AnDDL, il 2020 si apre all’insegna della protesta in nome della stabilizzazione dei precari della Scuola

Fissati già 3 appuntamenti a gennaio per rilanciare le proposte di stabilizzazione: corteo a Napoli il 3, Milano in assemblea il 9 gennaio e Bologna il 17 per assemblea e corteo di protesta nel cuore della città "La mobilitazione avviata 5 anni fa con l'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori ed oltre un anno fa insieme ai sindacati era ed è per portare alla stabilizzazione decine di migliaia di lavoratori precari. Oggi quegli stessi precari si vedono penalizzati da una politica sorda che ha deciso numeri dei posti da mettere a bando, nettamente inferiori a quelli necessari per stabilizzare tutti i lavoratori che sono serviti allo Stato per garantire il funzionamento delle Scuole in questi anni, ed emesso sentenza:

Whirlpool: lavoratori in corteo con famiglie

Operai e le loro famiglie in piazza per scongiurare la chiusura dell'azienda. In piazza anche lavoratori dell' indotto Napoli, 25 ottobre - Circa 250 dipendenti della Whirlpool, che dovrebbe chiudere il 31 Ottobre, hanno sfilato in corteo insieme alle proprie famiglie nel centro di Napoli. Gli operai hanno percorso l' area pedonalizzata di Via Toledo scandendo slogan e si sono al Castel dell' Ovo, sul lungomare, dove è in corso una manifestazione sulla loro vertenza. Alla manifestazione si sono uniti gruppi di operai dell' indotto.

Whirlpool chiude, l’azienda cede il sito di Napoli

Lavoratori in strada dopo notizie negative incontro Roma. Momenti tensione. Sgambati (Uil), azienda irresponsabile Quello con i vertici di Whirlpool a Palazzo Chigi "è stato un incontro non positivo, nonostante la massima disponibilità del governo a mettere in campo tutte le iniziative necessarie per continuare la produzione sul sito di Napoli non c'è stata nessuna apertura da parte di Whirlpool". Così il ministro dello sviluppo economico, Stefano Patuanelli. L'azienda "continua a proporre come unica soluzione una cessione del ramo d'azienda sostanzialmente verso l'ignoto", ha aggiunto. I lavoratori della Whirlpool hanno bloccato l'autostrada Napoli-Salerno dopo aver raggiunto in corteo la rampa di accesso. Gli operai sono usciti in strada dalla sede della fabbrica in via Argine dopo aver appreso le notizie sull'esito negativo

Monta la protesta dei docenti precari di Terza Fascia. Vespa (AnDDL): “Contro la politica che non decide saremo nuovamente in piazza”

L'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori organizza una nuova manifestazione di protesta a Roma, il 4 settembre in piazza Montecitorio a partire dalle ore 9,30, per la stabilizzazione dei docenti precari con pluriennale esperienza "È emergenza sociale - scrive il professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e Coordinatore UIL Scuola Precari. A settembre saranno 180mila i contratti a tempo determinato per mancanza di docenti di ruolo. Ancora un anno in emergenza! E ancora di più degli anni passati! Stabilizzare i docenti precari si deve e si può". E qui la proposta si fa di una semplicità estrema, a mo' di sfida verso i politici di tutti gli schieramenti che, dice il professor Vespa, "predicano

A Roma ad agosto costretti ancora a protestare, Vespa (AnDDL): “Stabilizzare tutti i precari e abilitare tutti gli ingabbiati”

Mercoledì 7 agosto i “Disoccupati di Stato” e i docenti di ruolo “ingabbiati” manifestano insieme a piazza Montecitorio Napoli, 1 agosto - "Ed anche il mese di luglio è trascorso nell'attesa di un decreto urgente che non arriva mai! Dopo oltre 3 mesi da quel 24 aprile 2019, data dell'accordo che poi ha dato l'avvio ad un tortuoso confronto Governo, Miur e Sindacati conclusosi con la firma dell'11 giugno, i precari della scuola sono ancora in attesa del “veicolo normativo” più veloce per dare attuazione a quanto deciso". Così, in una nota stampa, il professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e Coordinatore UIl Scuola Precari. "Intanto Settembre è alle porte e si prevede un nuovo anno all'insegna

