#VentiRighe – L’ingiustizia è uguale per tutti

C’è da chiedere l’ausilio della calcolatrice per conteggiare il “rotto della cuffia” che manda assolti politici e top manager con il rituale italico della prescrizione o grazie a sentenze benevole di una parte sempre più estesa della magistratura giudicante Chi sta dalla parte della giustizia giusta ricorda a chi finge di dimenticare l’intransigenza di magistrati, le loro condanne “esemplari” inflitte al senza lavoro che prende un pezzo di formaggio dagli scaffali del supermarket senza pagarlo. Il vuoto di memoria è anche più vistoso per assoluzioni sospette di corrotti, corruttori, ladri di Stato e cosiddetti “onorevoli”. Il verdetto di condanna dell’ impunità e del rigore a senso unico, è tanto più severo se la benevolenza delle aule di giustizia manda assolti i responsabili

Aversa, precipitano da un ponteggio: un morto ed un ferito

Grave incidente sul lavoro questa mattina ad Aversa Caserta, 13 aprile - Grave incidente sul lavoro questa mattina ad Aversa (Caserta), dove un operaio è morto cadendo da un ponteggio in via Giotto. Anche un secondo lavoratore che era sulla struttura è precipitato ed è ora ricoverato in gravi condizioni all'ospedale cittadino San Giuseppe Moscati. Sul posto gli agenti della Polizia di Stato.

Crolla un ponteggio, muoiono schiacciati dai tubi di ferro due operai, un terzo resta ferito

La tragedia a Piedimonte Matese per i lavori di ristrutturazione della chiesa del Santo patrono Caserta, 1 novembre - Ennesimo bilancio drammatico sul lavoro. Crolla un'impalcatura e travolge tre operai, due muoiono sul colpo, uno schiacciato dai tubi di ferro, l'altro si schianta sull'auto parcheggiata nei paraggi, il terzo uomo resta lievemente ferito. Le vittime si chiamavano Antonio Atzeri, 56 anni di Casoria (Napoli) e Tammaro Albino, di 48 anni, di Gioia Sannitica (Caserta). E' accaduto ieri verso le 15,30 a Piedimonte Matese mentre stavano installando il ponteggio che doveva servire per ristrutturare la facciata della chiesa Santa Maria Maggiore, dedicata al santo patrono San Marcellino, in via Sorgente. I due operai erano giunti all'altezza di 8-10 metri quando la struttura ha ceduto,

Operaio cade da impalcatura e muore sul colpo

L'uomo stava lavorando senza protezioni ad un'altezza di 10 metri. Probabilmente nello spostare alcune lamiere è scivolato ed è precipitato dall'impalcatura. E' morto sul colpo Napoli, 28 marzo - Un operaio di 55 anni, originario di Mugnano è morto cadendo da un impalcatura. E' successo a Napoli, in vico Castellina, nel quartiere Sanità. Inutili i tentativi di soccorso, l'uomo è deceduto sul colpo. Secondo quanto reso noto dai carabinieri l'uomo stava lavorando, senza protezioni, insieme ad altri due operai con i quali stava spostando delle lamiere. Probabilmente il peso eccessivo ha fatto sì che l'operaio scivolasse precipitando da circa 10 metri di altezza. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri della compagnia Stella. FOTO: tratta da ansa.it

Operaio morto folgorato mentre installava impianto di telefonia

  Installava impianto, operaio era al lavoro in un parco di Giugliano (ANSA) - NAPOLI, 20 AGO - Un operaio di 31 anni è morto folgorato a Giugliano (Napoli). L'uomo, originario di Napoli, stava eseguendo, per conto di una società, l'installazione di un impianto di telefonia all'interno di un parco, lungo via San Francesco a Patria, quando è stato colpito - per cause in corso di accertamento - da una scarica elettrica. Immediati i soccorsi ma per lo sfortunato operaio non c'e' stato nulla da fare. Sul posto sono giunti i carabinieri della locale compagnia per i rilievi.

Incidente sul lavoro, morto a Striano un operaio

Striano, 3 gennaio - Domenico Vastola di 54 anni è l’ennesima vittima di un incidente sul lavoro. L'operaio di Striano, dipendente della ditta Mariniello che si occupa di trasporti e logistica, sembra sia morto per un colpo inferto da un pezzo del tir che stava riparando. L’incidente sarebbe avvenuto all’interno del piazzale dell’azienda sita in via Cimitero. A nulla sono serviti i soccorsi intervenuti dopo poco sul luogo. I carabinieri accorsi immediatamente stanno ancora svolgendo le indagini ma l'ipotesi sulla dinamica dell'incidente che vede sia stato un pezzo del tir a colpirlo e a schiacciarlo è quella più probabile. I dati statistici delle morti bianche nel 2013 sono parziali. I numeri relativi ai primi sei mesi dell’anno dicono di un calo, ma ricordiamo che tra

Ancora morti bianche. A Genova il conto registra un +8

Napoli 12 maggio – Morire di lavoro è ancora un evento altamente probabile, almeno per chi un lavoro lo ha. Dall’inizio dell’anno sono 145 i morti sul lavoro, dove le ultime 8 vittime si sono verificate nell'incidente del porto di Genova dei giorni scorsi. Secondo i dati pubblicati dall’Inail (Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro, n.d.r.) per l’anno 2012 il numero è in calo rispetto all’anno precedente con 870 morti e 654 mila infortuni, come comunicato dal direttore generale Giuseppe Lucibello. Nel conteggio sono inclusi anche le forze militari non solo i lavoratoti civili. Secondo l’Osservatorio indipendente di Bologna, ci sono stati invece 1180 vittime, di cui 625 sui luoghi di lavoro. Le morti bianche, come vengono definite le vittime del lavoro, spesso