Salvini contestato a Castel Volturno, accolto con “traditore” e “buffone”

Il Ministro dell'Interno in provincia di Caserta dove ha presieduto il Comitato Ordine Pubblico Caserta, 15 agosto - Accese contestazioni all'indirizzo di Matteo Salvini intervenuto oggi a Castel Volturno per presiedere al Comitato nazionale per la sicurezza. Due gruppetti contrapposti di sostenitori e contestatori del ministro dell'Interno, in tutto una cinquantina di persone, si sono fronteggiati all'esterno della Scuola forestale dei carabinieri di Castel Volturno, dove si è tenuto il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal titolare del Viminale. Cartelli e slogan dei contestatori che hanno gridato "Buffone buffone", "Pagliaccio" e "Vergogna, ci hai tradito. Vi siete messi la dignità sotto i piedi". La risposta dei sostenitori con il coro "Salvini Salvini".

Scontri per l’arrivo di Zingaretti a Napoli

Un manifestante ferito e medicato al Pellegrini Napoli, 29 aprile - Momenti di tensione all'esterno del teatro Sannazaro di Napoli, dove un gruppo di una trentina di disoccupati hanno attuato un presidio in attesa dell'arrivo del leader del Pd Nicola Zingaretti. C'è stato un contatto tra i manifestanti e le forze di polizia presenti sul posto: uno dei disoccupati è stato ferito alla fronte. La situazione è poi tornata sotto controllo. Il bilancio degli scontri, secondo le verifiche effettuate negli ospedali, è di un manifestante ferito e medicato al Pellegrini. I manifestanti hanno segnalato alcuni contusi nelle loro file. Zingaretti è stato fatto entrare nel teatro da un ingresso laterale. Alcuni dei partecipanti all'appuntamento sono stati insultati al loro arrivo dai disoccupati. Gli

Manifestanti occupano gli uffici del Comune, chiedono soluzione per chi è a rischio sgombero

Protesta di famiglie e attivisti di 'Magnammece 'o pesone' Napoli, 24 luglio - Famiglie e attivisti del movimento 'Magnammece 'o pesone' hanno occupato a Napoli alcuni uffici dell'assessorato al Bilancio al primo piano della sede del Comune. Gli occupanti - a quanto si apprende - sono entrati dall'ingresso laterale del palazzo istituzionale mentre altri manifestanti sono davanti la sede del palazzo del Consiglio comunale dove oggi si discute di Patrimonio. Tra gli occupanti ci sono anche donne e bambini. Si tratta delle persone che occupano da tempo un immobile in piazza Miraglia, nel cuore del centro storico di Napoli. Al momento, i manifestanti non hanno intenzione di lasciare i locali e intendono proseguire l'occupazione "a oltranza fino a che - spiegano - non

Napoli, migliaia di partecipanti al corteo migranti contro Lega e M5S

Ad aprire il corteo lo striscione, "Aprite i porti, Welcome refugees" Napoli, 13 giugno - Nella giornata di ieri è stato messo in atto un corteo dei migranti contro la Lega e il M5S durante il presidio a largo Berlinguer indetto dalla Rete antirazzista, dal movimento Migranti Napoli e da Potere al Popolo. I manifestanti sono arrivati in corteo da piazza Garibaldi. Ad aprire il corteo lo striscione 'Aprite i porti, Welcome refugees'. Un messaggio ribadito su un altro striscione anche in inglese e in francese. Dopo il presidio, i manifestanti si sono diretti davanti la Prefettura e poi alla Stazione Marittima al grido di 'Tutto il mondo detesta Salvini', 'Assassini' e 'Apriamo i porti, mandiamo via Salvini'. Versata vernice rossa sulle bandiere della

Stazione Tav di Afragola alla sua quinta inaugurazione, tra campi coltivati ed erbacce

La stazione, che permetterà di raggiungere Napoli nel giro di una ventina di minuti, è stata inaugurata alla presenza del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio,  del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, e dei vertici di Ferrovie dello Stato Napoli, 6 giugno – All’inaugurazione della stazione Tav di Afragola erano presenti, oltre a Gentiloni (vai all'articolo), il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il prefetto di Napoli, Carmela Pagano, i vertici di Ferrovie dello Stato. Quella avvenuta oggi è di fatto la quinta inaugurazione dell’opera dell’archistar anglo-irachena Zaha Hadid, nonostante nel 2015 De Luca disse: “Questa non è la quarta inaugurazione, è l’ultima”. Neanche per sogno, nel frattempo Hadid,