Navigator e M5s protestano sotto la sede della Regione Campania

La manifestazione di protesta a seguito delle dichiarazioni del governatore di non voler firmare convenzione Napoli, 22 luglio - Protestano davanti alla sede della Regione Campania, a Napoli, per chiedere di poter iniziare il loro lavoro: sono gli idonei del concorso per navigator, coloro che dovranno guidare chi percepisce il reddito di cittadinanza nella ricerca di un lavoro. Protestano davanti alla sede della Regione Campania assieme ai consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle "perché De Luca non vuole firmare" per stipulare la convenzione con l'Anpal, l'Agenzia nazionale per il lavoro, che permetterà ai vincitori del concorso di iniziare a lavorare. Eppure, sottolineano, "in sede di Conferenza Stato-Regione lo stesso De Luca si è impegnato a sottoscrivere lo schema di convenzione per il

“Forza Noemi”, sit in sul luogo della sparatoria

Un solo striscione: "Disarmiamo Napoli", manifestazione contro ogni violenza promossa dall'associazione 'Un popolo in cammino' Napoli, 5 maggio - Circa trecento persone si sono ritrovate stamane in piazza Nazionale, a Napoli, dove venerdì scorso si è verificata la sparatoria in cui sono rimasti gravemente feriti un pregiudicato, bersaglio dell'agguato, e la piccola Noemi di quattro anni, colpita per errore da un proiettile che le ha trapassato i polmoni. Un sit-in silenzioso, promosso dall'associazione 'Un popolo in cammino', con numerose adesioni e un solo striscione: "Disarmiamo Napoli", contro ogni violenza. Tra i partecipanti una bambina di pochi anni, che reggeva un cartello scritto a mano con due sole parole di incoraggiamento per la sua coetanea in lotta per la vita: "Forza Noemi". Intanto restano

Uil Scuola Napoli e Campania: i precari si mobilitano per la fase transitoria

Appuntamento con il sit-in di protesta di giovedì 13 dicembre ore 14.30 alla Prefettura di Napoli in piazza del Plebiscito. Una delegazione chiederà di incontrare il prefetto Napoli, 6 dicembre - "E' ora di dire basta! Basta alle discriminazioni. Basta alle prese in giro. Basta alle proposte farlocche e mortificanti per i Lavoratori. In una sola espressione basta precariato! Chi ha pluriennale esperienza va stabilizzato. Chi ha vinto un concorso deve andare in ruolo subito!" E' per questi motivi che giovedì 13 dicembre alle ore 14.30, la Uil Scuola di Napoli e Campania con il Segretario regionale Luigi Panacea e il neo Coordinatore Uil Scuola Precari della Campania Pasquale Vespa danno appuntamento a tutti i precari della al sit-in di protesta

“L’amore non ha lividi”, la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Dalla manifestazione di Roma "Non una in meno" a "Scampia Run for Woman" In occasione della giornata nazionale contro la violenza sulle donne, ieri, migliaia di persone hanno sfilato per il centro di Roma per la terza edizione della manifestazione 'Non una di meno'. "Siamo 150mila", gridavano dal carro dell'organizzazione: a sfilare, in maggior parte donne giovani e di mezza età. Un corteo colorato di fucsia, tra palloncini e fazzoletti, arrabbiato negli slogan contro la violenza degli uomini sulle donne, che ha chiamato ad una 'agitazione permanente' contro quello che viene definito "l'attacco in corso alla legge 194" che disciplina l'aborto e contro il ddl Pillon, in discussione in Parlamento sulla riforma del diritto di famiglia in caso di separazioni. E poi

