Telescopio spaziale TESS della NASA scopre pianeta abitabile: due federiciani del team

Scoperto un pianeta parte di un sistema planetario triplo e tra pochi pianeti di dimensioni terrestri individuati finora nella zona abitabile Giovanni Covone, docente di astronomia e astrofisica e Luca Cacciapuoti, studente magistrale del corso di laurea in Fisica, hanno preso parte alla prima scoperta di un pianeta extrasolare di dimensioni terrestri nella cosiddetta zona abitabile, del telescopio spaziale Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA. Progettato e lanciato in orbita allo scopo di trovare pianeti simili alla Terra in orbita attorno a stelle vicine, TESS ha scoperto un pianeta parte di un sistema planetario triplo e tra pochi pianeti di dimensioni terrestri individuati finora nella zona abitabile (cioè la regione intorno ad una stella dove è possibile la presenza di acqua liquida sulla superficie di un pianeta), intorno alla stella

Arriva la festa dei ceci di Cicerale: novità dell’anno la Spirulina

Kermesse all'insegna della dieta mediterranea e occasione per provare la spirulina, definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come “l’alimento più completo del mondo” Cicerale (Salerno), 16 agosto 2019 - Si terrà dal 21 al 23 agosto prossimi la Festa dei Ceci di Cicerale, piccolo felice borgo in provincia di Salerno. Il cece di Cicerale, pregiato legume della dieta mediterranea e presidio Slow Food dal 2012, come sempre sarà il protagonista delle ricette tradizionali e ogni sera sarà possibile partecipare ad un percorso gastronomico tra sapori, mestieri, musiche e tradizioni. Le tre serate saranno all'insegna delle ricette tradizionali, soprattutto a base del pregiato legume, con il piacevole sottofondo della musica popolare. La novità di quest’anno della festa sarà la presenza dell’alimento degli astronauti, ovvero la Spirulina. Sarà presente infatti tra gli stand

Finale di Zero Robotics, giovani programmatori napoletani volano a Boston

Lunedì la sfida con altre 42 scuole provenienti da tutto il mondo È partita ieri mattina dall’aeroporto di Fiumicino la missione internazionale per Boston del team degli studenti dell’Istituto Tecnico Industriale “Augusto Righi” di Napoli che lunedì saranno tra i protagonisti della fase finale dell’High School Tournament della “Zero Robotics”, la competizione internazionale di programmazione di robotica aerospaziale ideata dal MIT, il Massachusetts Institute of Technology, in collaborazione con la NASA. La storia dei giovani studenti napoletani era diventata virale dopo l’appello per finanziare, in assenza di fondi della scuola, la loro eventuale missione a Boston fatto dagli allievi nel corso de “Il Sabato delle Idee”, il pensatoio progettuale fondato dallo scienziato Marco Salvatore, che ha messo in rete negli ultimi dieci anni alcune

Studenti campani in collegamento con Marte, protagonisti del “Mars Analog Astronaut Simulation”

120 alunni degli istituti “Giordani” di Caserta e “Righi” di Napoli hanno vissuto un’esperienza formativa unica nel suo genere Napoli, 3 marzo - Studenti campani in collegamento con Marte. Il 21 e 23 febbraio scorso oltre 120 alunni degli istituti “Giordani” di Caserta e “Righi” di Napoli hanno vissuto un’esperienza formativa unica nel suo genere. Sono entrati in collegamento con gli astronauti “analogici” del laboratorio Mars Analog Astronaut Simulation, in Brasile, per la riproduzione dell’habitat marziano. Un gruppo di quattro ‘pionieri’ destinato a vivere per una settimana in un ambiente virtuale per simulare le attività operative e scientifiche di una base sul Pianeta rosso. Si tratta dei giovanissimi Ahmed Louidiyi, ingegnere biomedico marocchino di 23 anni, e Natasha C. Braga, 18enne brasiliana

#VentiRighe – L’utopia di altri mondi

E’ notte fonda per chi crede o spera di stringere la mano, o chissà il tentacolo robotico di un alieno incontrandolo a metà strada tra l’infinita pochezza della Terra e un mondo che vaga nell’immensità dell’Universo E’ lontana l’alba del giorno sognato dall’uomo qualunque, da astronomi e filosofi del possibilismo, in cui l’infinitesimale essere che popola il nostro pianeta avrà cognizione del perché la vita nell’infinito dello spazio. Per esserne certi basta scegliere una notte stellata e starsene supini sulla sabbia di una spiaggia lontana dalle luci di centri abitati, per navigare con il pensiero nel buio totale, interrotto mille volte dallo scintillare degli astri nella volta del cielo, ma di un suo ridottissimo segmento. La visione del firmamento in soggetti sentimentali

Asteroide in avvicinamento. Lo dice la Nasa che scruta il percorso del proiettile celeste WF9

Opposte teorie, desertificazione-era glaciale In questo tempo di sommovimenti per alcuni versi catastrofici si avverte l’assenza di una Cassandra in grado di pronosticare il futuro. Di un credibile indovino ha urgente necessità il pianeta Terra, se vuole dirimere l’amletico dubbio “essere o non essere” dell’umanità. La scienza tiene sotto osservazione il cielo per evitare l’epopea disastrosa di un asteroide in avvicinamento, tale da provocare un mega tsunami nell’impatto con il nostro pianeta. Lo Nasa che scruta il percorso del proiettile celeste WF9 afferma che il 25 Febbraio l'asteroide, o cometa, passerà a una distanza di 51 milioni di chilometri dalla Terra. L’obiettivo degli studiosi è ovviamente di individuare per tempo gli asteroidi che rischiano di colpire la Terra e reindirizzarli per evitare una collisione, ma

45 anni fa l’uomo sulla Luna con Apollo 11. Ed oggi la NASA promette la conquista di Marte

L'anniversario dello sbarco dell'Apollo11 sulla Luna si festeggia con maratone, selfie e promesse: il prossimo passo sarà sul Pianeta Rosso Erano le 22.18 italiane del 21 luglio di 45 anni fa quando l’Apollo 11 sbarcò sulla Luna, e solo poche ore dopo due uomini, coi loro passi, avrebbero conquistato il satellite. 400mila kilometri separavano il Kennedy Space Center dal nostro satellite, e quell’impronta di Armstrong, ancora oggi impressa sul suolo lunare, è il simbolo di una trionfo pacifico che appartiene all’intera umanità. La prima camminata di Neil Armstrong e Buzz Aldrin fu trasmessa in diretta mondiale. "Houston, qui Base della tranquillità. L'Eagle è atterrato" – così Armstrong annunciava al mondo che era avvenuto l'allunaggio. E chi non ha impresso nella memoria le parole che

C’è vita su Marte? La risposta del robot Curiosity

C'è vita su Marte? Si chiedeva un giovane David Bowie in una sua canzone del lontano 1973. La risposta arriva oggi, dopo esattamente 40 anni, grazie a Curiosity, rover della Nasa in missione sul pianeta rosso dall'agosto dello scorso anno, che attraverso delle accurate analisi ha fino ad ora constatato che la presenza di metano, molecola fondamentale per la vita, è inferiore di ben sei volte rispetto a quanto si era ipotizzato, dato che rende impossibile di fatto la presenza di attività biologiche sul pianeta. Grande delusione per gli amanti dello spazio e per gli addetti al settore, che si ritengono comunque soddisfatti per l'ottimo lavoro che il rover sta compiendo, con scoperte sempre nuove ed importanti per lo sviluppo delle