentato il debito di 0,3 miliardi. Per quanto riguarda la ripartizione per sottosettori, il debito consolidato delle amministrazioni centrali è cresciuto di 40,5 miliardi, a 2.077,5, mentre quello delle amministrazioni locali è diminuito di

Una “morte lenta” per Giulio Regeni, l’Italia vuole la verità

Il ricercatore italiano è stato ucciso al Cairo, non c'è ancora nessun indiziato Giulio Regeni, un ricercatore universitario, è stato trovato senza vita al Cairo (Egitto), ora il suo corpo si trova all'Ospedale italiano 'Umberto I' del Cairo. Il cadavere del ragazzo è stato recuperato da un fosso nella periferia della capitale egiziana. Secondo quanto afferma il procuratore egiziano alla Associated Press, il ragazzo mostrava segni di tortura, bruciatura di sigarette, ferite da coltello e segni di una morte "lenta e dolorosa". Ma il direttore dell'Amministrazione generale delle indagini di Giza aveva detto che "le indagini preliminari parlano di un incidente stradale e ha smentito che Regeni "sia stato raggiunto da colpi di arma da fuoco o sia stato accoltellato". Il ministro degli

Luana non c’è più: “Cervelli in fuga” rientrano in Italia ma sono vittime di lobby e baroni. Boom di contatti su Facebook

"Con Luana e per Luana Ricca", è il gruppo Fb creato in ricordo di un chirurga italiana di successo in Francia che ritornata in Italia voleva proseguire con la sua carriera. Suicidata per le poche opportunità. Su Facebook più di 3.000 iscritti in 15 giorni con simili esperienze Ritornare in Italia e come "benvenuto" ritrovarsi calpestati e accantonati in scantinati o in ambulatori isolati perchè troppo bravi nel loro lavoro e troppo volenterosi. Questo è l'avviso di tanti giovani medici, spesso "cervelli in fuga" che decidono di ritornare nel proprio paese, che da inizio gennaio si stanno iscrivendo al gruppo Facebook "Con e per Luana Ricca". "In 15 giorni siamo a arrivati a superare i 3.000 membri e ognuno racconta l'esperienza

Partite Iva stabili a novembre: incrementano per le classi anziane si riducono per i giovani

Aperte nuove partite Iva a novembre stabili a 38.607 con una flessione dello 0,1% rispetto allo scorso anno Nello scorso novembre sono state aperte 38.607 partite Iva. Il dato fa registrare una riduzione dello 0,1% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente che presentava una certa stabilità (-0,1%). La ripartizione per natura giuridica indica che il 69,3% delle nuove partite Iva è stato aperto da persone fisiche, il 24,5% da società di capitali, il 5,2% da società di persone. La quota dei "non residenti" e "altre forme giuridiche" ritrae nell'insieme l'1% del totale delle nuove aperture. E' ciò che presentano i dati contenuti nell'Osservatorio sulle partite Iva divulgato oggi dal dipartimento delle Finanze. Dal novembre 2014, c'è stato un notevole aumento di avviamenti