Napoli-Juventus 2-1. Al San Paolo gara quasi perfetta dei ragazzi di Gattuso

I gol di Zielinski e Insigne nel secondo tempo regalano la vittoria al Napoli. Gol inutile della Juve al 90' con Ronaldo NAPOLI (4-3-3): Meret; Hysaj, Manolas, Di Lorenzo, Mario Rui; Fabian Ruiz, Demme (69' Lobotka), Zielinski (81' Elmas); Callejon, Milik (90' Llorente), Insigne. All. Gennaro Gattuso JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Bentacur, Pjanic (50' Rabiot), Matuidi (72' Douglas Costa); Dybala (72' Bernardeschi), Higuain, Ronaldo. All. Maurizio Sarri MARCATORI: 63' Zielinski (N), 86' Insigne (N), 90' Ronaldo (J) ARBITRO: Maurizio Mariani (Aprilia) Nel posticipo della 21esima giornata del campionato di Serie A il Napoli batte la capolista Juventus 2-1 al San Paolo, al termine di una gara quasi perfetta dei ragazzi di mister Gattuso. La vittoria arriva grazie ai gol di

Serie A, il Napoli affronta al San Paolo la Juve capolista

Squadre in campo alle ore 20.45. Gattuso costretto ancora a fare a meno di Koulibaly, Ghoulam, Allan, Mertens. Rientra Maksimovic, che però dovrebbe partire dalla panchina. Juve senza Chiellini, Danilo e De Sciglio Napoli, 26 gennaio – Il Napoli affronta la Juventus nel posticipo della 21esima giornata del campionato di Serie A. I Bianconeri guidati dall'ex Maurizio Sarri arrivano al San Paolo da capolisti, mentre gli Azzurri a questo punto della stagione si ritrovano, al contrario di ogni aspettativa a inizio campionato, nella parte destra della classifica: cioè non lontani dalle squadre che lottano per non retrocedere. L'ultima prova in campionato della squadra di Gattuso è stata pessima, partita vinta 2-0 dalla Fiorentina proprio al San Paolo. In Coppa Italia si

Juventus-Napoli. Alla seconda di campionato è già tempo della sfida delle sfide

Squadre in campo alle ore 20.45 allo Juventus Stadium. Migliorano le condizioni di Sarri che però non sarà in campo, così come l'infortunato Chiellini. Nel Napoli invece assente Milik Siamo solo alla seconda di campionato ma è già tempo della sfida delle sfide, il big match per eccellenza della Serie A. È tempo di Juventus-Napoli, una delle gare più sentite negli ultimi anni. Presto per parlare di sfida scudetto, ma la partita vedrà sicuramente in campo due delle squadre (insieme all'Inter, ndr) che lotteranno fino alla fine per il titolo. Juventus e Napoli si affrontano all'Allianz Stadium a partire dalle ore 20.45. In campo per la Juve non ci saranno né Sarri né Chiellini. L'allenatore ex Napoli è in miglioramento ma

Napoli-Juventus 1-2. I bianconeri volano a più 16 in classifica

Al San Paolo gol di Pjanic ed Emre Can. Risponde Callejon per il Napoli, mentre Insigne viene fermato dal palo su rigore NAPOLI (4-4-2): Meret; Malcuit (1'st Mertens), Maksimovic, Koulibaly, Hysaj; Callejon (32'st Ounas), Allan, Ruiz, Zielinski; Insigne, Milik (27'pt Ospina). Allenatore: Ancelotti. JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Cancelo (17'st De Sciglio), Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bernardeschi (40'st Dybala), Matuidi, Pjanic, Emre Can; Mandzukic (24'st Bentancur), Ronaldo. Allenatore: Allegri. MARCATORI: 28'pt Pjanic (J), 39'pt Emre Can (J), 16'st Callejon (N). ARBITRO: Rocchi. Nel big match che ha chiuso la 26esima giornata del campionato di Serie A la Juventus ha battuto per 2-1 il Napoli al San Paolo, grazie ai gol di Pjanic ed Emre Can. Un successo che permette ai bianconeri di rafforzare la supremazia in campionto

Napoli-Juventus. Al San Paolo il big match che chiude la 26esima giornata di Serie A

