#VentiRighe – Oltre i limiti della libertà

Ogni forma di spionaggio, nell’accezione più ampia del termine, equivale a un’illecita negazione delle libertà individuali e collettive Aggravante di questa ingerenza, qualunque sia l’obiettivo che si pone, è l’hakeraggio, chance di micidiali ladri informatici che rubano informazioni su istituzioni, segreti di Stato, obiettivi sensibili come le banche, persone che rivestono ruoli pubblici o incarichi riservati e perfino soggetti senza particolare interesse spionistico. Fonti militari hanno rivelato che aerei con apparecchiature speciali, dall’alto dei cieli che sorvolano, riescono a leggere articoli di quotidiani dei soggetti sulla Terra. Google Heart, incredibile, ma vero, ha catturato con le sue telecamere ogni casa, montagna, fiume, monumento del mondo. In ultimo, l’umanità sta sottovalutando i rischi della diffusione senza limiti dei droni, che in possesso

Per la CNN la stazione Toledo di Napoli è la più bella d’Europa

Milano, Berlino e Madrid superano Londra in termini di fascino Napoli 18 febbraio - La stazione metropolitana di Toledo, a Napoli, già premiata a Londra nel 2013 per l'innovazione del design e dell'architettura, come stazione più bella d'Europa, torna a far parlare di sé. Secondo la recente classifica delle stazioni metropolitane d'Europa, stilata dalla rete di informazione americana CNN, Toledo si aggiudica il primo posto, avanti anche a quella di Westiminster a Londra, che è al quinto posto e a quella del Royal Musèe du Louvre a Parigi, al nono. La CNN spiega i fattori da prendere in considerazione nella redazione della classifica, tra cui l'estetica, la modernità e l'efficienza. Persino Milano, Berlino e Madrid superano Londra in termini di fascino, secondo la rete

Joele era un italiano a Londra

Joele Leotta era uno dei 209.000 italiani che vivono attualmente nel Regno Unito. Era un ragazzo, come tanti, che aveva deciso di lasciare la provincia di Lecco per trovare fortuna in Inghilterra, nella contea di Kent, a Medistone precisamente. Lì aveva trovato lavoro come cameriere nella pizzeria Vesuvius, gestita da una napoletana, ed era stato accolto con tanto entusiasmo e lì aveva scoperto una nuova casa. Ma dopo solo sette giorni dal suo arrivo ha trovato tutt’altro. Ha trovato la morte. Domenica sera verso le 11 un gruppo di balordi ha fatto irruzione in casa sua uccidendolo. I motivi non sono ancora chiari, probabilmente è stato fatto fuori a calci e pugni solo perché era italiano. La notizia ha stupito e

Terrore a Londra, tifosi napoletani devastano un locale ed aggrediscono a colpi di spranga i clienti

Londra, 02 ottobre - Quello che è successo ieri nel pre-partita di Arsenal - Napoli va oltre ogni concezione di sport, di civiltà e di umanità. Quello che è rimasto nelle strade londinesi è solo un senso di angoscia e terrore nei confronti di persone, se così vogliamo chiamarle, che altro non meriterebbe che il carcere a vita, per insensata violenza ed ignobile ragione. I fatti raccontano di un locale, il "Piebury Corner", completamente devastato da tifosi: vetrine sfondate, tavoli e sedie rotte e persone picchiate e prese a colpi di spranga e cinta. Tutto sotto gli occhi increduli dei clienti che hanno in pochi istanti assistito all'orrore in persona. Le testimonianze parlano di un gruppo di tifosi, chiaramente italiani, che

Pompei vista da Londra, protagonista assoluto della scena al British Museum

"Life and death Pompeii and Herculaneum", la mostra inaugurata al British Museum di Londra lo scorso 28 marzo, in corso fino al 29 settembre, sta registrando il tutto esaurito superando ampiamente le stime iniziali degli organizzatori, pari a 400mila visitatori. L’evento, sponsorizzato da Goldman Sachs, si è materializzato grazie ad una sinergica collaborazione tra la Soprintendenza Archeologica di Napoli e Pompei, che ha messo a disposizione duecentocinquanta oggetti, ed il Team stellare del British Museum composto da: Peter Neve, Bettany Hughes, Mary Beard, Rachel de Thame, Giorgio Locatelli, Paul Roberts e Neil MacGregord. Un successo annunciato dunque, che già dal titolo, "La vita e la morte a Pompei ed Ercolano", ha svelato la geniale intuizione di far rivivere le cittadine romane concentrandosi

WTM Londra, la Regione Campania, da sempre presente alla più importante fiera turistica del mercato europeo.

