Aerospazio, “OrbiTecture”: progettare l’hub per i futuri viaggi su Luna e Marte

L’iniziativa sarà illustrata oggi, giovedì 6 luglio, alle ore 17.30 nel Planetario della Città della Scienza di Napoli Napoli, 6 luglio - Il Quarto Ambiente sarà presto il prossimo habitat dell'uomo. Tra la Terra e la Luna s’insedierà, entro trent’anni, una comunità di un migliaio di persone con un traffico di 100.000 passaggi all’anno per voli di trasferimento verso questa nuova zona "cislunare". Dopo due anni di studi, il Center for Near Space dell’Italian Institute for the Future presenta OrbiTecture, il concept di una rivoluzionaria infrastruttura spaziale pensata per fungere da hub per i futuri viaggi sulla Luna e su Marte. Un progetto unico in Italia e in Europa, che nasce con l’obiettivo di aprire un dibattito con la società civile sul

Studenti campani in collegamento con Marte, protagonisti del “Mars Analog Astronaut Simulation”

120 alunni degli istituti “Giordani” di Caserta e “Righi” di Napoli hanno vissuto un’esperienza formativa unica nel suo genere Napoli, 3 marzo - Studenti campani in collegamento con Marte. Il 21 e 23 febbraio scorso oltre 120 alunni degli istituti “Giordani” di Caserta e “Righi” di Napoli hanno vissuto un’esperienza formativa unica nel suo genere. Sono entrati in collegamento con gli astronauti “analogici” del laboratorio Mars Analog Astronaut Simulation, in Brasile, per la riproduzione dell’habitat marziano. Un gruppo di quattro ‘pionieri’ destinato a vivere per una settimana in un ambiente virtuale per simulare le attività operative e scientifiche di una base sul Pianeta rosso. Si tratta dei giovanissimi Ahmed Louidiyi, ingegnere biomedico marocchino di 23 anni, e Natasha C. Braga, 18enne brasiliana

C’è vita su Marte? La risposta del robot Curiosity

C'è vita su Marte? Si chiedeva un giovane David Bowie in una sua canzone del lontano 1973. La risposta arriva oggi, dopo esattamente 40 anni, grazie a Curiosity, rover della Nasa in missione sul pianeta rosso dall'agosto dello scorso anno, che attraverso delle accurate analisi ha fino ad ora constatato che la presenza di metano, molecola fondamentale per la vita, è inferiore di ben sei volte rispetto a quanto si era ipotizzato, dato che rende impossibile di fatto la presenza di attività biologiche sul pianeta. Grande delusione per gli amanti dello spazio e per gli addetti al settore, che si ritengono comunque soddisfatti per l'ottimo lavoro che il rover sta compiendo, con scoperte sempre nuove ed importanti per lo sviluppo delle