Crisi di Governo ed elezioni, de Magistris: “Pronti a scendere in campo”

Il sindaco in un post su Facebook parla della crisi di governo e annuncia che in caso di elezioni è “pronto a portare l'alternativa”. Parla al plurale il primo cittadino, ma non ha mai detto che si candiderà, considerando che il suo mandato da sindaco termina nel 2021 e che nel 2020 ci saranno le elezioni regionali in Campania “Nel pieno di un agosto di fuoco il Governo è scoppiato. Sembra imminente la consumazione definitiva di un’esperienza politica e di governo complessivamente dannosa per la tenuta democratica del nostro Paese. Se il Presidente della Repubblica, garante degli equilibri costituzionali, dovesse ad un certo punto maturare, invece, la scelta dello scioglimento della Camera e del Senato, ritengo sia venuto il  nostro momento

Governo, Salvini apre la crisi: “Non c’è più una maggioranza”. Conte: “Salvini spieghi le ragioni”

Il leader della Lega Matteo Salvini: “Inutile andare avanti a colpi di 'no' e di litigi, come nelle ultime settimane”. Luigi Di Maio (M5s): “La Lega ha preso in giro gli italiani. Noi pronti al voto, ma prima il taglio di 345 parlamentari”. Esultano le opposizioni, con il Partito Democratico e Forza Italia che chiedono il voto “L’ho ribadito oggi al presidente Conte: andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori”. Con queste parole il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini nella giornata di ieri ha aperto la crisi di Governo. “Inutile andare avanti a colpi di 'no' e di litigi, come nelle

Si candida con una lista di centrodestra alle Comunali di Marano, l’Afro Napoli la mette fuori squadra

La calciatrice Titty Astarita è stata messa fuori squadra perché candidata in una lista civica di centrodestra alleata della Lega Nord alle Elezioni Comunali di Marano. L'Afro Napoli United in un comunicato: “Non è compatibile con il nostro progetto” Napoli, 15 ottobre – Messa fuori squadra perché candidata in una lista civica di centrodestra che sostiene, come la Lega Nord, Rosario Pezzella alle Elezioni Comunali di Marano. È quanto successo a Titty Astarita, capitano dell'Afro Napoli United, squadra multietnica che milita nel campionato di Eccellenza femminile. I dirigenti della società ritengono che la candidatura di Astarita, in una coalizione dove c'è anche la Lega, non sia compatibile con i principi del Club, che da anni apre le porte ai calciatori extracomunitari. “L'Afro-Napoli

Lega, de Magistris su Fb: “Grave che un partito sfugga ai magistrati e debba essere inseguito”

Il sindaco, con un post su Facebook, commenta le dichiarazioni di Matteo Salvini in merito all'inchiesta per rimborsi elettorali non dovuti dal 2008 al 2010, a seguito della quale oggi il tribunale del Riesame ha accolto il ricorso della procura di Genova e confermato il sequestro di fondi, stimata in 49 milioni di euro, per truffa ai danni dello Stato “È molto grave che un partito intero sfugga ai magistrati e debba essere inseguito perché in questa fase procedimentale ritenuto responsabile di aver sottratto ai cittadini italiani 49 milioni di euro. È grave perché il leader di quel partito ci sta abituando ogni giorno a sentirgli dire: Prima gli italiani”. Così su Facebook il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in

Vincenzo De Luca contro il governo M5s-Lega guidato da Conte: “Sono preistoria”

“Parlano di governo del cambiamento ma nell’esecutivo metà dei ministri vengono dalla preistoria”, ha affermato il governatore durante il consueto monologo sull’emittente salernitana Lira Tv L’Italia a quasi 90 giorni dal voto del 4 marzo ha un governo. L’esecutivo, guidato da Giuseppe Conte, è nato dall’accordo tra Movimento 5 Stelle e Lega. A Luigi Di Maio (M5s) e Matteo Salvini (Lega Nord), entrambi vice-premier, andranno rispettivamente il Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico e il Ministero dell’Interno. 18 in totale i ministri (di cui 5 donne) che hanno giurato quest’oggi davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Critico sul nuovo esecutivo il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che durante il consueto monologo settimanale sull’emittente salernitana Lira Tv, ha

