Vespa (AnDDL): “Grazie alla ritrovata unità sindacale si è giunti a dare una risposta ai tanti docenti precari”

"Ora ci attendiamo il sostegno e il supporto di tutte le forze politiche, da destra a sinistra, perchè questa firma sia non un punto di arrivo ma un punto di partenza per dare quella serenità necessaria a decine di migliaia di famiglie di onesti lavoratori" Napoli, 15 giugno - Accordo fatto. L'11 giugno scorso il tavolo di confronto tra Governo, Miur e Sindacati ha portato alla firma di un'intesa che apre un nuovo scenario nella Scuola pubblica italiana. Si è sancita la legittimità di un diritto, il diritto a continuare a lavorare, per decine di migliaia di precari. Ho tardato a commentare l'intesa raggiunta in settimana, - scrive in una nota il professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione nazionale "Docenti per i

Vespa (AnDDL): “Non barattiamo la stabilizzazione promessa con ridicole percentuali. Per cosa esultano i leghisti?”

In piazza il 17 maggio per la stabilizzazione dei docenti precari e per dire NO alle discriminazioni e allo sfruttamento di Stato. La battaglia unisce, la politica gialloverde continua ad alimentare divisioni "Il 17 maggio #IoSciopero! C'è poco da replicare alle proposte che provengono dai parlamentari della VII commissione cultura di camera e senato lega e cinquestelle". Così il professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori e Coordinatore Uil Scuola Precari. "Non alteriamo i termini della questione che erano stati alla base della campagna elettorale dei due partiti di maggioranza, non barattiamo la necessaria e doverosa stabilizzazione dei docenti precari con una inutile percentuale di riserva al prossimo concorso calderone!" "Prendiamo atto - continua il presidente Vespa

Scuola, Vespa (AnDDL): “traditi dal senatore Pittoni”

AnDDL: "Ci piove addosso un emendamento-insulto a firma del senatore Mario Pittoni che non va nella direzione degli impegni presi dalla Lega in campagna elettorale" Napoli, 18 febbraio - "Avrei voluto comunicare quanto detto e fatto nella due giorni da me spesa a Cagliari nella nuova ennesima assemblea partecipata organizzata da UIL Scuola e dall'Associazione nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori, quando invece ci piove addosso un emendamento-insulto a firma del senatore Mario Pittoni - commenta il presidente di AnDDL Pasquale Vespa -. "Quel signore - continua Vespa - che con il suo modo di fare bonario, gentile e dialogante, sempre pronto a rispondere al telefono o a chiamare a tutte le ore del giorno o della notte, aveva

De Magistris, Bussetti ministro dell’ignoranza

Il sindaco di Napoli commenta le dichiarazioni del ministro dell'Istruzione Marco Bussetti, secondo il quale: "Ci vuole impegno del Sud, vi dovete impegnare forte". Più fondi? "No, impegno, lavoro, sacrificio, impegno, lavoro e sacrificio"  Napoli, 9 febbraio - "Questo è il ministro dell'Istruzione del governo del cambiamento. Parole di chi non conosce storie e fatti e, quindi, ignorando il Sud è un ministro dell'ignoranza. Tono e sguardo evidenziano il suo disprezzo per le nostre terre. Provo vergogna per come sta cadendo in basso il nostro Paese". Così in un post il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commenta un video - che il primo cittadino pubblica su Facebook riprendendo una risposta ad un giornalista del ministro ieri nel Napoletano sul divario Nord/Sud e

Di Maio a Bussetti: chieda scusa

Siamo noi al governo che dobbiamo impegnarci di più Napoli, 9 febbraio - "Se un Ministro dice una fesseria sulla scuola, chiede scusa. Punto. Venire in una delle aree più in difficoltà d'Italia a dire - usando il "voi" - che per ridurre il gap nelle scuole del sud "vi dovete impegnare di più" farebbe girare le scatole anche ad un asceta. Figurarsi gli insegnanti! Caro Marco, siamo noi al Governo che evidentemente dobbiamo impegnarci sempre di più. Soprattutto sulla scuola, che richiede interventi storici per le condizioni veramente indegne in cui versano tante strutture". Lo scrive su facebook il vicepremier Luigi Di Maio.