Alta Velocità ad Afragola, Gentiloni: “siamo un paese che rialza la testa”

I fotoreporter accreditati si sono allontanati per protestare contro "l'impossibilità di esercitare il diritto-dovere di cronaca" Napoli, 6 giugno - Tensione alla stazione ferroviaria si Napoli Centrale, nei pressi del binario 17, dove alcuni disoccupati e militanti dei centri sociali, che esprimevano striscioni, hanno tentato di superare il desk degli accrediti con l'obiettivo di avvicinarsi al treno che ha condotto i giornalisti ad Afragola (Napoli) dove vi era in programma l'inaugurazione della prima fase dei lavori della stazione dell'Alta Velocità progettata da Zaha Hadid, in presenza del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. I manifestanti sono stati bloccati dalle forze dell'ordine prima che arrivassero sui binari. Gentiloni durante l'inaugurazione ha affermato, "Siamo un paese che rialza la testa e questa inaugurazione è carica di

Liberi i due manifestanti arrestati per gli incidenti del corteo anti-Salvini

Obbligo di firma tre giorni alla settimana Napoli, 13 marzo - Scarcerati i due manifestanti arrestati per gli incidenti di sabato scorso in occasione della visita di Matteo Salvini a Napoli. Lo ha deciso il giudice monocratico, Luigi Rescigno, che, accogliendo le richieste della Procura, ha disposto, dopo la convalida dell'arresto, come misura cautelare, per i due, Luigi Tarantino e Carmine Esposito, l'obbligo di presentazione alla Polizia tre giorni alla settimana. Il processo è stato fissato per il 17 maggio prossimo. Durante l'udienza si è tenuto un sit-in di protesta davanti al tribunale con le forze dell'ordine in tenuta antisommossa, che hanno sotto controllo la situazione.

#VentiRighe – No, non ti vogliamo

“Ci siamo rotti i coglioni dei giovani del mezzogiorno, che vadano a fannculo i giovani del mezzogiorno, Al Sud non si fa un emerito cazzo dalla mattina alla sera. Al di la di tutto sono bellissimi i paesaggi del Sud, il problema e chi lo abita. “(I meridionali) sono così ce l’hanno per cultura di non fare un cazzo dalla mattina alla sera” L’accademia della Crusca chiude gli occhi per evitare il disgusto per la volgarità e l’italiano zoppo di questo post leghista. L’autore, anche se non si autodenuncia come tale è un troglodita leghista, indottrinato dall’indecente, irrispettoso “teorema Salvini” che ha rivelato a più riprese il suo truce razzismo, infiorato di insulti ben oltre i limiti del lecito. Sperando di

Manifestanti occupano la sala che ospiterà domani Matteo Salvini

Ieri due striscioni contro il leader della Lega Nord Manifestanti della rete antifascista e aderenti ai centri sociali hanno fatto irruzione nella sala congressi della Mostra d'Oltremare mentre erano in corso i lavori di allestimento dell'impianto audio predisposto per domani, dove è previsto l'intervento del leader della Lega Nord, Matteo Salvini. I manifestanti hanno aperto dei cartelli e urlato slogan contro il leader della Lega. Da ieri in città sono apparsi striscioni contro l'arrivo di Salvini. Ieri due striscioni contro Matteo Salvini sono stati calati dal quarto piano del Palazzo che in via Verdi ospita il Consiglio Comunale di Napoli. Gli esponenti del centro sociale Insurgencia hanno srotolato due striscioni con il messaggio: "Comune desalvinizzato". La stessa iniziativa era stata messa in atto nei

Bagnoli, manifestanti espongono striscioni sul Maschio Angioino. La richiesta è “bonifica, lavoro e servizi sociali”

Continua così la mobilitazione contro il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che sarà in città il 6 aprile per prendere parte alla cabina di regia su Bagnoli Napoli, 31 marzo – Dopo l'assemblea pubblica che si è svolta ieri pomeriggio a Villa Medusa, allo scopo di organizzare il comitato di “benvenuto” in città al presidente del Consiglio Matteo Renzi (vai all'articolo), continua la mobilitazione dei comitati e movimenti flegrei, che come il Comune di Napoli sono contrari al commissariamento di Bagnoli, voluto proprio dallo stesso Renzi. Quest'ultimo arriverà in città mercoledì 6 aprile e, salvo ripensamenti dell'ultima ora, si recherà in Prefettura per prendere parte alla cabina di regia su Bagnoli. Allo scopo di farsi sentire, questa mattina uno striscione enorme è