Accordo M5S-Centrodestra: Fico presidente della Camera, al Senato c’è Casellati

Roberto Fico (M5S) ed Elisabetta Alberti Casellati (FI) sono i nuovi presidenti di Camera e Senato Regge l’accordo per i presidenti della Camere tra il Movimento 5 Stelle e il Centrodestra: il nuovo presidente della Camera dei Deputati è Roberto Fico, parlamentare campano del Movimento 5 Stelle ed ex presidente della Commissione di Vigilanza Rai; Elisabetta Alberti Casellati, avvocato esperta in diritto canonico ed ecclesiastico, eletta nelle fila di Forza Italia, è la prima donna presidente del Senato. Fico è stato eletto con 422 voti (su 620), 70 in meno da quelli previsti dal ‘patto’, perché il totale dei gruppi di Centrodestra e M5S tocca quota 492. Inferiore, invece, lo scarto per l’elezione di Casellati al Senato: la senatrice azzurra è

Elezioni politiche 2018, tutti gli eletti al Parlamento in Campania

Gli eletti alla Camera dei Deputati e al Senato in Campania. Grande successo dei Cinque Stelle, con 40 deputati e 20 senatori. Flop Pd, con 6 deputati e 3 senatori. Per il Centrodestra 12 eletti alla Camera e 6 al Senato Napoli, 6 marzo – A 48 ore dal termine delle Elezioni politiche 2018 si sta delineando il quadro degli eletti in Parlamento che erano candidati in Campania. Nella nostra Regione si assegnavano 60 seggi alla Camera e 29 al Senato. Negli uninominali ha stravinto il Movimento 5 Stelle, con la conquista di 32 collegi su 33: solo in quello di Agropoli ha prevalso il Centrodestra. I Cinque Stelle portano a Roma 40 deputati su 60 e 20 senatori su 29.

#VentiRighe – Siorini (Noi con Salvini), uno da album fotografico di Lombroso

Osservate con attenzione la fotografia dell’ominide al fianco di Salvini. Non è forse compatibile con il campionario di subumani messo insieme con pazienza scientifica da Lombroso? Nessun dubbio, sì. Il leghista, all’anagrafe Saverio Siorini, segretario della Lega di San Giovanni Rotondo, esponente foggiano di “Noi con Salvini”, ha osato parlare, non avendone evidentemente diritto. In riferimento all’orrenda violenza subita da una giovane turista sulla spiaggia di Rimini, stuprata da quattro malviventi, ha manifestato la seguente riflessione, che esistesse il carcere per scempiaggini immonde lo avrebbe dovuto accolto e ospitato a lungo: “Ma alla Boldrini e alle donne del Pd quando dovrà succedere?... Auguro una castrazione chimica a tutti gli stupratori e la rabbia del popolo a tutti i complici del Pd”. Ma c’è davvero una parte

#VentiRighe – Senza via d’uscita nel labirinto del politichese

Renzi e Berlusconi hanno firmato un patto elettorale di non belligeranza? La politica gioca a rimpiattino con la realtà e per nasconderla meglio la confina nell’angolo più remoto di un labirinto inestricabile. Per esempio: nel segreto di incontri clandestini in campo neutro, Renzi e Berlusconi hanno firmato un patto elettorale di non belligeranza, per antagonizzare la marcia su palazzo Chigi dei pentastellati? Così fosse, gli elogi periodici dell’ex cavaliere e di suoi alter ego al segretario Pd lo confermerebbero. Ha invece fondamento l’ultima esternazione dell’uomo di Arcore che definisce inquietante e improponibile un’alleanza con il Pd e si descrive in forma per scendere di nuovo in campo? Sarò padre nobile, aggiunge con disprezzo per l’umiltà “quando avrò l’età adeguata”. A novanta, cento

Ius soli, al Senato si scatena il parapiglia. Costretta alle cure dell’infermeria la ministra Fedeli

Fedeli avrebbe preso una botta vicino a una sedia, quando alcuni senatori leghisti sono arrivati fra i banchi del Governo Roma, 15 giugno – Bagarre al Senato nel giorno in cui il provvedimento sullo ius soli è tornato a Palazzo Madama, con la ministra all'Istruzione Valeria Fedeli costretta alle cure dell'infermeria, per una botta vicino una sedia che la stessa avrebbe preso quando i senatori leghisti, contrari al ddl, sono arrivati fra i banchi del Governo. Il leghista Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord, ha dovuto chiedere alla buvette una busta con cubetti di ghiaccio, dopo essersi fatto male alla mano e al ginocchio durante una colluttazione con altre persone, tra cui alcuni commessi. Centinaio protestava perché chiedeva di parlare.