Bussetti a Napoli, su gap scuole Nord/Sud: “ci vuole l’impegno del Sud, vi dovete impegnare di più”

Sul gap infrastrutturale delle scuole del Sud rispetto al Nord, Bussetti: "ci vuole l'impegno del Sud, vi dovete impegnare forte. Questo ci vuole. Impegno, lavoro e sacrificio. Impegno, lavoro e sacrificio" Napoli, 8 febbraio - "Il cyberbullismo non rientra tra le forme di educazione alla legalità, aspetto su cui noi dobbiamo lavorare. È per questo che introdurremo l'educazione civica, che comprenderà anche questo argomento". Lo ha detto il ministro della Pubblica Istruzione Marco Bussetti rispondendo alle domande dei cronisti all'istituto superiore Francesco Morano di Caivano (Napoli), dove è intervenuto per la presentazione del progetto del Moige 'Giovani Ambasciatori contro il cyberbullismo per un web sicuro'. A margine dell'incontro, il ministro, sollecitato dal giornalista di Nano Tv che gli domanda quale azione sia prevista

Scuola, precari traditi dal Governo del Cambiamento. Le tappe della mobilitazione

Non si arresta la protesta dei docenti precari penalizzati dal "tradimento" delle promesse fatte in campagna elettorale che parlavano di abilitazione e stabilizzazione Roma, 2 gennaio - E' stata una fine d'anno amara quella vissuta dai docenti precari con anni di esperienza nell'insegnamento. Approvata con la legge finanziaria anche la modalità di selezione del personale docente. "Nessun percorso di stabilizzazione. Solo un magro 10% di riserva in un concorso super selettivo che i precari dovranno dividere anche con i docenti di ruolo e gli abilitati con 36 mesi di servizio che potranno partecipare ad un concorso che per come è stato pensato vedrà milioni di partecipanti per un pugno di posti! Una vera beffa!" - così il presidente Pasquale Vespa di

AnDDL incontra il ministro Bussetti e scende in piazza con gli studenti

Vespa (AnDDL) al Ministro Bussetti: con la decisione di procedere con un concorso aperto a tutti si assume la responsabilità morale e politica di creare 30mila nuovi esodati Napoli, 1 dicembre - "E' stata una manifestazione fortemente sentita. Studenti e docenti precari insieme in piazza. Un'occasione di democrazia partecipata dove era espresso da un lato il disagio dei ragazzi per le decisioni calate dall'alto anche da questo che si autoproclama il "Governo del Cambiamento", dall'altro la disperazione palpabile dei docenti precari che da anni mandano avanti la Scuola pubblica italiana, ora minacciati per il loro futuro lavorativo dalle proposte del neo ministro della Pubblica Istruzione espressione dalla Lega". Questo il commento del professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione nazionale Docenti per i

Sciopero della Scuola, AnDDL in piazza il 30 novembre per chiedere la Fase Transitoria per i precari storici

Vespa (AnDDL): in campagna elettorale e nel contratto di Governo è stata sbandierata la Fase Transitoria per i docenti precari. Si passi dalle parole ai fatti, ne va della credibilità di questa nuova compagine di Governo "Ci aspettavamo nel mese di ottobre la soluzione prospettata in campagna elettorale dal Senatore Mario Pittoni, responsabile federale Scuola per la Lega. Siamo a novembre ed il ministro Bussetti ha proposto una bozza per il reclutamento inserita nel Def in discussione in Parlamento che taglia le gambe al precariato storico di Terza Fascia delle GI. Per questo motivo scenderemo in piazza il 30 novembre per presidiare il Miur di Viale Trastevere e per far sentire la voce delle decine di migliaia di precari che si aspettavano