Migranti richiedenti asilo in piazza a Napoli

A Napoli in 150 non trovati in strutture di accoglienza rischiano di perdere il diritto di ospitalità Napoli, 28 agosto - Circa 150 migranti rischiano di rimanere in strada a Napoli dopo che il 13 agosto scorso sono risultati assenti ad un controllo della Polizia nei centri di accoglienza straordinaria nei pressi della Stazione centrale. Oggi hanno manifestato, in corteo da piazza Garibaldi fino davanti alla Prefettura, per chiedere di non essere 'espulsi' dai centri. Si tratta di richiedenti asilo che temono di perdere il diritto a rimanere nelle strutture in attesa del pronunciamento sulla loro domanda d'asilo. A solidarizzare con i manifestanti varie associazioni antirazziste e centri sociali. L'assenza nei centri oltre le 21 - che fa scattare la decadenza dal diritto

Napoli, migliaia di partecipanti al corteo migranti contro Lega e M5S

Ad aprire il corteo lo striscione, "Aprite i porti, Welcome refugees" Napoli, 13 giugno - Nella giornata di ieri è stato messo in atto un corteo dei migranti contro la Lega e il M5S durante il presidio a largo Berlinguer indetto dalla Rete antirazzista, dal movimento Migranti Napoli e da Potere al Popolo. I manifestanti sono arrivati in corteo da piazza Garibaldi. Ad aprire il corteo lo striscione 'Aprite i porti, Welcome refugees'. Un messaggio ribadito su un altro striscione anche in inglese e in francese. Dopo il presidio, i manifestanti si sono diretti davanti la Prefettura e poi alla Stazione Marittima al grido di 'Tutto il mondo detesta Salvini', 'Assassini' e 'Apriamo i porti, mandiamo via Salvini'. Versata vernice rossa sulle bandiere della

Le guide turistiche sul piede di guerra, pronte alla protesta ad oltranza a Pompei Scavi

A partire dal 19 giugno a Pompei Scavi faranno sentire la propria voce per la crisi in cui versano Le guide turistiche campane scendono in piazza: l’Associazione Guide Turistiche Campania insieme a tutte le sigle rappresentative di categoria, ARCG, Uiltucs, UGL, Flaica Cub, Federagit hanno indetto una manifestazione il 19 giugno davanti agli scavi di Pompei a partire dalle 9. Protestano per dire no alla paradossale e infelice situazione di crisi in cui versano a causa di scelte sbagliate, compiute da politici, nazionali e internazionali, e da inadeguati funzionari, che invece di valorizzare una figura motrice dell’economia turistica italiana hanno contribuito a dequalificarla. “Ora basta! Siamo stati troppe volte massacrati sotto i fendenti inferti dagli ultimi Governi e non si può più attendere. - afferma Pietro Melziade presidente

Napoli, centri sociali protestano contro Lega e M5s

Questa mattina a Napoli cori e slogan "vergognatevi" nei pressi della metropolitana di Via Toledo, contro Lega e M5S con l'accusa di tradimento Napoli, 19 maggio - Questa mattina una ventina di attivisti dei centri sociali "Insurgencia" si sono riuniti in Via Toledo per manifestare contro la Lega e M5S, davanti gli stand dei partiti. I gazebo, allestiti per mostrare il contratto di governo ai cittadini e per sollecitare l'opinione pubblica, sono stati accolti da cori rivolti soprattutto contro il leader della Lega. Si è trattata di una protesta durata pochi minuti, necessari per esternare il malcontento degli attivisti dei centri sociali che hanno accompagnato i cori con una bambola di plastica con la foto di Salvini al posto della testa e con

“No al debito ingiusto”, in tremila al corteo. De Magistris: “Ci attaccano perché non abbiamo privatizzato nulla”

In piazza Municipio la manifestazione per protestare contro il debito da 150 milioni contestato al Comune di Napoli. Alla contro manifestazione di piazza Trieste e Trento, dove si sono radunati gli avversari politici di de Magistris, c’era anche Casapound e gli esponenti del Pd hanno scelto di andarsene Napoli, 14 aprile – “È la prima manifestazione contro il debito ingiusto in Italia, con oggi siamo passati alla storia”. A dirlo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, davanti a circa tremila persone riunite davanti palazzo San Giacomo per protestare contro il debito da 150 milioni che lo Stato contesta al Comune di Napoli (vai all’articolo). “Qualcuno”, ha aggiunto il sindaco riferendosi alla contro manifestazione dei suoi avversari politici in piazza Trieste