Assemblea Whirlpool, accordo disatteso per i 430 operai di via Argine

Giovanni Sgambati, segretario generale Uilm Campania, "se il Governo non è in grado di far recedere una multinazionale è un Governo inutile" Napoli, 3 giugno - E' forte tra i lavoratori della Whirlpool la preoccupazione per il futuro. L'azienda venerdì scorso ha annunciato la cessione del sito di via Argine a Napoli. Sono 430 gli operai che hanno perso per la decisione del management di delocalizzare. E da venerdì si susseguono i presidi, anche di notte. Whirlpool venderà a una società terza "in grado di garantire la continuità industriale allo stabilimento di Napoli", ma così facendo il Piano industriale Italia 2019-2021, sottoscritto con il ministero appena sette mesi fa, diviene carta straccia. In un comunicato stampa l'azienda ribadisce che l'Italia resta strategica per

Furbetti assenteisti, licenziati in tronco sei custodi della Reggia di Caserta

La decisione ad opera del Mibact senza aspettare il processo Caserta, 5 agosto - Applicando la legge Madia, il Ministero dei Beni culturali ha deciso di licenziare in tronco, senza attendere il processo, sei custodi della Reggia di Caserta considerati assenteisti. L'indagine che li ha coinvolti, come ricostruisce Il Mattino, è stata avviata a seguito di alcuni furti verificatisi nell'agosto 2016. Furti di beni di poco valore - fu svaligiata la buvette e sparirono due biciclette - ma che misero in evidenza della falle nella sicurezza visto che nessuno si accorse dei ladri perché i custodi non erano al loro posto davanti ai monitor. Una situazione che fece scattare gli accertamenti nei loro confronti da parte della polizia. E le microcamere degli investigatori

Comdata annuncia la chiusura del sito di Pozzuoli, a rischio 60 lavoratori. I sindacati proclamano uno sciopero

Dopo il via della cassa integrazione a zero ore per 363 addetti ad Ivrea in provincia di Torino ora la decisione di chiudere i siti di Pozzuoli e Padova. Proclamato per lunedì 7 maggio, dalla Slc Cgil - FISTel Cisl - e Uilcom Uil lo sciopero con assemblea di 2 ore con i lavoratori di Pozzuoli Nuove complicazioni arrivano per i lavoratori di Comdata Group, una multinazionale operante nel settore dei servizi alle imprese nelle aree dell'assistenza clienti, della gestione dei processi di back office e di gestione del credito. Dopo il via della cassa integrazione a zero ore per 363 addetti ad Ivrea in provincia di Torino, ora l'azienda comunica la chiusura di due siti, Pozzuoli provincia di Napoli e Padova. "Ostacoleremo

Asl Napoli 2 Nord licenzia 4 medici

I professionisti avevano percepito indebitamente compensi da strutture sanitarie private   Napoli, 13 gennaio - La Asl Napoli 2 Nord ha dichiarato cessato il contratto di lavoro con tre medici di famiglia e un medico della medicina dei servizi che avevano ricevuto indebitamente compensi da strutture private. L'iter - spiega l'Azienda in una nota - aveva preso il via lo scorso luglio a seguito degli abituali controlli che il Servizio Ispettivo Amministrativo dell'ASL, in base a quanto previsto dalle norme, effettua annualmente su un campione casuale del 5% dei dipendenti e dei professionisti convenzionati. In quell'occasione gli ispettori dell'ASL, avvalendosi della banca dati dell'Agenzia delle Entrate, avevano verificato che i professionisti avevano percepito compensi da strutture sanitarie private, in contrasto con quanto previsto dal

