Sancita la pace tra Letta e Renzi, le “intese striminzite” andranno avanti fino al 2015

Avanti tutta con il "governo del fare". Questo il responso ufficiale dell'incontro tutto interno tra Matteo Renzi, nuovo leader del Pd, ed Enrico Letta attuale premier. Le simpatie del segretario del Pd per questo governo di coalizione, lo si sapeva già, non erano molto forti. Letta ha così incontrato Renzi intorno alle 8,30 del mattino del 10 gennaio, da questo incontro i due hanno trovato un accordo che parrebbe, almeno da quanto dichiarato poi, solido e senza secondi fini. Alla fine a cedere è stato, dunque, Matteo Renzi che già aveva dato la fiducia al governo il mese scorso e che ora è deciso a marciare con Letta fino alla primavera del 2015. Inizialmente, in molti, tra i quali lo stesso

Il Cavaliere lancia avvertimenti al suo partito ed al governo, a rischio le larghe intese

Roma, 13 novembre - La spaccatura interna al Pdl si è ormai aggravata a dismisura a pochi giorni dal Congresso nazionale. Due giorni fa Silvio Berlusconi ha avuto un incontro con i "baby falchi", organizzato da Daniela Santanchè nella nuova sede romana di Forza Italia. Il Cavaliere parla chiaro ai suoi giovani discepoli: è preoccupato per la sua decadenza e, nel caso questa sarà votata, sarà la fine per il governo delle larghe intese. Lancia anche degli avvertimenti rivolti al suo partito, soprattutto a coloro che hanno provocato la spaccatura. Ecco le parole di Berlusconi: "Da noi ci sono i cinque ministri che amano fare i ministri, 'diversamente’, ci sono i senatori che godono del titolo nobiliare di senatori che, dopo sette mesi,

PD, PDL, M5S e il pasticciaccio del Governo di Larghe Intese con il condannato Berlusconi. Le Agenzie di ore concitate

Grillo, elezioni e Napolitano si dimetta Il M5S vuole far saltare il banco (ANSA) - ROMA, 22 AGO - ''Il M5S vuole fare saltare il banco. Alle elezioni subito, con buona pace di Napolitano che dovrebbe dimettersi quanto prima''. Cosi' Beppe Grillo dal suo blog. "L'Italia non ha più tempo per dei giochetti, per le cazzate, per le ''quattro o cinque cose da fare insieme'' che non si faranno mai. Il M5S vuole fare una sola cosa, una sola, mandarli a casa...Bisogna tornare alle urne al più presto possibile. Ogni voto un calcio in culo ai parassiti e incapaci che hanno distrutto il Paese''. Letta al Colle, riferito su situazione Discusso anche delle prospettive della situazione di governo (ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il