De Magistris: “Salvini non è il nuovo. Come Comune di Napoli abbiamo fatto di tutto affinché la situazione non degenerasse”

Il segretario leghista: “Sindaco bizzarro” “Attenzione a considerare Matteo Salvini il nuovo”, esordisce così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, quest'oggi ospite ai microfoni su Raitre, a In mezz'ora di Lucia Annunziata. “Salvini ha governato con Berlusconi, ha tagliato le risorse ai Comuni. Napoli è sicuramente un'esperienza nuova, dove cerchiamo di coniugare rivoluzione e affidabilità di governo”, ha aggiunto il primo cittadino. De Magistris, a proposito della visita del segretario leghista a Napoli, ha spiegato: “Non abbiamo detto mai no alla manifestazione di Salvini a Napoli, abbiamo detto solo che non avremmo concesso la Mostra d'Oltremare. Poi è legittimamente intervenuto il ministro dell'Interno, ma ancora oggi credo che sarebbe stato meglio spostare l'evento. Potevamo convenire su una soluzione equilibrata, far fare

Bossi su Salvini: “La Lega nazionale? Roba da cogl…”

Continuano i contrasti e le diversità di vedute sul futuro della Lega Nord da parte dl presidente del Carroccio, Umberto Bossi, e del segretario Matteo Salvini. Il senatùr: “Salvini non prenderà voti a Napoli” “La Lega nazionale? Una roba da cogl...”. Lo ha affermato in un'intervista al Corriere della Sera il senatore e presidente della Lega Nord, Umberto Bossi, commentando l'intervento del segretario leghista Matteo Salvini a Napoli (vai all'articolo). “Di voti – ha aggiunto Bossi – a Napoli Salvini non ne prenderà. Al Sud la gente non dice: guarda come è cambiata la Lega. Dirà: guarda che casino quando viene la Lega, meglio che se ne resti lassù. Ma non credo che Salvini vada a Napoli per i voti. Va

Salvini: “Denuncio de Magistris. La prossima volta manifestazione a Piazza del Plebiscito”

Il leader leghista sfida il sindaco de Magistris e incalza i suoi al grido di “prima gli italiani” Napoli, 11 marzo – “È scandaloso che un ex magistrato sfortunatamente sindaco, spero ancora per poco, si permetta di decidere chi può e chi non può venire a Napoli”. Lo ha affermato il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, quest'oggi presente alla Mostra d'Oltremare per la manifestazione di Noi con Salvini, movimento con cui quest'ultimo cerca di conquistare voti al Sud. A chi gli fa presente che de Magistris non ha preso parte al corteo di protesta per la sua presenza, Salvini replica che a lui basta quello che il sindaco ha dichiarato nei giorni scorsi. “Quello che ha dichiarato in questi giorni

Salvini a Napoli, de Magistris: “La Mostra d’Oltremare non è luogo idoneo”

Continuano le polemiche a distanza tra de Magistris e Salvini, con il sindaco stizzito dalla decisione del Viminale e Prefettura di ordinare ai vertici della Mostra d'Oltremare di mettere a disposizione la struttura Napoli, 11 marzo – “È stato ordinato ai vertici della Mostra d'Oltremare da parte del Governo di mettere a disposizione per Salvini la struttura. Un atto senza precedenti: ci obbligano a dare le chiavi della Mostra e in questo momento non ne disponiamo più”. Lo ha affermato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando l'atto di imperio della Prefettura di Napoli per permettere la manifestazione di Noi con Salvini. “Questo – ha aggiunto de Magistris – sembra come i provvedimenti fatti al tempo dell'emergenza rifiuti con le discariche.