Its Lab, entro fine anno 91 dipendenti rischiano il licenziamento

I lavoratori sollecitano l’apertura di un tavolo di confronto inter-istituzionale Its Lab, l'azienda di informatica e telecomunicazioni insediata dal 2008 nell'area dell'ex stabilimento Dalmine di via Terragneta a Torre Annunziata, ha avviato la procedura di licenziamento collettivo, notificata il 14 novembre scorso ai lavoratori. Entro fine anno 91 dipendenti su 118 rischiano il licenziamento. Si tratta di personale altamente qualificato, tra matematici, fisici ed ingegneri,  ora in stato di agitazione permanente per difendere il proprio lavoro. Chiedono l'attivazione di un tavolo di concertazione con le Istituzioni ed il ritiro immediato da parte dell'azienda della procedura di licenziamento. Circa otto mesi di stipendi arretrati e una crisi che viene da lontano, esattamente dal 2008 con la richiesta da parte della Its di ammortizzatori sociali per 30 lavoratori su 250.

Operai protestano per licenziamento salendo su impalcatura di Palazzo Reale

Vertenza Hitachi, ex Ansaldo. Supplica a San Gennaro dei lavoratori non riassorbiti dall'azienda Napoli, 19 settembre - Quattro operai impiegati con ditte dell'indotto per diversi anni nello stabilimento Hitachi, ex Ansaldo, e non coinvolti nel piano di assunzione della nuova proprietà, sono saliti su un'impalcatura di Palazzo Reale in piazza del Plebiscito a Napoli esponendo uno striscione con una 'supplica' a San Gennaro, santo patrono della città di cui si celebra oggi la ricorrenza. Un operaio ha minacciato di lanciarsi nel vuoto da Palazzo reale, disperato per il licenziamento dopo 25 anni di lavoro. FOTO: tratta da ansa.it

Napoli: Almaviva Contact, i lavoratori occupano la sede

A rischio licenziamento 845 dipendenti della sede napoletana. L'azienda ha deciso di chiudere le sedi di Napoli e Roma, per un totale di 2.511 persone Napoli, 26 novembre - Protestano i lavoratori di Almaviva Napoli: i dipendenti, a rischio licenziamento per la decisione dell'azienda di chiudere le sedi di Napoli e Roma, per un totale di 2.511 persone, di cui 845 nel capoluogo partenopeo, hanno occupato la sede dell'azienda. Stamane i lavoratori, con mogli, mariti e figli al seguito, si erano dati appuntamento per un sit-in di protesta ma la situazione si è surriscaldata quando è stato tolto loro uno striscione con la scritta "Almaviva Napoli non si tocca". Un gruppo di dipendenti ha quindi occupato la sede, riprendendo lo striscione ed

Io sto con Daniela! Licenziata dopo un post su Facebook

É arrivata a quasi 2800 firme la petizione per far riavere il lavoro a Daniela Ciampa, licenziata ingiustamente dalla sua azienda Accade a Nichelino, in provincia di Torino: Daniela Ciampa lavorava come addetta alla mensa scolastica, ma è stata licenziata dopo aver condiviso in un post su Facebook le giuste lamentele dei genitori per il servizio davvero scadente. Nel purè servito dalla mensa ai bimbi delle elementari, infatti, sono stati trovati degli insetti. Mamma di due bambini, di cui uno gravemente malato, Daniela ha commentato l’accaduto come avrebbe fatto qualsiasi altro genitore al suo posto. Ora si ritrova senza lo stipendio che aiutava lei e la sua famiglia ad arrivare a fine mese. E’ giusto licenziare una dipendente che denuncia un così

Rischio licenziamento alla Coin: i lavoratori chiedono solidarietà ai clienti

I lavoratori chiedono ai clienti di non entrare in negozio (ANSA) - SALERNO, 10 GEN - "Stiamo invitando i nostri clienti a non entrare alla Coin da oggi e fino a lunedì per sostenerci nella nostra battaglia". Davanti l'ingresso delle sede salernitana, su Corso Vittorio Emanuele, tredici dipendenti della Coin stanno portando avanti la loro protesta in vista di un "probabile licenziamento". Al momento, al loro posto, stanno lavorando colleghi della filiale di Napoli. "Rimarremo qui fino a dopodomani quando, alle ore 12, ci sarà un incontro in Prefettura", sostengono. FOTO: tratta da ANSA.it