Squadre in campo stasera alle ore 20.30. Milik e Ronaldo, entrambi in settimana non al meglio delle condizioni fisiche, saranno regolarmente sul terreno di gioco Napoli, 3 marzo – Il Napoli ospita al San Paolo la capolista Juventus per il posticipo che chiude la 26esima giornata del campionato di Serie A. I bianconeri sono avanti in classifica di tredici lunghezze, un gap impossibile da colmare per gli Azzurri, anche vincendo la partita di stasera. Il match però regalerà sicuramente spettacolo, perché Napoli-Juve è la sfida tra due acerrime nemiche. Un incontro che è sempre molto sentito sia nell'ambiente partenopeo che in quello bianconero. Anche a corto di motivazioni il divertimento, per tale ragione, sarà assicurato. Le due squadre vivono un momento

Juve-Napoli, all’Allianz Stadium la sfida tra due stelle del calcio italiano

Squadre in campo stasera alle ore 18. I punti che separano le due formazioni sono solo tre, per alcuni è già sfida scudetto Napoli, 29 settembre - Dopo il successo nel turno infrasettimanale col Parma, Il Napoli scenderà in campo questa sera all’Allianz Stadium per l’importantissima gara con la Juventus. Solo tre i punti che separano le due formazioni, per qualcuno è già sfida scudetto. I bianconeri possono tentare la fuga, mentre gli Azzurri di mister Ancelotti sperano nell’aggancio. L’anno scorso, il Napoli, vincendo a Torino con un gol di Koulibaly aveva lo scudetto a portata di mano. Ma dopo quella vittoria la squadra allenata da Sarri si perse cadendo a Firenze. A fine campionato a gioire furono i bianconeri, che

Juve-Napoli 0-1. Gli Azzurri si portano a -1 in classifica, ora lo scudetto è più vicino

Il Napoli vince all’Allianz Stadium grazie a un gol di Koulibaly JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Howedes, Benatia, Chiellini (dall'11' p.t. Lichtsteiner), Asamoah; Khedira, Pjanic, Matuidi; D. Costa (dal 26' s.t. Mandzukic), Higuain, Dybala (dal 1' s.t. Cuadrado). All. Allegri. NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan (dal 35' s.t. Rog), Jorginho, Hamsik (dal 22' s.t. Zielinski); Callejon, Mertens (dal 16' s.t. Milik), Insigne. All. Sarri. MARCATORE: Koulibaly al 45' s.t. ARBITRO: Rocchi di Firenze. Torino, 22 aprile – Il Napoli batte 1-0 la Juventus all’Allianz Stadium di Torino grazie a un gol di Koulibaly al 90’ e si porta a -1 in classifica a quattro giornate dal termine del campionato. Quando tutti si aspettavano il pari è arrivato lo stacco di testa di Kalidou

Napoli, cumuli di rifiuti e cassonetti strabordanti

A Mergellina, "sul lungomare più bello del mondo", il ritorno della monnezza aspettando il big match di questa sera Napoli, 22 aprile - Cassonetti strabordanti di rifiuti e cumuli di buste della spazzatura sui marciapiedi, in pieno centro cittadino, a due passi dall'imbarco degli aliscafi a Mergellina. Scene che non si vedevano da tempo e che non avremmo voluto vedere più. Oggi è la Giornata mondiale della Terra e la ricordiamo con un monumento alla inciviltà e alla cattiva gestione del servizio di nettezza urbana che tra mille difficoltà, in questi ultimi anni, comunque aveva in qualche modo retto. Sul lungomare, come in una sagra di paese, tra trenini festanti e palloncini colorati, sui marciapiedi occupati da bancarelle di merce contraffatta e venditori abusivi

Juve-Napoli. All’Allianz Stadium la partita che può decidere il campionato

Squadre in campo alle ore 20.45. Azzurri obbligati a vincere per portarsi a -1 in classifica dalla Juve, quando mancano ormai poche gare al termine della stagione Napoli, 22 aprile – Juventus e Napoli si sfideranno questa sera all’Allianz Stadium di Torino a partire dalle ore 20.45. Manca ormai poco alla partita più importante, quella che può decidere le sorti del campionato. Il Napoli è chiamato a vincere per recuperare il gap in classifica: la banda Sarri con una vittoria ha l’occasione di portarsi a -1, a poche gare dal termine della stagione. È una partita determinante per gli Azzurri, un grande obiettivo da centrare. Gli uomini di Sarri sanno che la Juve dovrà vedersela anche con Inter e Roma, due