Londra. Al via, lo scorso 5 novembre, il World Travel Market, evento globale dedicato al turismo, forse il più importante, che si concluderà il giorno 8. ExCel London sta ospitando la manifestazione, giunta alla 33esima edizione, consueto appuntamento che attrae oltre 70 mila professionisti del settore turistico e che ha fatto registrare, nel 2011, contrattazioni per un giro di affari stimato in 1.425.999 sterline (Fonte ENIT). Lo Spazio Italia, una superficie di 1200 mq, realizzato dall'ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, è la piazza affari riservata al nostro Paese. Oltre al settore propriamente espositivo, suddiviso per partecipanti, qui si tengono le conferenze stampa e gli incontri nell'area business. Sono undici le Regioni italiane che condividono l'allestimento all'interno del Padiglione ENIT, e la Campania, anche

Fuga dei giovani dall’Italia: la storia di Angela. Quando i sogni diventano realtà, ma all’estero.

Questa è la storia di Angela e della vacanza che le ha cambiato la vita. È la storia di una ragazza le cui competenze sono state apprezzate all’esterno, non in Italia. Una storia come tante insomma. Ventiquattro anni, in vacanza ad agosto a Londra per assistere alle olimpiadi, insieme alla famiglia. Una ragazza come tante, con tanti sogni nel cassetto, tra cui quello di vivere a Londra, città che ama per tanti motivi. Studentessa di lingue all’Orientale di Napoli, con una conoscenza quasi perfetta dell’inglese, know-how che nonostante tutto non era mai riuscita a sfruttare per cercare lavoro nella sua città. Arriva nella capitale inglese e nel giro di due giorni la sua vita prende una piega completamente diversa. I sogni escono prepotenti

M5S prima forza politica del Paese? Gli USA bocciano la politica estera di Grillo. L’Europa e l’Italia sull’attenti.

Il Movimento 5 Stelle è sotto attacco, da più fronti, su due livelli, uno nazionale e uno internazionale. Le cause sono indubbiamente da ricercare nell’opera degli attivisti del movimento stesso e nell’ingenua politica estera del suo leader carismatico, Beppe Grillo. La struttura orizzontale del Movimento ha mostrato il fianco agli avversari politici italiani e questi hanno colpito duramente, lì dove c’è lacuna di trasparenza e democrazia interna, un vuoto di risposte poste dalla base del Movimento ai vertici (Giovanni Favia, Consigliere Regionale Emilia-Romagna per il M5S, nonché ex uomo di fiducia di Grillo, si lascia andare in un discusso fuorionda registrato a Maggio, ma stranamente reso pubblico solo a Settembre, durante una trasmissione televisiva. I grillini gli contestano di aver concordato

Un viaggio nel cuore di Londra. Dalle sue viuzze alla City, passando per twitter e le olimpiadi.

Misteriosa, coinvolgente, stimolante. Questa è Londra. È la classica città che può fare da sfondo a qualsiasi tipo di vicenda: da quella piena di suspance a quella romantica. Ha la capacità di far innamorare tutti con i suoi monumenti, i suoi musei, i suoi vicoletti. Appena si mette piede sul suolo inglese si sente subito che è tutta un’altra cosa. Londra è una città dai mille volti, brulicante di gente e ricca di cosa da fare. Nell’Ottocento era invasa dal fumo delle ciminiere, che la faceva diventare cupa e grigia. Oggi è rimasta la pioggia che la rende una città unica nel suo genere. Ha due facce: da un lato mostra la sua autorità a la sua regalità essendo la capitale

Le Olimpiadi al tempo della crisi economica e la grande voglia di dimostrare al mondo la capacità del Governo Britannico. Londra vincerà la sua sfida?

Sono iniziate le Olimpiadi e Londra, la città che sta ospitando la manifestazione, dovrà vincere la sfida più grande: pilotare l'evento gestendo i costi durante il periodo di recessione che tutta l'Europa sta vivendo. "Non è importante come organizzi le Olimpiadi, ma il perché”, le parole di Sebastian Coe, leggenda dello Sport inglese, attuale presidente del Comitato Organizzatore di Londra 2012 sono forti: "Saranno un fantastico spot per l’industria, per lo sport e le nostre imprese”, questo il motivo ricorrente. In effetti come avrebbe potuto dire il contrario, ma per il momento, i dati sulle spese pongono molti interrogativi. Secondo il Governo Britannico i costi finiti ammontano a 9,3 miliardi di sterline (pari a 11,7 miliardi di euro) di spesa pubblica, ma