Scuola, Vespa (AnDDL): oltre 22mila famiglie di precari chiedono la Fase Transitoria per la Terza Fascia con servizio

Le proposte dell'Associazione di precari che ha lanciato una Petizione online e raccolto oltre 22mila firme. Fase Transitoria per stabilizzare i precari di Terza Fascia e soluzioni per le Gae Infanzia Storiche L'Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori, presieduta dal professor Pasquale Vespa, forte della Petizione sottoscritta da oltre 22mila precari, rilancia la proposta di una Fase Transitoria per rispondere al Diritto al Lavoro dei docenti precari di Terza Fascia, senza dimenticare le colleghe di Gae Infanzia. LINK ALLA PETIZIONE https://www.change.org/p/luigi-di-maio-pas-e-ruolo-per-i-docenti-di-terza-fascia "Serve 'solo' la volontà politica. La scuola ha fame di docenti di ruolo e la Fase Transitoria è prevista anche dal Contratto di Governo. Ad oggi solo la Terza Fascia e le Gae Infanzia Storiche sono stati dimenticati e per loro

Dirigenti scolastici lanciano appello a Di Maio e Bussetti, “noi non riconosciuti”

50 dirigenti scolastici campani non vengono riconosciuti come tali dopo un iter anche giudiziario che dura da anni Napoli, 24 luglio - "Chiediamo giustizia, il riconoscimento dei nostri diritti e lanciamo un appello al vicepremier Di Maio e al ministro Bussetti affinchè sia fatta luce su una vicenda incredibile per la quale 50 dirigenti scolastici campani non vengono riconosciuti come tali". Così le insegnanti Paola Guarino e Valeria Vaccaro denunciano all'ANSA la loro condizione di "dirigenti non riconosciuti" dopo un iter anche giudiziario che dura da anni. "Le tenebre hanno avvolto ormai da circa sette anni un gruppo di docenti - spiegano - i quali hanno partecipato al concorso per dirigente scolastico in Campania nel lontano 2011 superando le prove valutabili ma non

AnDDL dice NO ai presìdi contro altri lavoratori: “Il tema vero è la stabilizzazione di tutti i precari”

Vespa (AnDDL): "Saremo a Roma per sottoporre all'attenzione del senatore Mario Pittoni, responsabile federale Istruzione della Lega, le modifiche al DDL SA 355, da lui illustrato, relativo al comma 131 della L.107/15" Napoli, 1 luglio - "In merito alla mobilitazione prevista per il 5 luglio prossimo al Miur in viale Trastevere, l'Associazione Nazionale "Docenti per i Diritti dei Lavoratori" aveva deciso di aderire anche in rappresentanza delle colleghe di Gae Infanzia Storiche che si rivedono nella linea adottata dall'Associazione in difesa del Diritto al Lavoro dei precari della scuola" - così in una nota stampa il presidente di AnDDL Pasquale Vespa. "Dobbiamo constatare invece, che la smania di protagonismo di pochi ha accolto la nostra adesione con un'assurda polemica di primogenitura, fatta

Scuola, l’Associazione Docenti per i Diritti dei Lavoratori: “buon lavoro al ministro Bussetti”

Il Presidente Pasquale Vespa (AnDDL): "sicuri che la linea politica sul precariato scuola sarà nel solco delle linee programmatiche illustrate ai docenti precari dal senatore Pittoni" "L'Associazione Docenti per i Diritti dei Lavoratori esprime piena soddisfazione per la nascita del nuovo Governo a guida Lega-M5s e si ritiene estremamente soddisfatta per la nomina del professor Marco Bussetti alla guida del Ministero della Pubblica Istruzione. Bussetti, già provveditore agli studi di Milano, è stato docente prima e dirigente scolastico poi. Finalmente un ministro a viale Trastevere che proviene dal mondo della scuola!" - così in una nota il professor Pasquale Vespa, presidente dell'Associazione Nazionale che rappresenta i docenti precari di Terza Fascia e le Gae Infanzia Storiche. "Da parte nostra - continua il presidente