Serie A, al San Paolo il big match tra Napoli e Juve

Squadre in campo questa sera alle ore 20.45 davanti a un San Paolo tutto esaurito. Un solo dubbio di formazione per Sarri, chiamato a scegliere tra Maggio e Mario Rui. Nella Juve, Allegri, lascia a casa Mandzukic e Howedes, ma convoca Higuain, Cuadrado e Bernardeschi Napoli, 1 dicembre – L'attesta sta per finire: questa sera Napoli e Juve scenderanno in campo al San Paolo per uno dei match più attesi del girone di andata. Sfida scudetto tra gli Azzurri, che sono saldamente in testa alla classifica con 38 punti, e i campioni in carica, terzi con 34 punti. Se la banda Sarri battesse i bianconeri si porterebbe a sette lunghezze di distanza, viceversa la formazione di Allegri accorcerebbe a una sola

#VentiRighe – La Repubblica, covo di juventini

Finalmente sappiamo qual è una delle centrali mediatiche del tifo juventino Si annida senza filtri nella redazione del quotidiano la Repubblica, che con gli Agnelli, Allegri e compagnia bella, coltiva evidentemente un feeling speciale. I redattori hanno preparato per tempo la celebrazione del sesto scudetto in bianconero e si sono guardati bene dal sollevare dubbi sulla sconfitta con la Roma che ha precluso al Napoli con un meritatissimo secondo posto, l’accesso diretto alla Champions League. La redazione sportiva di Repubblica ha evitato con faziosa continuità di ammettere che il Napoli, avesse evitato un paio di distrazioni, avrebbe meritato di vincere il campionato e che se lo ha vinto la Juventus, oltre ai suoi indubbi meriti, si deve all’opportunismo del tecnico che in

De Laurentiis fa gli auguri di Pasqua ai tifosi del Napoli e avverte la Juve: “Stiamo arrivando”

Il bilancio del presidente del Napoli finora è positivo: “Abbiamo gli stessi punti dello scorso anno, nonostante abbiamo giocato la Champions e non l'Europa League” Napoli, 16 aprile – “Per lo scudetto stiamo arrivando, un passo alla volta”. Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, dai microfoni di Radio Kiss Kiss manda un chiaro messaggio alla Juventus e traccia un bilancio della stagione, parlando anche in termini ottimistici del futuro. “Il Napoli – ha spiegato De Laurentiis – sta disputando una grande stagione, abbiamo gli stessi punti dello scorso anno, quando chiudemmo con il record di 82 punti, questo questo nonostante abbiamo giocato la Champions e non l'Europa League, quindi con maggiore dispendio di energie psicofisiche e nonostante l'infortunio di Milik. Abbiamo

3 a 2 del Napoli al San Paolo e lezione di buon calcio a una Juve barricadera

La grande Juve si fa piccola, piccola e risponde all’assalto del Napoli con una disposizione tattica dell’uno, cinque, quattro, iper difensivo Allegri è preda della paura, fuori dell’area a lui consentita si sbraccia, urla come un ossesso, si danna. Se potesse metterebbe in campo undici guastatori e comunque tutta la boria di prima della classe svanisce sotto la pressione degli azzurri. La certezza, o quasi, è che con altri dieci minuti oltre il novantesimo, l’impresa degli azzurri si sarebbe conclusa con la parità tra gol fatti e subiti, tempi supplementari e un chiaro pronostico dalla parte del Napoli per l’esito finale. Non è andata così, ma il tre a due che ridimensiona la fama dei bianconeri inorgoglisce Sarri e i

Napoli-Juventus 3-2. Hamsik e compagni col cuore, ma non basta. Juve in finale

Nel Napoli a segno Hamsik, Insigne e Mertens. Nella Juventus doppietta dell'ex Gonzalo Higuain NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski (dal 36' s.t. Allan), Diawara, Hamsik (dal 30' s.t. Pavoletti), Callejon, Milik (dal 15' s.t. Mertens), Insigne. All. Sarri JUVENTUS (4-2-3-1): Neto; Dani Alves, Bonucci, Benatia, Alex Sandro; Rincon (dal 25' s.t. Pjanic), Khedira; Cuadrado, Dybala (dal 30' s.t. Barzagli), Sturaro (dal 40' Lemina); Higuain. All. Allegri MARCATORI: Higuain (J) al 32' p.t. e al 14' s.t.; Hamsik (N) all'8', Mertens (N) al 16', Insigne al 21' s.t. ARBITRO: Banti di Livorno Napoli, 5 aprile – Il Napoli batte la Juventus 3-2 nella semifinale di ritorno di Coppa Italia ed esce a testa alta dalla competizione. La Juve, che all'andata aveva vinto 3-1,