Bagnoli: manifestanti caricati dalle forze dell’ordine, videoperatore aggredito

Impedito ad un videoperatore  di filmare la carica della polizia Napoli, 14 agosto - Non cessano le polemiche per quanto accaduto ad un gruppo di manifestanti, a margine della visita del Presidente del Consiglio a Città della Scienza per la firma del protocollo d'intesa che permetterà la rinascita dello Science Center e la bonifica dei suoli di Bagnoli. Un centinaio di contestatori, tra studenti, disoccupati ed attivisti del "Laboratorio politico Iskra", sono stati caricati dalla polizia in assetto antisommossa, all'altezza del passaggio a livello della ferrovia Cumana in via Nuova Agnano. La carica della polizia è ben documentata da un video che è stato rilanciato on line da Repubblica.it. L'aggressione della polizia sarebbe stata giustificata dalle parole ingiuriose rivolte dai manifestanti all'indirizzo di un dirigente della

Sospeso il concerto del primo maggio a Città della Scienza per disordini. Colpa dei manifestanti?

Napoli, 2 maggio - “Vergogna”, riferito ai sindacati. È questa la parola che risuonava forte a Città della Scienza nella serata dedicata alla festa dei lavoratori del primo maggio, dal gruppo di manifestanti giunti in corteo attraverso le strade di Bagnoli, fino al palco che ospitava il concerto indetto da Cisl, Cgil, Uil di Napoli, costringendoli a sospendere l’evento. A manifestare sono i lavoratori dell'Irisbus, i cassintegrati della Fiat di Pomigliano, i disoccupati del progetto Bros, collettivi studenteschi ed aderenti al centro sociale Iskra, attivisti dei movimenti napoletani che chiedono una "urgente" bonifica del quartiere di Bagnoli. Già nel primo pomeriggio, si erano ritrovati a Bagnoli, a due passi dalla Città della Scienza, per protestare contro gli stessi sindacati, affermando che "Oggi

Ippodromo di Agnano. Le proteste dei lavoratori senza stipendio da 7 mesi.

Ancora una protesta dei lavoratori dell’ippodromo di Agnano che, giovedì 7 febbraio, hanno percorso Via Terracina con cavalli al seguito bloccando di fatto il traffico già caotico nel quartiere Fuorigrotta. Il corteo, articolato da ben otto cavalli ed un centinaio di dipendenti è uscito dallo svincolo di Fuorigrotta procedendo per Via Terracina in direzione di Agnano. Un gruppo di manifestanti si è diretto verso la sede Rai di Via Marconi. Presente alla manifestazione, per la tutela dei cavalli, il commissario campano dei Verdi, Francesco Bonelli. La mancata erogazione degli stipendi, da sette mesi, e la chiusura della struttura dell’ippodromo, sono le motivazioni dei manifestanti. La lettera aperta inviata il 6 gennaio 2013 dall’Amministratore Unico, Dr Gaetano Papalia, alle istituzioni, ai lavoratori di

Fame di Lavoro vero. Il Ministro del Lavoro Fornero a Napoli. Striscioni dei manifestanti: “Jatevenne!”

Fuorigrotta, Napoli, 12 e 13 novembre. “Jatevenne!” è il grido dei giovani manifestanti che si alza contro il Ministro del Lavoro Elsa Fornero, arrivata a Napoli con il Ministro dell’Istruzione Profumo, per discutere, alla Mostra d’Oltremare, di un “progetto-apprendistato” rivolto alle nuove generazioni dai quindici anni in su. La rabbia degli “schizzinosi” si fa sentire e, raggiunto il livello massimo di sopportazione, anche la pazienza si è esaurita. Troppe le occasioni in cui sono stati definiti: “bamboccioni”, “sfigati”, “choosy” e tutto questo, unito ad uno stato di crisi generale, ha determinato la rottura. I ragazzi si sentono presi letteralmente in giro dai Ministri che usano termini impropri dando l’impressione di non aver chiara la vera situazione in cui questi si