Assalto ai supermercati. De Luca chiude i centri estetici

In tanti in giro con le mascherine ma non si rinuncia al caffè Napoli, 10 marzo - Code ai supermercati anche di notte, un vero assalto agli scaffali sebbene le merci potranno regolarmente viaggiare e i negozi saranno riforniti. File di quasi un'ora per entrare - anche per rispettare la distanza di un metro tra gli utenti - tante richieste di bicchierini monouso per degustare il caffè al bar, volti coperti da mascherine e anche qualche signora dal coiffeur. Napoli, stamattina, si è risvegliata così dopo che tutta l'Italia è diventata 'zona rossa' per l'emergenza Coronavirus. Strade per niente deserte, almeno nella zona a ridosso di piazza Municipio dove tanti sono gli uffici. Chi è in fila al supermercato giura che non

Funicolari, secondo giorno di stop per malattia del personale

Sospeso il servizio al pubblico con ultima corsa delle ore 14.10. si sono ammalati altri tre capiservizio Napoli, 27 novembre - L'Azienda napoletana mobilità informa che le funicolari di Chiaia e Mergellina oggi hanno dovuto sospendere il servizio al pubblico con ultima corsa delle ore 14.10. Anche oggi, come già accaduto ieri dopo la comunicazione del prolungamento dell'orario di esercizio nel week end della funicolare centrale, i capiservizio delle funicolari di Chiaia e Mergellina hanno infatti comunicato all'Anm di non poter lavorare perché ammalati. Si tratta di tre capiservizio diversi da coloro che si erano ammalati ieri. L'Azienda, si legge in una nota, "ha ricevuto la comunicazione intorno alle 12 e si è subito attivata per trovare dei sostituti: i capiservizio delle

Ancora uno stop per la Funicolare di Mergellina

Dopo lo sciopero di venerdì scorso, da sabato la malattia dei capiservizio dell'Anm Napoli, 25 giugno - Quarto giorno di disservizi per gli utenti delle funicolari di Napoli a causa prima dello di sciopero venerdì scorso e poi, da sabato, dello stato di malattia dei capiservizio dell'Azienda napoletana mobilità addetti agli impianti. Oggi la funicolare di Mergellina è chiusa. É stata attivata una navetta bus sostitutiva, la '621', sul percorso (frequenza, ogni 30 minuti). Le altre tre funicolari - Centrale, Chiaia e Montesanto - sono per il momento regolarmente in servizio. Nei giorni scorsi gli impianti, alternativamente, erano stati chiusi per mancanza di personale assente per malattia. Per il personale in malattia, così come nei giorni scorsi, l'azienda ha chiesto all'Inps di effettuare le visite

Heart-Pathway per pazienti cardiaci: il primo progetto multidisciplinare nella cura del cuore

Il 15 e 16 giugno convegno e sessioni di live surgery alla Casa di Cura “San Michele” di Maddaloni I pazienti cardiaci possono avvalersi di nuove metodiche per ottimizzare i risultati clinici grazie al cosiddetto Heart Pathway, il primo progetto di terapia multidisciplinare nella cura del cuore che parte il 15 e 16 giugno con un convegno e sessioni di live surgery alla Casa di Cura “San Michele” di Maddaloni (CE). Si tratta di un approccio innovativo al percorso di cura che vede per la prima volta riuniti diversi specialisti in un Heart Team che prende in carico il paziente secondo l’idea del “percorso di cura” e non più del reparto ospedaliero. Il senso del progetto Heart Pathway ben si attaglia ad una struttura ospedaliera come la “San Michele” di Maddaloni, dove l’alta tecnologia della diagnostica e delle terapie è volta a garantire una sempre

Oral Cancer Day: in piazza con i volontari di Fondazione ANDI per prevenire il tumore del cavo orale

Fino all’8 giugno visite di controllo gratuite e screening presso gli studi dentistici ANDI Rappresenta il 5% dei tumori nell’uomo e l’1% nella donna ma la sua incidenza complessiva è in aumento. È il tumore del cavo orale, una forma di cancro che colpisce le cellule di rivestimento della bocca, sviluppandosi più frequentemente su lingua, mucosa delle guance, pavimento della bocca, orofaringe e tonsille. In Italia fa registrare ogni anno oltre 9.000 nuovi casi con una mortalità, a 5 anni dalla diagnosi, di oltre il 43%. Quando però questo tumore è rilevato e curato nella sua fase iniziale è possibile ottenere un tasso di guarigione di oltre l’80%, con interventi terapeutici poco invasivi. Da qui la fondamentale importanza di un’adeguata prevenzione e di una diagnosi precoce. È proprio per sensibilizzare i cittadini e informarli su questo carcinoma, su come riconoscerlo

Adrenoleucodistrofia, se ne discute al XLVIII Congresso della Società Italiana di Neurologia

Focus dedicato all'Adrenoleucodistrofia, la malattia dell'olio di Lorenzo, una patologia rara ed altamente invalidate, spesso letale, che si terrà all'interno dell'annuale congresso della Società Italiana di Neurologia (SIN) Napoli - Domenica 15 ottobre, a partire dalle ore 17.00, nell’ambito del XLVIII Congresso della Società Italiana di Neurologia (SIN), presso il centro congressi della Mostra D’Oltremare, si parlerà di Adrenoleucodistrofia. L’impegno dell’Associazione Italiana Adrenolecodistrofia, presieduta da Valentina Fasano, continua ad incrociarsi con quello di due tra le principali figure mediche, referenti per questa malattia, fortemente invalidante e spesso letale, il neurologo e l’endocrinologo. Il XLVIII Congresso della Società di Neurologia è organizzato dalle Cliniche Neurologiche dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”” e dalle Neurologie della Regione Campania. A patrocinare l’evento oltre che l’Università della

Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer: Leo Gullotta racconta la malattia in “Lettere a mia figlia”

In occasione della Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer, il 21 settembre, Studio Universal (Mediaset Premium DT) presenta con Paradise Pictures, il pluripremiato cortometraggio “Lettere a mia figlia” di Giuseppe Alessio Nuzzo, interpretato da Leo Gullotta nei panni di un anziano padre che scrive delle lettere alla figlia nel tentativo di spiegare la sua malattia Il corto sarà in onda, sul Canale del grande cinema americano classico oggi 21 settembre alle 15.15 all’interno del magazine A Noi Piace Corto. "Un corto che serve a far entrare chi guarda in questa piccola storia di una malattia terribile, l'Alzheimer» così Leo Gullotta, protagonista del film breve “Lettere a mia figlia”, finalista in centinaia di festival in tutto il mondo e vincitore di